SardiniaIn alla scoperta della Sardegna
Il mirto e il mito
pubblicato il 23/10/2013 18:50:15
Le ricerche storiche hanno rivelato che durante i secoli la pianta del mirto è stata utilizzata nei modi più vari. L'intero arbusto, le foglie, i fiori e le bacche, sono serviti per impieghi che, a molti, potrebbero apparire quantomeno curiosi.Il mirto fa la sua comparsa nella letteratura in tempi assai remoti: bisogna far ricorso alle splendide pagine della mitologia greca per trovare i primi riferimenti a questa pianta. Si scopre così che fu sacra a Venere, dea dell'Amore, la quale, dopo il giudizio di Paride, si cinse la testa con una corona composta da rametti di mirto intrecciati. Per questo motivo gli antichi lo consideravano un simbolo dell'amore e della bellezza. Lo stesso Tiziano, il grande pittore veneto del Cinquecento, nel suo dipinto "Amor Sacro e Amor Profano", ci mostra una Venere con il capo cinto dal mirto mentre persuade la perfida Medea. La pianta ebbe un utilizzo anche come ornamento presso gli antichi Romani, i quali usavano l'arbusto in fiore come abbellimento lungo i viali e le piazze pubbliche.Sia i Greci che i Romani ne conoscevano le proprietà medicamentose; dal mirto ricavavano decotti, olii, estratti e pomate con le quali curavano malattie come l'ulcera e alcune affezioni delle vie respiratorie. Nel Medioevo i profumieri ottenevano dai suoi fiori, tramite distillazione, un'essenza chiamata "acqua degli angeli". Altri utilizzi del mirto sono stati, ad esempio, quello di colorante nero per le stoffe e inchiostro per scrittura, oltre ai vari impieghi in fitoterapia, aromaterapia e fitocosmesi. In Sardegna l'utilizzo delle bacche di mirto per la preparazione del liquore risale presumibilmente al secolo scorso. L'infuso veniva prodotto in casa per un uso strettamente familiare. La ricetta era molto semplice: una certa quantità di bacche mature veniva messa in infusione in alcool e acqua, e con un'aggiunta di zucchero o miele come dolcificante si otteneva un liquore dolce, genuino, dalle particolari proprietà stomatiche e digestive. Questa scarna ricetta è ancora oggi utilizzata da alcune aziende produttrici di liquore di mirto.
>