SardiniaIn alla scoperta della Sardegna
"VISIONI SARDE"
Proclamati i vincitori del concorso cinematografico

pubblicato il 05/03/2014 15:07:08
di Bruno Culeddu

Dal 26 febbraio 2014 al 1° marzo si è tenuto a Bologna il Festival “Visioni Italiane” organizzato dalla Cineteca di Bologna. All'interno della manifestazione è stato inserito il concorso “Visioni Sarde”, voluto dalla FASI (Federazione delle Associazioni Sarde in Italia) per promuovere e far conoscere la produzione cinematografica sarda fuori dall'Isola, e nella fattispecie riservato a corto, mediometraggi e documentari realizzati da autori sardi o che abbiano come location la Sardegna.
La selezione delle opere in finale per “Visioni Sarde” è stata operata dalla Cineteca. La giuria per l'assegnazione dei premi era composta da Bruno Mossa (che l’ha presieduta) e da Marcello Fois, Alberto Masala, Tonino Mulas e Bruno Culeddu.
La giuria ha assegnato il primo premio di “Visioni Sarde” a “Buio” di Jacopo Cullin e Joe Bastardi (Vincenzo, giovane uomo disincantato nei confronti dell'amore, si confida con Mario che lo coinvolge in un viaggio fuori programma).
La giuria ha inoltre deciso di premiare “Bella di notte” di Paolo Zucca (David Herbert Lawrence, viaggiatore e antropologo, indaga sulla figura mitologica dell'Accabadòra in un cupo paese della Sardegna dei primi del ’900).
La giuria dei “Giovani FASI” ha invece assegnato il premio a “Jovid” di Silvia Perra (Ragazzo afgano immigrato in Italia vivrà in maniera del tutto personale la notizia di un attentato rivendicato dai Talebani). In aggiunta i giovani della FASI hanno segnalare "Buio", di Jacopo Cullin con una menzione segnale.
Il compito della giuria non è stato facile, data la qualità delle otto opere ammesse all’esame finale. Ecco le altre cinque opere, tutte meritevoli di menzione: “Sogno di mezza estate” di Nunzio Caponio; “Un atto di dolore” di Joe Bastardi; “070” di Ugo D'Eramo e Alessandro Stabilini; “La vita adesso” di Salvatore Mereu; “Dal profondo” di Valentina Pedicini.
La manifestazione “Visioni Sarde” è organizzata dalla FASI con i circoli ACRASE di Roma, ACSIT di Firenze, “Bruno Cucca” di Portoferraio, “Eleonora d'Arborea” di Pesaro, “Grazia Deledda” di La Spezia, “Grazia Deledda” di Pisa, “Il Gremio” di Roma, “Peppino Mereu” di Siena, “Quattro Mori” di Livorno, “Quattro Mori” di Ostia e “Sardegna” di Como che dal 2 marzo ripresenteranno le opere nelle proprie sedi.
>