Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
STORIE E LEGGENDE
Condividi nei social network   

Giochi e giocattoli della tradizione sarda


pubblicato il 31/10/2013 19:30:59 nella sezione "Storie e leggende"


Giochi e giocattoli della tradizione sarda
di Maria Lucia Meloni

Tanti dei nostri genitori o nonni avranno sicuramente giocato con oggetti e giocattoli tipici della nostra tradizione così come avranno preso parte a giochi, in genere di gruppo, che tuttora mantengono inalterato il proprio fascino antico. Molti giochi isolani rappresentano una variante locale di altri presenti nel nostro Paese, anche se ce ne sono alcuni prettamente sardi. Possiamo suddividere i giocattoli, come oggetti ludici, dai giochi di gruppo che venivano praticati questi sempre nei cortili delle case (“is prazzas”); altra suddivisione potrebbe essere fatta tra elementi ricreativi destinati ai maschi e alle femmine.

Iniziando questa carrellata dagli oggetti destinati al gioco ricordiamone alcuni. “Sa pipia de zappulus” è da considerarsi a tutti gli effetti l’antenata sarda della bambola moderna: era costruita con materiali molto semplici, in genere avanzi di stoffa, rafia, corda, e in forme rudimentali antropomorfe femminili. Per fare il corpo (escluse le braccia), si arrotolava uno straccio che per non srotolarsi veniva cucito. La testa era compresa nel corpo, ma veniva arrotondata e fissata con delle cuciture. Gli occhi erano ricamati con filo bianco, il naso che si trovava al centro era un puntino nero, la bocca invece era fatta con del filo rosso. Le braccia erano costituite da un unico straccio arrotolato, cucito a croce sull’altro che fungeva da corpo. Alla fantasia di ciascuna costruttrice erano lasciate le rifiniture per capelli, vestiti, grembiulini, in modo tale che si ottenessero sempre delle bambole assolutamente diverse le une dalle altre e del tutto personalizzate!

Destinato invece ai giovani maschietti era “su cuaddu de canna” (cavallo di canna), che consisteva appunto in una canna alla cui estremità si applicava la testa stilizzata di un cavallo, in genere in legno; con questo giocattolo si facevano delle gare di corsa.

Una sorta di trottola era invece “sa badrunfula”, usata anche dalle bambine; si trattava di un pezzo di legno ottenuto in genere dalla lavorazione di un ramo di ulivo, a forma conica. Nella gran parte del cono si avvolgeva uno spago in delle scanalature mentre nella punta veniva inserito un chiodo. Il gioco consisteva nel lanciare la trottola per terra trattenendo lo spago e facendo si che la badrunfula girasse su se stessa per il maggior tempo possibile.

“Su barrallicu” era un giocattolo composto da un dado in legno su cui veniva inserito un legnetto che serviva per imprimere un movimento rotatorio al cubetto. I giocatori mettevano una posta sul tavolo (in genere noci o nocciole) e a turno facevano girare il dado. Nelle facce del cubo erano incise delle lettere: T (“tottu” e quando usciva il giocatore intascava tutta la posta), N (“nudda”, nulla e corrispondeva a nessuna posta), M (“mesu”, a indicare metà della posta ) e P (“poni”, il giocatore doveva mettere sul tavolo della posta nuova). Questo gioco veniva praticato per tradizione nella notte di Natale.

Tra i giochi di gruppo accenniamo anche qui a giochi tipicamente femminili, maschili ma anche a modalità di gioco di tipo promiscuo, dove maschietti e femminucce giocavano assieme. Questi giochi possiamo dire che fossero in voga sino a circa la metà del secolo scorso.

Forse il più conosciuto e famoso è la “Lunamonta”. Era un gioco nato per maschietti anche se poi ci potevano giocare anche le bambine. Consisteva nel saltare il compagno che stava piegato a terra: se quello che saltava toccava il compagno che stava a terra, allora c'era un cambio. Quello che saltava andava sotto e quello che era sotto andava sopra e così via. Chi stava sotto aveva la facoltà di abbassarsi o sollevarsi, stando attento a fare in modo che chi saltava cadesse dalla parte opposta in determinate posizioni prestabilite (a gambe incrociate, a braccia incrociate, ecc.). Il primo saltatore contava e gli altri ripetevano la frase: “Luna monta, due monta il bue, tre la figlia del re, quattro particolare, cinque incrociatore, sei in crocetto, sette speronette, otto gigiotto, nove il bue, dieci un piatto di ceci, undici per mezz’ora, dodici tutta l’ora, tredici fazzoletto”.

Gioco femminile era “su pimpirimponi”. Le partecipanti erano in numero pari, si nominavano due capisquadra e si disponevano i due gruppi in riga, l’uno di fronte all’altro a circa 10 metri di distanza. Le partecipanti con dei salti da canguro si dirigevano verso la linea delle avversarie seguendo corsie stabilite. Quando le giocatrici si incontravano la caposquadra chiedeva: “Ita faidi gommai?” (cosa fa la comare?) e le bambine rispondevano: “su pimpirimponi”. Il gioco terminava quando rimanevano più componenti di una squadra… molte delle bambine infatti si ritiravano pian piano per la stanchezza!!

Nominiamo altri giochi da cortile e da strada come per esempio “guardia e allummiu” (guardia e fiammifero), “su xelu e s’inferru” (il cielo e l’inferno), “sa perdixedda in coa” (sassolino in grembo), “su tripidi” (che veniva giocato con sassolini e monetine). C’erano giochi poi per bambini anche più piccoli e ricordiamo “su pincareddu” (nel quale si doveva colpire un sassolino con l’uso di un solo piede, saltellando, e farlo arrivare in delle caselle disegnate per terra), l’uso del saltare a corda, piuttosto che quello delle altalene.

Un cenno a parte merita un gioco conosciuto e praticato sino a pochi decenni fa soprattutto negli ambienti paesani e durante le feste rurali sia da giovanotti che da persone più mature. Parliamo de “sa murra”. Il gioco si praticava in gruppi di 4 o 2 persone. La gara veniva disputata alternativamente da soli due giocatori per volta. I contendenti dal pugno chiuso estraevano le dita e dicevano un numero superiore al numero delle dita che ciascuno estraeva. Il numero massimo della murra era 10. Si sommavano tutte le dita e chi indovinava aveva un punto; lasciato da parte il perdente, continuava il gioco con un altro componente del gruppo. Questo gioco era proibito dalla legge, perchè certe volte non ne venivano osservate le regole soprattutto quando si giocava in campagna e in locali di ritrovo. Capitava che fosse frequente che il gioco degenerasse in una rissa tra partecipanti.


Sembra quasi impossibile che solo pochi decenni fa per giocare e trascorrere il tempo libero bambini, ragazzi e anche adulti utilizzassero metodiche ludiche così distanti da noi… forse le persone già avanti con gli anni e gli anziani ricorderanno questi giochi o ne avranno sentito parlare. Sicuramente le modifiche della nostra società hanno compreso anche cambiamenti in questo particolare aspetto della vita delle persone che spesso viene trascurato o ritenuto poco importante. Oggi tutti possediamo computer, internet, i videogiochi, consolle di vario genere, di ultima generazione, altamente tecnologici, ma una rilettura delle abitudini di un tempo non può essere che positiva anche per ricordarci un concetto molto importante: con un po’ di fantasia, ingegno, inventiva, rivalutazione di materiali di uso comune, interesse per il mondo che ci circonda e per il nostro stesso corpo, anche in assenza di ritrovati super moderni ci si può comunque divertire… sia che si tratti di adulti che di bambini!

Foto da: www.sardegnadigitallibrary.it/
Website:www.sardinianetwork.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=138:giochi-e-giocattoli-della-tradizione-sarda&catid=53:storia-e-tradizioni&Itemid=61
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
SU TIRAZZU
S’ogu pigau (il malocchio)
Le Origini del Mito
toscana (siena)
Il ricordo di un pastore sardo
sardegna (nuoro) galtellì
Continua il viaggio a Galtellì
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
La Carta de Logu
sardegna (cagliari) isili
Friorosa e la fonte miracolosa di Isili
Dir narrando In ricordo di Benito Musio
Sa die de sa Sardigna la festa del popolo sardo
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie