SardiniaIn alla scoperta della Sardegna
Il tappeto di Mogoro
pubblicato il 03/08/2013 19:22:42
Il tappeto (l'arazzo) di Mogoro è conosciuto in tutto il mondo.
La scelta dei colori, i tratti stilistici, le figure e i disegni ne fanno un prodotto artigianale unico e inimitabile.
Tra i manufatti al telaio i tappeti sono più recenti rispetto a gli altri prodotti, la loro produzione infatti risale agli anni '50.
Le misure
variano dai 2m x 1 ca. ai 3,5m x 3;
Le tecniche
la tecnica più usata è quella a " pibiôis" (letteralmente acino d'uva): i grumi e i granelli creati con questo procedimento disegnano forti risalti sull'ordito di base e possono,
spesso, ricoprire l'intera estensione del tappeto, conferendo al manufatto più consistenza e uniformità;
Le figure
le figure più ricorrenti sono i disegni geometrici: rombi variamente intrecciati in modo da comporre altre forme geometriche abbinate a motivi floreali molto schematizzati. Ma non è raro trovare nei disegni anche i cavallini unicorno;
I colori
La gamma dei colori si limita a poche tinte: beige, rosso o la sua variante color vinaccia, nero e grigio.Spesso il tappeto è monocromo o ha l'ordito di base di un colore diverso dai pibiôis, che in genere creano il disegno;
La fantasia delle tessitrici
L'estro e la fantasia delle tessitrici dà luogo a variazioni che impreziosiscono i tessuti.
Fregi e arabeschi, colori caldi e vivaci, figure dinamiche che sembrano sovrapporsi danno vita a un repertorio di produzioni che comprende, tra le altre, anche le guide per gli anditi e gli scendiletto.
>