Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
STORIE E LEGGENDE
Condividi nei social network   

CRAS S'ISPERDET SU MUNNU (…. e i bambini si vendicano...)


pubblicato il 12/11/2013 00:53:34 nella sezione "Storie e leggende"


CRAS SISPERDET SU MUNNU    (. e i bambini si vendicano...)
di Sebastiano Mariani

Chi ha i capelli bianchi e qualche annetto sulla gobba ricorderà che ci fu un giorno in cui tutti fummo sul punto di salutare questo mondo e per sempre. Era il 31 dicembre 1959, perchè il 1 gennaio 1960 si deviat isperder su munnu. Tutti parlavano di questa tragedia e nessuno dubitava che la cosa si sarebbe avverata, anche se nessuno sapeva il perchè e il come. Era un bel po' che se ne parlava e sembra che ci fosse una profezia che aveva previsto s'isperdimentu, ma nessuno sapeva di chi fosse questa profezia, quando fosse stata fatta o cosa vi contenesse, per cui si sapeva solo la notizia e basta. Vuol dire era scritto nel libro del destino. Allora ad Orune Google non lo conoscevano. Noi bambini eravamo preoccupatissimi, soprattutto perchè non sapevamo se ci sarebbe stata una alluvione, un terremoto, delle bombe o chissà cosa. Ovviamente non ci preoccupava solo il durante ma anche il dopo, perchè da morti chi non aveva la coscienza a posto rischiava di finire dritto all'inferno e addio giochi, amici e quant'altro. Man mano che si avvicinava la data fatidica la preoccupazione aumentava e la gente ne parlava sempre di più, soprattutto i bambini, che il rischio di andare all'inferno, secondo Don Concas il parroco del paese, lo correvano almeno 5 volte più dei grandi. La cosa strana era che non tutti gli adulti si preoccupavano e alcuni sembrava che si ponessero problemi secondari, come Antoni Murreddu che diceva che avrebbe ammazzato le due capre mannalite il giorno prima per mangiarle. Mio padre non appariva per niente preoccupato, lui non guardava la televisione perchè non ce l'avevamo, non leggeva i giornali perchè erano scritti in stampatello e poi lui se ne stava in campagna dove le brutte notizie ci nascevano e non aveva bisogno di sentirne altre. Mia madre faceva finta di essere tranquilla, anche se con noi in casa tranquilla non poteva mai essere, ma sapeva fingere bene, come se s'isperdimentu fosse una semplice temporada. Gli altri adulti chi li cercava? Alla fine a farci carico di questa immensa tragedia eravamo rimasti noi bambini, che non potevamo neanche parlarne in casa, perchè quando un bambino parlava era sicuro che si prendeva una bella reprimenda. Si arriva al 31 dicembre, una giornata bruttissima, con un tempo da fine del mondo. Mio padre tornò da Lavra che era già buio, con sa lameddha de colostra come quasi tutte le sere. “Arrattza de ventu.... paret ch'est isperdenne cantu b'at... “. Un brivido mi scosse la schiena: “mi sa che ci siamo “!
Però io quella sera avevo la coscienza a posto, perchè mia madre, come per tutte le feste, mi aveva inviato a confessarmi ed io, con gli amici del vicinato, siamo andati tutti insieme, perchè quella forse era l'ultima confessione. In fila al confessionale c'era mezzo mondo, una specie di prova generale del campo di Giosafat che si sarebbe tenuto dopo qualche giorno. La confessione fu totale, ogni piccola infrazione, dal furto di zucchero alle preghiere saltate alle innumerevoli bugie vennero raccontate con un pentimento totale e incondizionato. La mia e la nostra anima era tornata candida. Tutti insieme tornammo a casa e poco prima di arrivare a Santu Bennardu la compagnia si sgranò senza saluto e senza promesse, si andava verso l'ignoto: ”cras s'isperdet su munnu” ! Con noi c'era un amico che più tardi sarebbe diventato prete.
A casa mamma appariva preoccupata perchè erano diversi giorni che parlava di una rata da pagare per l'erbaio e non sapeva come fare e gli agnelli non ce li avevano ancora pagati. Piccole insignificanti preoccupazioni dentro l'immensa tragedia. Quella sera noi bambini cenammo con la colostra, mentre i grandi mangiarono la polenta con lardo e salsicce. Se il mondo finiva lì, almeno avevamo lo stomaco pieno.
Andammo a letto ognuno con i propri pensieri, che resistettero fino a quando il sonno non ebbe la meglio,anche se il freddo pungente e il vento alle finestre non conciliarono sogni beati. Dormii come tutte le altre notti, profondamente e senza risvegli notturni, che sarebbero stati da tragedia.
Sarà strano,ma l'indomani ci svegliammo tutti come se niente fosse accaduto, come se il mondo ci fosse ancora e la cosa mi provocò una certa gioia, ma anche con una consapevolezza, che qualcuno, più di uno, avevano raccontato una bugia colossale e brutta. Pensai : “ su munnu no si b'est isperdidu!”, che strano, ma che gioia !
Mia madre mi cambiò e mi disse di sbrigarmi perchè la messa stava per iniziare, le campane avevano già avvisato da un po'. Gli amici erano in piazza Santu Bennardu tetteri dal freddo ma contenti, tutti vivi nel mondo vivo, che bello!
“Ajò a creja...” disse il futuro prete. “ajò” risposi. Ma Cioreddu, che aveva vissuto la fine del mondo con grande apprensione ad un certo punto sbottò : “ si su munnu no si b'est isperdidu jeo sa cumunione l'aco s'atera dominìca, tantu.....”.
Fu una rivelazione ! Se eravamo ancora vivi e il mondo continuava che fretta c'era ? Non era meglio giocare a balla-balla acchiapparello? Col freddo che faceva per scaldarsi non c'era di meglio.
E allora daì... “balla-balla-tottu..balla-balla-tottu..!!!” don Concas poteva attendere.
Qualcuno quella comunione ancora non l'ha fatta e non so se quella confessione non sia ormai scaduta. Il futuro prete fu uno dei pochi a ricevere il sacramento e non fu un caso.
Io però non riuscii mai a spiegarmi cosa avesse fatto fallire quel grande progetto, per il quale tutti ci eravamo preparati con grande scrupolo. Ma forse oggi l'ho capito: il mondo si è preferito distruggerlo pezzo per pezzo e quel progetto va avanti a grandi passi, senza spaventare i bambini e senza sacramenti lasciati a metà.

foto da: www.paradisola.it
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
Sa die de sa Sardigna la festa del popolo sardo
Argia tra mito e realtà
SU TIRAZZU
S’ogu pigau (il malocchio)
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
La Carta de Logu
CRAS SISPERDET SU MUNNU    (. e i bambini si vendicano...)
Giochi e giocattoli della tradizione sarda
sardegna (nuoro) galtellì
Viaggio a Galtellì
sardegna (medio campidiano) arbus
La casa del Poeta
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie