Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
STORIE E LEGGENDE
Condividi nei social network   

I cuiles dei Supramontes


pubblicato il 30/04/2013 16:42:54 nella sezione "Storie e leggende"


I cuiles dei Supramontes
Percorrendo i sentieri dei Supramontes, non è raro imbattersi nelle caratteristiche strutture utilizzate dai pastori che dai paesi di Baunei, Urzulei, Orgosolo, Oliena e Dorgali, si spingevano all’interno di uno dei territori più selvaggi della Sardegna.
Si tratta di costruzioni in pietra e legno, purtroppo ora spesso fatiscenti, che prendono il nome di Cuiles ed i pastori ci hanno dimorato per generazioni, badando al bestiame, costituito solitamente da maiali, capre e buoi.
Il Supramonte è stato pressochè abbandonato progressivamente dai pastori a partire dagli anni 50’-60’ del secolo scorso e se non in alcuni casi eccezionali, non c’è stato un ricambio generazionale.
Non è difficile immaginare la vita di duri sacrifici che questi uomini conducevano in solitudine, una vita scandita dal lavoro da fare, dagli animali da accudire per poter garantire alla propria famiglia, rimasta nei paesi d’origine, il giusto sostentamento.
La fatica non veniva ripagata dal lavoro, svolto tra profonde gole, sentieri impervi e pericolosi campi solcati, grotte e doline dove rincorrere gli animali che si allontanavano.
Oggi noi attraversiamo i pericolosi passaggi creati da questi pastori-scalatori per nostro puro diletto, una passione che i vecchi padroni di questo splendido territorio farebbero fatica a comprendere.
Sicuramente non erano immuni allo spettacolo che la natura poneva loro davanti, infatti molti ovili sono stati costruiti in luoghi di una bellezza da togliere il fiato. Almeno la fatica poteva venir un minimo ripagata in questo modo.
Nei cuiles e negli spazi organizzati al suo intorno, il pastore viveva per la maggior parte dell’anno, tornando al suo paese per rifornirsi di provviste e abiti puliti.
Non era raro che anche la famiglia lo seguisse in montagna e i figli venivano abituati sin da piccoli ad occuparsi del gregge e a dare una mano al padre.
Chi ha studiato le caratteristiche costruttive dei cuiles, non ha dubbi che la tecnica derivi direttamente dalla cultura nuragica, non essendo diverse le esigenze dei pastori preistorici da quelli di qualche decennio fa.
Sostanzialmente i cuiles venivano costruiti con tronchi di ginepro o leccio e pietre calcaree ed occorreva molta pazienza e tempo per cercare i pezzi adatti e portarli nella zona prescelta.
Tutte le strutture che compongono l’ovile hanno una denominazione precisa. Così la struttura che aveva lo scopo di ospitare il pastore prende il nome di “Pinnettu” o “Barracu” e veniva costruita creando il muro perimetrale in pietra e innalzando la struttura in legno, di forma conica, di circa 3-4 metri d’altezza.
All’interno della capanna venivano disposte delle pietre rettangolari per delimitare l’area de “su foghile”, in cui accendere il fuoco, mentre intorno alle travi si disponevano dei ripiani per riporre i prodotti caseari o gli attrezzi da lavoro.
Nella parte sommitale del Pinnettu veniva posizionato un cappello chiamato “su cugumale” la cui funzione era quella di proteggere il cuile dall’acqua e dalla neve, nonchè di far scorrere l’acqua piovana lungo le travi portanti.
La disposizione di tali travi poi era fatta in modo tale da poter far fuoriuscire il fumo verso l’esterno, attraverso gli interstizi del legno. Le frasche posizionate all’esterno sopra la struttura portante, completavano l’opera garantendo un ambiente confortevole ed asciutto.
Una struttura simile alla capanna principale, ma molto più semplice, veniva spesso costruita per poter riporre gli attrezzi da lavoro, mentre nei dintorni veniva predisposto il recinto delle capre, chiamato “sa corte”. I capretti solitamente avevano uno spazio loro chiamato “as cerinas” o “cherinas”.
I maiali stavano nelle “cumbulas”, delle capannine di forma rettangolare, molto basse, con un piccolo recinto per i maialetti.
Tantissimi ovili si trovano oggi in condizioni di totale abbandono e cadono a pezzi, alcuni sono stati bruciati, volontariamente o meno, ed alcuni sono stati letteralmente smontati per recuperare le travi di legno.
Occorre salvaguardare queste opere, testimonianze di una cultura che ha attraversato i millenni, in modo tale che non venga dimenticata, ma venga divulgata sfruttando il crescente turismo escursionistico, creando dei sentieri ad hoc nelle montagne del Supramonte e continuando l’opera di recupero di queste antiche dimore dei pastori, come già alcune comunità locali stanno facendo.

Foto da: www.flickr.com
Website:www.contusu.it/nuova-photogallery/1246-i-cuiles-dei-supramontes
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
Giochi e giocattoli della tradizione sarda
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La conquista aragonese
sardegna (cagliari) isili
Friorosa e la fonte miracolosa di Isili
Sardegna nel sangue e nel vento
Accabadores
La notte di Ognissanti in Sardegna: creature fantastiche
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
S’ogu pigau (il malocchio)
Luca Paolesu dai racconti della nonna sorella di Antonio Gramsci
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie