SardiniaIn alla scoperta della Sardegna
LABORATORIO FOTOGRAFIA STENOPEICA
pubblicato il 10/04/2014 23:16:23
Sabato 12 aprile alle ore 17:00 il museo Man, nell’ambito degli eventi collaterali promossi in occasione della mostra “Robert Capa. Una vita leggermente fuori fuoco” presenterà al pubblico il laboratorio di Fotografia Stenopeica, realizzato in collaborazione con Cagliari Stenopeica.
L’apparecchio a foro stenopeico è lo strumento più semplice per realizzare immagini fotografiche, molto simile alla “camera obscura”, dispositivo ottico usato dai pittori nel Rinascimento la cui invenzione è alla base di tutta la tecnica fotografica. Al posto della tradizionale lente, questo strumento tramite un piccolissimo foro (in inglese pinhole – buco di spillo) permette alla luce di entrare nella scatola e formare l'immagine capovolta di quanto si trova davanti ad essa. La fotografia stenopeica è realizzata senza l’ausilio di lenti, i tempi di posa richiesti sono molto lunghi ma la profondità di campo è pressoché totale. Gli apparecchi fotografici sono facilmente costruibili in proprio, con materiale di recupero e attrezzature accessibili a costi contenuti.
Il laboratorio, che si terrà il 10 e l’11 maggio negli spazi del museo, ha l’obiettivo di fornire ai partecipanti le conoscenze teoriche e pratiche utili alla costruzione delle camere a foro stenopeico e alla realizzazione di immagini fotografiche. È dedicato agli appassionati di fotografia e non sono richiesti particolari requisiti se non la curiosità e la voglia di sperimentare. Partendo da materiali semplici come scatole, forbici e nastro adesivo i partecipanti realizzeranno le proprie macchine fotografiche a foro stenopeico. L’aspetto pratico del laboratorio renderà facili e immediati i fenomeni fisici e chimici che stanno alla base della fotografia.
Il primo giorno sarà dedicato ad una breve introduzione teorica sui concetti che stanno alla base della fotografia e ci si concentrerà sulla realizzazione della pinhole camera per cominciare a realizzare le prime fotografie. Il giorno successivo sarà dedicato interamente alla fase di scatto e allo sviluppo delle fotografie in camera oscura.
Nei due giorni a disposizione si avrà l’opportunità di scoprire le potenzialità espressive di queste macchine fotografiche e di gestire il processo creativo dalla fase di ripresa allo sviluppo in camera oscura sino alla loro digitalizzazione.
La quota di iscrizione è fissata in euro 25 ed è comprensiva dei materiali di costruzione, di stampa e di sviluppo. Ai partecipanti verrà richiesto di portare con sé una scatola o un barattolo.
Il corso prevede un numero massimo di 15 partecipanti ed uno minimo di 5.


Per le iscrizioni rivolgersi al front office del Museo Man, dal martedì alla domenica secondo i seguenti orari: dalle 10.00 alle 13:00 e dalle 15:00 alle 20:00,
>