SardiniaIn alla scoperta della Sardegna
Sabato Notte Musei Aperti in Italia: Si raccoglieranno Fondi per la Sardegna!
pubblicato il 28/11/2013 18:49:23
L'evento "Una Notte al Museo" di Sabato 30 Novembre 2013 sarà orientato al tema della solidarietà: nelle strutture aderenti al progetto infatti sarà possibile aiutare la popolazione della Sardegna, gravemente colpita dall'alluvione dei giorni scorsi!

Solidarietà alla Sardegna anche dal mondo della cultura, nel corso del penultimo appuntamento di Una Notte al Museo 2013 infatti, che vedrà i principali musei statali di tutta Italia aprire la sera di sabato - 30 Novembre 2013, dalle ore 20:00 alle ore 24:00 - con eventi particolari e spesso unici come mostre, conferenze, reading letterari, spettacoli di danza o teatro, concerti musicali e tanto altro ancora (inclusi giochi di improvvisazione per bambini), ci sarà spazio anche per la raccolta di fondi per la Sardegna alluvionata gestita dalla Croce Rossa.

Tanti gli eventi unici da non perdere in tutta Italia, a Roma, ad esempio sarà possibile immergersi in profumi e fragranze provenienti dall'antico Egitto (inclusa una preziosa maschera egizia del VII secolo a.C); a Urbino prevista la visita dei sotterranei di Palazzo Ducale, a Milano un reading di brani alla Pinacoteca di Brera.

Al Museo Archeologico di Cagliari invece, la serata si articolerà in due distinti momenti:

- alle ore 20,30 "Cantar l'altrove- prosa e poesia di Sergio Atzeni" spettacolo teatrale e musicale, organizzato in collaborazione con CeDAC Sardegna, basato su racconti e poesie di Sergio Atzeni, uno dei più grandi talenti letterari apparsi sulla scena nazionale degli ultimi anni, scomparso prematuramente nel 1995.

- Mentre alle ore 22,00 "La mirabile raccolta delle sarde antichità - Breve itinerario notturno sulle orme di Giovanni Spano" a cura di Maria Gerolama Messina, funzionario della Soprintendenza di Cagliari. Il pubblico potrà seguire un sintetico percorso alla scoperta degli albori dell'archeologia sarda quando la percezione dell'antichità era intesa come storia del bello e dell' incomparabile.
>