Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
LUOGHI DA VEDERE
Condividi nei social network   

ARMUNGIA
La sua storia e il suo territorio.


sardegna (cagliari) armungia
pubblicato il 05/03/2014 16:17:01 nella sezione "Luoghi da vedere"


ARMUNGIALa sua storia e il suo territorio.
di Alberto Cabboi

Armungia è un caratteristico centro situato su un colle a 365 metri sul livello del mare, appartenente alla regione storica del Gerrei, parte interna della Sardegna sudorientale al confine con il Sarrabus, la Trexenta e l’Ogliastra. Tutta l’area si costituisce di altipiani, rilievi collinari e profonde vallate, ricoperti di boschi e macchia mediterranea. Le tracce più antiche della presenza umana nel territorio sono riferibili all’età del Rame (III millennio a.C.). In località Ilixi Durci si trova una vasta aerea di tombe a circolo nascoste dalla vegetazione, segnata da diversi “menhirs” in roccia arenaria, posti probabilmente ad indicare la sacralità del sito. I resti di diversi nuraghi, già menzionati dall’Angius nel 1830, si conservano in più parti (Turrigas, Scandarinu, Campu ‘e domus ed altri), spesso su alture in punti panoramici e in vista l’un dell’altro.

Centro di origine protostorica, edificato in posizione di controllo sul fondovalle, Armungia dovette verosimilmente svilupparsi intorno al nuraghe omonimo, che ancora oggi si innalza in mezzo ai tetti delle case, inglobato nel tessuto urbano. Alcune emergenze archeologiche sembrano testimoniare la continuità dell’insediamento nei lunghi secoli della dominazione romana e bizantina. E si può ritenere che anche nel suo territorio, come in tutto il Gerrei, fosse stanziata in età romana la popolazione dei Galillenses, menzionati nella ben nota tavola di Esterzili.
Durante il Medioevo il paese appartenne alla curatoria del Gerrei (o Galilla, dal nome dei suoi antichi abitanti) del regno giudicale di Cagliari. Compreso nella medesima curatoria, a poca distanza dall’abitato doveva trovarsi il villaggio di Lantini, cui una Composizione pisana del primo Trecento attribuisce una ventina di famiglie e del quale si conserva oggi il toponimo. Nel 1258, con la fine del giudicato, Armungia passò al Regno di Arborea e nel 1298 divenne un possedimento coloniale oltremarino della Repubblica di Pisa. A seguito della conquista aragonese della Sardegna (1324) fu infeudato prima a Ximenez Perez de Cornel, barone di Alfajarin, e successivamente a Ramon Zatrilla. Dopo la parentesi della rioccupazione del Gerrei da parte delle truppe arborensi, Armungia tornò nel 1409 sotto il controllo degli Zatrillas che conservarono il feudo fino al 1814, quando passò ai Vivaldi Pasqua per poi riscattarsi nel 1839.

Il paese conserva numerosi esempi di abitazioni costruite in pietra, tipiche di un’economia in prevalenza agropastorale. Tra gli edifici di maggior interesse si incontrano la Chiesa parrocchiale dell’Immacolata, del XVI secolo, il vecchio palazzo comunale, oggi sede del museo etnografico, e la Casa del segretario, edificio padronale del XIX secolo i cui spazi ospitano il museo dedicato a Emilio e Joyce Lussu.
L’abitato, chiuso a sud-ovest dall’altura su cui si innalza la chiesa campestre dedicata alla Madonna di Bonaria, si apre verso nord-est sull’ampia valle del Flumendosa. Il corso del fiume caratterizza in modo peculiare il territorio, separando fin dai tempi antichi la parte del villaggio con le sue pertinenze – le vigne, i coltivi, gli orti terrazzati – dallo spazio dell’oltre fiume, disabitato e tuttavia segnato dalla frequentazione costante dell’uomo per utilizzi pastorali ma anche agricoli, a lungo praticati in modo precario sottraendo lembi di terra alla foresta.
I boschi d’alto fusto della zona di "Murdega", tra i più belli ed estesi di tutto il Gerrei, s'incontrano risalendo il corso del fiume omonimo. Percorrendo i sentieri in mezzo alla foresta non è difficile imbattersi ancora oggi nelle tracce dell'attività di segantini e carbonai, un tempo impegnati nel taglio del legname e nella produzione del carbone di legna. A questa attività rimandano inoltre alcune strutture stabili in muratura, le "dispense" di Carradori e Scartabelli, costruite per consentire ai carbonai l’approvvigionamento dei generi di prima necessità. In quest’area vasta, immersi nel verde della campagna, sono ancora visibili i ruderi del sito minerario di “Sa lilla”, attivo nella seconda metà del XIX secolo e destinato all’estrazione di galena e blenda.
Nell'oltre fiume, nella parte più elevata del territorio comunale, verso nord-est, s'incontra poi l'area degli altipiani di Sa perda Lada, Campu ‘e domus e Pranu ‘e lettus, con i suo tavolati in roccia arenaria, segnati da erosioni che nel corso dei millenni hanno lentamente prodotto anfratti e monumenti naturali di suggestiva bellezza.


Armungia (Cagliari)
Tel:070 9589011
Website:www.armungiamusei.it
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
sardegna (medio campidiano) villacidro
Le cascate di Villacidro
sardegna (cagliari) siliqua
Il castello di Acquafredda
sardegna (olbia-tempio) olbia
Il Castello di Pedres
sardegna (oristano) fordongianus
Le antiche terme di Fordongianus
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
VACANZE ESTATE 2014Tra le mete top per chi resta in Italia c’è la Sardegna
sardegna (nuoro) dorgali
Le grotte del Bue Marino
sardegna (carbonia-iglesias) iglesias
IL SITO MINERARIO DI PORTO FLAVIA
sardegna (medio campidiano) barumini
Sardegna in miniatura e il percorso botanico
Vivilollove e gli Ungrones de bidda
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie