Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
MUSICA E POESIA
Condividi nei social network   

Maria Carta, la cultura e i canti della sua terra


sardegna (sassari) siligo
pubblicato il 15/04/2013 20:50:03 nella sezione "Musica e poesia"


Maria Carta la cultura e i canti della sua terra
Maria Carta è nata nel Logudoro, a Siligo (Sassari), da una famiglia povera. Ha passato l’infanzia, come ogni bambino della sua condizione, aiutando nel lavoro la famiglia, ma anche prestando attenzione vivacissima alle tradizioni della sua gente.
Fin da bambina quindi ha appreso, insieme con le fatiche e le durezze dell’esistenza, la cultura e i canti della sua terra, che ha cominciato a riprodurre nell’ambito della tradizione più attenta e severa, controllata dai vecchi, depositari di secolari, se non millenarie, melodie.
Fino a questo punto della sua vita nulla c’è stato di diverso dalla storia delle altre donne sarde delle campagne, che si preparavano ad una vita di stenti, dura e solitaria per la lontananza degli uomini, costretti per lunghi periodi nelle tanche di montagna per accudire alle greggi o ad emigrare nelle grandi città industriali del continente, in Germania o in Belgio.
La responsabilità di mandare avanti la casa e di educare i figli ha reso il carattere delle donne sarde forte e temprato. Questa caratteristica non mancava a Maria Carta, che ad un temperamento forte ha unito una sensibilità profonda e delle particolari capacità vocali, doti che hanno fatto di lei un’autentica artista.
Il passaggio quindi da riproduttrice di canti tradizionali ad interprete finissima è stato una tappa obbligata del suo itinerario artistico, che l’ha spinta ad allargare il settore delle ricerche direttamente sul campo, anche nelle regioni della Sardegna limitrofe a quelle in cui è nata e ha passato l’infanzia (Barbagia, Gallura, Campidano), raccogliendo una grande quantità di canti – alcuni dei quali sarebbero altrimenti andati irrimediabilmente perduti – che sono entrati a far parte del suo repertorio.
L’esigenza di una elaborazione filologica e musicologica dei materiali raccolti apparve imprescindibile all’artista, che perciò ne ha curato l’approccio metodologico presso il “Centro studi di musica popolare” dell’Accademia di Santa Cecilia di Roma, dopo il suo trasferimento nella capitale (1958).
Maria Carta ha portato a sintesi due elementi fondamentali dell’espressione musicale: il canto di “memoria”, cioè l’autentica tradizione antica vissuta in prima persona, e l’interpretazione mediata dall’acuta sensibilità dell’artista che, attraverso una voce profonda, dal timbro di contralto, prevalentemente drammatica, carica di vibrazioni e di elementi espressivi, fu capace di attirare fortemente l’attenzione del pubblico e di trasmettergli le sue emozioni.
Queste due “anime” sempre presenti ed espresse insieme in Maria Carta hanno fatto di lei un’artista eccezionale, capace, pur nel rispetto della tradizione, di fornire sempre nuove interpretazioni: non poteva solo riprodurre, ma ad ogni concerto sempre ricreare. Da qui un’ulteriore esigenza di ricerca di testi antichi, quali le raccolte di poesie in lingua logudorese dei secoli XVIII e XIX, aderenti sempre più alla sua sensibilità di artista. Ne è derivato un patrimonio culturale nuovo e antico allo stesso tempo, personalissimo, sottolineato dalle doti di musicalità tipiche di Maria Carta e della sua emozione interna, vissuta, sofferta, come può derivare da un profondo sentire, da una partecipazione in prima persona a quanto di volta in volta proponeva, dopo che i suoni e le parole erano diventati parte integrante di lei.
Un altro aspetto della personalità artistica di Maria Carta è stata l’attività di poetessa. Ha pubblicato il volume Canto rituale, Roma 1975, e ha lasciato numerosi inediti di grande intensità. Il volume a stampa contiene una serie di componimenti su uomini e paesaggi della Sardegna dell’inizio della seconda metà del Novecento, in cui sono evidenziati la civiltà, le contraddizioni, i traumi, la disgregazione, le passioni di questa terra. Il vigore dell’espressione, l’incisività del linguaggio, il lirismo delle immagini, la cultura profonda e matura che emerge da ogni fatto narrato, l’emozione che viene trasmessa al lettore posto di fronte a cose viste e misurate con l’occhio, a suoni fatti propri e riprodotti con la mediazione della sensibilità del poeta, caratterizzano questo libro, che raccoglie un centinaio di poesie autonome, ma è al contempo un poema unitario.
Fra Maria Carta cantante e Maria Carta poeta c’è stata continuità culturale ed artistica che si è manifestata nell’esteriorizzarsi della tragicità: le poesie non concedono nulla ai lati piacevoli della vita, è solo la disperazione – di tempi perduti, di società dissolte, di istituzioni e consuetudini sociali obliterate, di condizioni di vita inumane, di passioni inappagate, di radici strappate – che ha fatto “cantare” il poeta e ha ispirato alla cantante espressioni artistiche e interpretative tutte personali, che si rinnovavano ogni volta e ogni volta erano dolorosamente patite. Questa sua esperienza è stata trasmessa anche a livello universitario, nelle lezioni tenute all’Università di Bologna nel 1991.
Il pubblico di tutto il mondo ha potuto apprezzarne il talento naturale, le doti vocali, la sensibilità artistica. Il festival di Avignone (1980), l’Accademia Chigiana di Siena (1981), il festival del lieder di Carpi, la basilica di Massenzio a Roma, i teatri più prestigiosi d’Italia e d’Europa l’hanno vista numerose volte interprete applaudita, amata e mai dimenticata.

Prof. Francesca Bocchi
Università di Bologna

Foto da: www.comitesspagna.info



Fondazione Maria Carta
Via Aldo Moro n° 1
Siligo (Sassari)
Tel:079837009
Fax:079837009
Website:www.fondazionemariacarta.it/mariacarta/default.htm
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
sardegna (cagliari) monserrato
Andrea Pozza  presena il nuovo cd al Jambalaya
Sardegna chiama Bologna
Il geologo star del country: così Fabio Canu ha conquistato la Spagna
ALESSANDRO DE ROMA A PIEDE LBEROSpresenta La mia maledizione
Claudia Aru e la sua band presto in Lombardia!
La voce di Piero Sanna storico fondatore dei Tenores di Bitti ci lascia
La bellezza tradita della mia Sardegna (di Marcello Fois)
La maglia di lana. Raccontini veri
sardegna (medio campidiano) villanovaforru
Appuntamento a Villanovaforru con la chitarra classica.
Emergenza Maltempo in Sardegna il progetto di Eugenio Finardi: Kekko dei Modà e Roberto Vecchioni i primi nomi
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie