SardiniaIn alla scoperta della Sardegna
NURAGHE CRABIONI
Un Sorso… di storia per vini di qualità

pubblicato il 11/07/2014 17:35:07
Un Sorso di storia per vini di qualità
Un Sorso di… storia. Uno slogan, sì, ma anche un luogo di nascita. E per una cantina che si rispetti la propria terra è un abbraccio essenziale, vitale, caratterizzante. In Sardegna da sempre il vino è protagonista e riuscire ad imporre nuove produzioni non è mai facile. Ecco perché quel “Sorso”, paese a pochi chilometri da Sassari, per Nuraghe Crabioni è garanzia di successo. Che va avanti ormai da oltre 11 anni, dal 2003 per la precisione quando la scelta di fare impresa sul territorio port la Società Tresmontes a dar vita al marchio Nuraghe Crabioni, oggi punto di forza in tutta la Regione e non solo. l 35 ettari di proprietà dell’azienda, di cui 21 vitati, con un nuraghe all’interno della proprietà sito in località Lu Crabioni da cui il nome (mentre Tresmontes prende il nome da tre monti, tre collinette in verità, che si stagliano sullo sfondo dei vigneti), sui quali sorgono anche la cantina e le altre infrastrutture si affacciano sull’incantevole Golfo dell’Asinara. Un terreno particolarmente fertile per le viti, un clima mite, e soprattutto una grande capacità di coniugare gli antichi saperi con la modernità delle tecnologie avanzate nel campo della vinificazione. Tanto che a breve nuovi impianti permetteranno a questa azienda giovane, ma determinata a crescere, la produzione di una gamma più ampia di prodotti che privilegeranno sempre e comunque la qualità e la tipicità, che sono i valori aggiunti di un mercato accorto ed esigente.

Insomma, uno sviluppo ormai in grande stile che ha portato la Tresmontes a vendere i propri vini anche negli Usa, dove va alla grande come riferiscono i suoi dirigenti Antonello Spanu (Responsabile amministrativo), Maurizio Seghene (Responsabile Viticoltura), Franco Spanu

(Responsabile Cantina), Marco Seghene (Responsabile Comunicazione). Diverse le etichette importanti: si va dal classico Cannonau al Vermentino, passando per i bianchi prodotti “cult”

Sussinku (che letteralmente vuol dire “abitante di Sorso”) e Kanimari, finendo per il Rosso Passito ed il Moscato. Vini importanti ed apprezzati anche dai palati fini, tanto che hanno ricevuto negli anni importanti riconoscimenti. Al Vinitaly 2011, la principale fiera enoica del mondo, il Cannonau e il Sussinku hanno ricevuto la Gran Menzione all’importantissimo Concorso Enologico Internazionale.

Grandi soddisfazioni anche dal prestigioso Sommelier Wine Awards di Londra in cui Cannonau e Sussinku hanno ricevuto la medaglia d’oro (Gold List 2012). Nel 2013 Nuraghe Crabioni conquista credito anche oltreoceano. Wine&Spirits e Wine Spectator le due più importanti testate statunitensi di critica enologica giudicano il Cannonau 2010 come migliore vino dell’anno per Italia meridionale e insulare e premiano la cantina con punteggi elevatissimi. Se i giudizi degli specialisti sono eccellenti e le conferme delle riviste di settore lusingano e gratificano, oltre alla selezione del Touring Club Italiano “Vini buoni d’Italia” che nel 2012 premia il Sussinku con la Corona, il riconoscimento definitivo per cantina Nuraghe Crabioni arriva dall’eccezionale exploit nella prestigiosa Guida Espresso 2013 e 2014 con la quale vengono riconosciuti come vini dell’eccellenza il Sussinku e il Kanimari e indicati insieme al Moscato Sorso-Sennori tra migliori vini della regione Sardegna. L’azienda, che produce ormai circa 60mia bottiglie l’anno, è anche all’avanguardia non solo nella viticoltura ma anche nella tecnologia. Nella cantina infatti primeggia l’acciao inox in tutte le sue componenti, dalla pressa, ai tubi dell’impianto di condizionamento, ai sistemi di filtrazione, ai contenitori e alle pompe. Il tutto all’insegna per della qualità e del gusto. E l’impianto fotovoltaico garantisce anche una bella dose di energia rinnovabile, quanto mai azzeccata nel contesto naturalistico che avvolge la tenuta. E non poteva mancare il sito www.nuraghecrabioni.com che conferisce quella vetrina giusta per una Cantina che vuol essere protagonista nel Terzo Millennio.
>