Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
SUB E NAUTICA
Condividi nei social network   

Con le bombole vuote nella trappola di corallo


sardegna (sassari) alghero
pubblicato il 02/04/2013 16:36:59 nella sezione "Sub e nautica"


Con le bombole vuote nella trappola di corallo
Tratto da Mondo Sommerso n° 2 settembre 1959 - di Ennio Falco e Alberto Novelli

Questa è la prima d'una serie di avventure vissute e raccontate dai più famosi campioni subacquei italiani e stranieri, che Mondo Sommerso andrà pubblicando nel corso dei prossimi mesi. Cominciamo con Ennio Falco e Alberto Novelli, che dal 19 settembre detengono con 41 metri di profondità il primato mondiale d'immersione in apnea. Falco e Novelli, compagni inseparabili sono napoletani e appartengono al circolo subacqueo Massimo d'Asta. Da qualche tempo si dedicano esclusivamente alla pesca del corallo che vanno a raccogliere a grande profondità, servendosi d'un respiratore di loro invenzione che permette di scendere fino a 120 metri. Ma ora lasciamo la parola a Novelli:

Siamo in Sardegna, a Capocaccia. Gennaro il barcaiolo dai movimenti lenti e misurati, passa le bombole, i respiratori. Falco ed io ci accingiamo ad un'ennesima immersione in cerca di corallo. La giornata è grigia, il mare mosso. Nelle nostre tute nere listate di giallo, pinneggiamo lentamente mentre ci agganciano i respiratori. L'occhio vigile di Gennaro ci segue. Non perde un nostro movimento. Siamo pronti: alziamo una mano. Gennaro ci passa le pile, i retini, le picchette. Poi diamo uno sguardo all'orologio da polso e lesti ci immergiamo. L'acqua limpida consente a Gennaro di seguire i nostri movimenti per una decina di metri; dalla barca si scorge ancora il colore giallo delle nostre bombole. Poi più nulla. Plaf, plaf, plaf... arrivano ora in superficie le bolle d'aria unico segno della nostra presenza laggiù.
Comincia così l'avventura: io avanti, appena un poco scostato, Falco. A trenta metri ecco l'imboccatura della grotta: non è molto ampia, uno alla volta possiamo entrarvi. Per i primi metri l'acqua è ancora limpida, quasi fosforescente, E' uno spettacolo emozionante. Ad un tratto le pareti si allargano: abbiamo la sensazione d'essere passati all'improvviso da un vicolo chiuso, angusto, ad una grande piazza. Il buio ora è quasi completo. Accendiamo le pile: il fascio di luce Si proietta in avanti per tre o quattro metri. Lo spettacolo che si presenta ai nostri occhi è irreale. Sembrava essere in un tempio stile barocco, di una ricchezza favolosa, creato dalle mani di Dio. Ancora oggi Falco ed io abbiamo davanti agli occhi quella grotta come una delle visioni più straordinarie che ci sia stato dato di contemplare in tanti anni di esplorazioni subacquee.
La luce delle nostre pile, colpiva le pareti della caverna. In essa, tutt'intorno s'aprivano delle nicchie di diversa forma e grandezza, ed erano solo le imboccature di altre grotte che andavano addentrandosi più all'interno, nel cuore della montagna. E in queste nicchie, simili a stallattiti, scendevano dei rami di corallo che, soltanto nel tratto illuminato dalle nostre pile, ci apparivano nel loro colore rosso. I polipi bianchi, come infiorescenze fantastiche, si muovevano con i movimenti della corrente. La picchetta ed il retino pronti, incominciamo il nostro lavoro. I rami di corallo, spezzati, cadono nei retini. E intanto avanziamo. Presi dall'emozione della ricerca, ci inoltriamo in altre grotte; come un labirinto. Una grotta si interseca con un'altra, sempre più dentro, sempre più dentro. Ad un tratto mi volto: non vedo più Falco. probabilmente è entrato in un'altra grotta, penso; e proseguo. Il corallo è bello, il retino si sta rapidamente colmando. Uno sguardo all'orologio: sono passati venti minuti.
L'autonomia del respiratore è di quaranta, quarantacinque minuti; si può ancora continuare. Sembra che la grotta non debba mai finire, sembra una galleria sotto una montagna. Un branco di ombrine ml guizza veloce accanto, ma non le guardo nemmeno. Ora è il corallo che mi interessa. Ed è molto bello, di ottima qualità. I pesci quasi rassicurati tornano indietro, s'avvicinano ad osservare questo strano essere che non conoscono e che è entrato nel loro mondo.
Ho ancora dieci minuti d'aria
ora il retino è colmo, e pen-so di ritornare; sono passati trenta minuti. Per ritrovare la via del ritorno debbo seguire le pareti, orientandomi sulla tracce del corallo già spezzato. Proseguo cauto, cercando di non perdere quella sola traccia che può portarmi all'uscita. Ho già percorso un centinaio di metri, sono già uscito da una grotta e mi sono inoltrato in un'altra. Dovrebbe essere quella che porta alla caverna centrale dove ci siamo trovati all'entrata. Ma ad un tratto la luce della pila si fa pin debole, sempre più debole: uno sguardo all'orologio, trentacinque minuti. Poi la luce si spegne. Il buio è totale, Ho un attimo di smarrimento. Spero di riuscire a riaccendere la pila ma ogni tentativo è vano. Non debbo perdere tempo, so che all'incirca mi restano una decina di minuti di autonomia. E faccio ricorso a tutto il mio autocontrollo. Debbo assolutamente riuscire a tenere i nervi a posto; altrimenti sono fritto. E avanti, a tentoni... Non so cosa sia stato in quel momento a guidarmi. Forse l'istinto. Centoventi, centotrenta metri così, al buio completo. E i minuti passano, lentissimi, ma passano... Finalmente un rettangolino, piccolissimo, compare in alto: un rettangolino di luce. Mi dirigo veloce verso la salvezza, la luce, il sole. Man mano che mi avvicino l'acqua si fa più limpida. Posso leggere l'ora; dal momento che s'è spenta la pila sono passati cinque minuti, e c'è ancora aria nel respiratore, quel tanto che basta per poter uscire, per poter riaffiorare accanto alla barca che m'aspetta.
Ma Falco non è ancora uscito. Potrà avere al massimo ancora cinque minuti di autonomia. Che fa? Questo pensiero mi mette in agitazione. Ma ecco Falco riaffiorare. E' in superficie. Non parla per qualche secondo. "non avevo più aria" dice, "ne ho assorbito le ultime boccate appena fuori dalla grotta, poi trattenendo il respiro ho fatto quest'ultimo tratto". "Dove sei andato?" chiedo concitato; insisto. "tu ad un tratto hai piegato a sinistra" risponde finalmente, "ed io ho proseguito diritto. Avevo visto un punto dove il corallo era fitto. Mi sono diretto là. e così seguendolo a lungo. una grotta bellissima, larga ancora più della prima c'erano colori incredibili, gorgonie ramose dalle tinte diverse. Ad tratto accorto che l'aria affluiva meno. Erano passati trentacinque minuti dovevo affrettarmi ritornare. Ma m'ero inoltrato parecchio sapevo restava molta strada da ripercorre per uscire. Ad ogni modo ce l'ho fatta".
II tempo corre ma Falco va piano
cercando di risparmiare al massimo l'aria, con i movimenti lentissimi, con un grande autocontrollo e senza perdere mai di vista l'unica traccia che poteva riportare anche lui verso l'uscita della grotta: il corallo già spezzato sulla parete, anche Falco era riuscito ad arrivare con lo autorespiratore fino all'imboccatura della grotta. Se avesse indugiato ancora, se avesse perso la via del ritorno, l'aria non gli sarebbe più bastata, anche se fare gli ultimi trenta metri in apnea, per lui non è una cosa impossibile. Quando è riemerso all'aria libera, al sole, sono passati esattamente quarantacinque minuti. Porgiamo i retini a Gennaro: i rami di corallo, rossi, spiccano ora alla luce del sole. Sono bellissimi, della migliore qualità che si può trovare in Italia. "saranno circa quindici chili" dice Gennaro soppesandoli con la mano. E sono le prime parole che escono da diverse ore, dalla sua bocca.


Diving Center Fertilia c/o spiaggia di Fertilia - Sede e diving invernale Via Aggius, 14
Alghero (Sassari)
Tel:+39.3331847750
Fax:+39.079.9739039
Website:www.adventurediving.it/it/articoli/falconovelli.html
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
sardegna (olbia-tempio) golfo aranci
Ad agosto aprirà Villaggio del mare Vetrina per la nautica a Golfo Aranci
sardegna (nuoro) orosei
Immersioni nel Golfo di Orosei con Sardinia Divers
sardegna (olbia-tempio) la maddalena
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
sardegna (olbia-tempio) loiri porto san paolo
Immersioni nellarea protetta di Tavolara e Punta Coda Cavallo
La pesca in apnea: uno sport per uomini-pesce
In kayak periplo della Sardegna ultima tappa giro dItalia
sardegna (olbia-tempio) santa teresa gallura
Il Relitto del Clan Ogilvie
sardegna (sassari) alghero
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
sardegna (sassari) alghero
Con le bombole vuote nella trappola di corallo
sardegna (sassari) stintino
Immersioni all Asinara
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie