Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
MUSICA E POESIA
Condividi nei social network   

Intervista a Myriam Costeri di Gavoi, giovanissima suonatrice dell'organetto diatonico: "La musica è la medicina dell'anima"


pubblicato il 08/01/2014 20:04:20 nella sezione "Musica e poesia"


Intervista a Myriam Costeri di Gavoi giovanissima suonatrice dellorganetto diatonico: La musica è la medicina dellanima
Myriam Costeri in una innevata Gavoi (foto di Enrico Olla www.enricoolla.com)

di Massimiliano Perlato

Al primo approccio con Myriam Costeri mi ha colpito la sua fresca determinazione, il suo essere volitiva nel tentare, ogni qualvolta si prefigge un obiettivo, di raggiungerlo con una naturalezza senza eguali. E’ questa la sensazione che trasmette nel sentirla parlare, nel respirare la sua risolutezza esistenziale fatta di piccoli e grandi sacrifici quotidiani, come il raccontare dei suoi studi universitari, i suoi sogni nel cassetto riguardanti il futuro e della sua competente passione di sempre: l’organetto diatonico che suona da quando ha undici anni. Oggi Myriam, 21 anni, si rivela per noi, parlando del suo territorio, della sua Gavoi, il “paese musicale” menzionato assiduamente con grande orgoglio.

“E’ il cuore della Barbagia: un paese circondato da un paesaggio fiabesco dove si festeggia un carnevale tribale in cui un rullare di centinaia di tamburi e strumenti etnomusicali fa da colonna sonora. E’ stato così che anch’io fin da bambina, sono rimasta ammaliata da questi suoni e mi son fatta trasportare dalle magiche melodie del ballo antico, suonato con l’organetto diatonico e cadenzato dagli antichi strumenti quali tamburo, triangolo e pipiolu (zufolo pastorale). Certo, vivendo in un paese così “musicale” è stato un risvolto naturale imbracciare l’organetto diatonico che è lo strumento principe della tradizione musicale sarda, che da noi allieta i momenti di convivialità”.

Chi ti ha trasmesso l’amore per la musica e per l’organetto? “La musica è un vizio di famiglia, tant’è che il maggiore dei miei tre fratelli, Antonio Francesco, costruisce tamburi e zufoli, che suona oltre alla fisarmonica e all’organetto diatonico. Poi colleziona organetti d’epoca e riproduce le musiche autentiche ascoltandole in vecchie registrazioni. La passione di conseguenza è nata spontaneamente: quando ho deciso di imbracciare un organetto diatonico mi sono rivolta al maestro Francesco Urru di Gavoi, che mi ha insegnato i primi rudimenti di questo strumento musicale. Suonare per me è una forma di comunicazione DOC, con un timbro identitario molto forte. Ogni ballo è una storia la cui origine si perde nella notte dei tempi. Sulle note de “unu ballu sardu” accadano storie, si fanno amicizie e nuove conoscenze, nascono amori, si dimenticano preoccupazioni e cattivi pensieri … insomma un rito propiziatorio che si rinnova ed è sinonimo di festa e convivialità.”

Ti dedichi solo alla musica? “Assolutamente no. Attualmente studio Medicina e Chirurgia all’università di Cagliari. Platone disse che la musica è la “medicina dell’anima”… Nella vita sono mezza “cicala” e mezza “formica”: oltre a studiare tante ore al giorno per diventare un buon medico, tra un capitolo e l’altro la musica dell’organetto diatonico fa da ‘stacchetto’.”

Per gli studi hai lasciato la tua amata Barbagia? “Durante l’inverno vivo a Cagliari dove studio. D’estate, invece, mi godo il mare della costa orientale baroniese alternandolo con gli appuntamenti festivi nelle piazze, dove suono, ballo, o conduco serate di musica tradizionale. La mia disciplina è allenata anche dallo sport: vado in palestra e a correre al parco, senza contare le gare di “corsa al pullman” che noi studenti universitari siamo spesso tenuti ad affrontare.”

Da quando suoni in pubblico e quali sono le esibizioni che più ti sono rimaste nel cuore. “Il battesimo delle esibizioni per il ‘grande’ pubblico è stato a 12 anni: partecipai al festival dei giovani talenti di Videolina insieme al gruppo di esecutori giovanissimi che accompagnavano il mio organetto suonando gli altri strumenti dell’etnomusica gavoese: tamburo, triangolo, pipiolu. Il gruppo si chiamava “cuntzertu gavoesu” e arrivammo in semifinale con un boom di televoti. L’emozione della TV dà sempre una carica di adrenalina non indifferente, anche se le mie “suonate” preferite sono quelle che nascono improvvisate fra amici in momenti di convivialità all’università e in feste paesane come la magia del carnevale, quando da un piccolo ballo si coinvolgono sempre più persone, a dimostrazione del valore di questa forma di comunicazione genuina.”

Sei andata fuori dalla Sardegna a suonare? Hai avuto qualche approccio con i circoli degli emigrati? “Sono stata a 13 anni a Erbezzo, in provincia di Verona, per un festival internazionale di organetto, in cui arrivai al secondo posto insieme ai ragazzi che mi accompagnavano suonando gli strumenti dell’etnomusica gavoese. Purtroppo ho dovuto declinare diversi inviti nella penisola a causa di impegni di studio universitari.”

Come ti vedi “da grande”? Come vorresti perfezionare il tuo percorso musicale e cosa desidereresti fare? “Innanzitutto vorrei concludere gli studi. Contemporaneamente vorrei approfondire e coltivare la passione per la musica, le tradizioni e non solo. Il bagaglio culturale di tradizioni è un tesoro che noi sardi dobbiamo difendere e tramandare. Noto con piacere che tanti giovani si appassionano sempre di più alla musica sarda, del ballo e del folklore in generale: questo ci fa ben sperare che esiste un mondo che non è solo virtuale, globalizzato e d’importazione. Il folk oggi è giovane più che mai, visto l’entusiasmo che coinvolge attivamente le nuove generazioni nelle sagre di paese. Nell’era di Facebook e Twitter e della comunicazione virtuale in generale, queste feste in piazza con i balli e i suoni “live” rappresentano un’occasione per comunicare oltre il monitor e i pixel di un personal computer: il ballo sardo è un evento sociale che associa tutte le generazioni all’insegna del piacere e della convivialità. E un “ballu tundu” è l’occasione giusta. Il mio status symbol è il costume sardo, pantaloni e giacca di velluto nero e un gioiello sardo che adorni anche abiti di foggia moderna non deve mai mancare: in particolare un amuleto tipico gavoese con zanna di cinghiale incastonata in argento. A coloro che mi chiedono cos’è rispondo che è il dente del giudizio (ride evidenziandomi l’aneddoto). Non mi dispiacerebbe condurre una trasmissione televisiva sulle tradizioni sia musicali che salutari come le erbe medicinali e gli antichi rimedi “della nonna” di cui la nostra isola è ricca.”

Disegnami la Sardegna che stai vivendo e come vorresti che sia nel futuro? “La Sardegna è una regione che ha tutte le carte in regola per essere economicamente rigogliosa: la sua bellezza e i suoi prodotti sono unici al mondo. Vorrei che in un futuro non lontano potremo essere fieri di un’isola che si fa valere a testa alta senza sottomissioni. Nel mio piccolo preferisco sempre consumare/acquistare/regalare prodotti locali a chilometri zero, e il beneficio è doppio: salute alimentare e rispetto dell’ambiente. Inoltre non dobbiamo aver paura di fare passi avanti e sollevare lo sguardo mirando a nuovi orizzonti per ampliare la nostre conoscenze, diffondere la nostra cultura per muovere la nostra economia.”
Website:tottusinpari.blog.tiscali.it/
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
La scrittrice Michela Murgia
La bellezza tradita della mia Sardegna (di Marcello Fois)
Quest’anno BiciNuragica  Poesia diventerà un libro.
sardegna (sassari) sedini
Feste in Cantina 2013: a Sedini (Sassari) la quinta edizione della manifestazione enogastronomica
Strumenti della tradizione sarda: Ischiglittos
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
sardegna (cagliari) cagliari
La Vita: Ecco Andrea Parodi
Storia del Canto a Tenore
sardegna (olbia-tempio) berchidda
Time In Jazz 2013 A Berchidda - Olbia
Saggio musicale a Biella: dieci lezioni al Su Nuraghe per imparare a suonare le launeddas
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie