SardiniaIn alla scoperta della Sardegna
LA TOSATURA DELLE PECORE
Un rito che continua nel tempo

pubblicato il 04/06/2014 18:37:22
Foto di: Paolo Forestieri

La tosatura delle pecore è uno dei momenti più importanti d’incontro e di collaborazione tra le comunità pastorali della Sardegna. I pastori si riuniscono presso l’azienda e tutti assieme tosano le pecore del pastore che li ospita, per poi ricambiare l’aiuto presso ognuno di loro finché tutti i greggi non sono stati tosati.
"E’ una tradizione che si sono portati dietro anche i pastori, che a partire dagli anni '50 lasciarono l'isola imbarcandosi con le loro greggi alla ricerca di pascoli migliori, importando la propria cultura, le proprie tradizioni, i propri riti in una delle tante terre d'approdo che i pastori sardi hanno trovato nella Penisola.
Il rito della tosatura si effettua in primavera quando il i primi caldi iniziano a farsi sentire. Il lavoro inizia la mattina presto radunando tutte le pecore in un recinto, dove una dopo l’altra vengono prelevate, legate alle 4 zampe con una cordicella e tosate con le tosatrici elettriche, sostituite dalle vecchie forbici da tosatore di ferro brunito, che per ottenere una tosatura perfetta dovevano essere bagnate ed affilate in continuazione.
S’inizia a lavorare la mattina presto così da evitare il gran caldo per poi spezzare la mattinata con "su murzu"
"Abbondante spuntino di mezza mattinata.
per poi finire con il pranzo tradizionale offerto verso le 13.
La tosatura della pecora viene effettuata oltre che per l’utilità della lana, anche per il benessere stesso della pecora che viene così protetta dai parassiti, dal caldo ed evita che gli animali si possano impigliare tra i rami e i rovi della vegetazione.
" Purtroppo da un po’ di anni molti allevatori per risparmiare il tempo, fanno svolgere il lavoro ai tosatori provenienti dalla Nuova Zelanda, dall'Australia, dalla Scozia e dalla Corsica.

>