Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
STORIE E LEGGENDE
Condividi nei social network   

Incontro di due civiltà: sardi sulle colline toscane


toscana (siena)
pubblicato il 12/02/2013 14:53:41 nella sezione "Storie e leggende"


Incontro di due civiltà: sardi sulle colline toscane
di Mariangela Musio

«Sono arrivato in Toscana nel ’61 richiamato da amici e compaesaesani che avevano già lasciato la Sardegna e che descrivevano la loro terra di approdo come una terra meravigliosa». Sono le parole di un pastore sardo, Salvatore Musio, che come tanti è giunto in Toscana lasciando la
Sardegna non spinto da difficoltà economiche particolari, ma da “fame” di terra e di pascoli per il suo bestiame. E “meravigliose” dovettero sembrare - ai suoi occhi e a quelli degli altri pastori emigranti - la Toscana, Siena e la Val d’Orcia con i suoi colli dolci, morbidi, ordinati. Con nella mente la loro isola, essi guardavano a questa terra di approdo come una nuova possibilità, come una sfida. D’altronde, grandi sfide avevano mosso già in tempi lontani popoli e viaggiatori di ogni sorta e la Toscana era stata terra di viaggiatori (lo furono gli Etruschi, lo furono i pisani della città marinara), ma è stata anche terra di approdo e di transito. Pontefici, imperatori, mercanti, cavalieri, pellegrini, poeti ne hanno percorso i colli e le valli – compresa la Val d’Orcia – lungo la Via Francigena.
E i nuovi viaggiatori di epoca moderna? Anch’essi hanno spesso seguito quella via: alcuni lo hanno fatto con le loro greggi che andavano popolando colline e valli cariche di storia, da poco abbandonate da coloro che negli anni ’50 e ‘60 del Novecento avevano risposto al richiamo di un lavoro nuovo, scandito da orari che non sarebbero stati più quelli della natura. I contadini toscani avevano lasciato le terre dei loro padri e dei loro nonni per la fabbrica, per la città, per una vita più comoda. Il loro posto fu preso da quei sardi che arrivavano in cerca anch’essi di migliori condizioni di lavoro e di vita.
Ma cosa avevano in comune quei due mondi: quello sardo e quello toscano, apparentemente così distanti (se non altro per il mare che li separava)?
Entrambi conoscevano la tenacia, il senso del lavoro e del sacrificio, la creatività delle loro genti. In entrambi quei mondi era vivo il rispetto della storia e delle origini della loro civiltà, il gusto della narrazione e della poesia. Un gusto della narrazione che in Sardegna è già insito nel parlare: “narrere” in sardo sta per “parlare”, “dire”; e “dire” la vita, le imprese, la storia e le vicende della comunità significa “dire” anche attraverso la poesia e la narrazione epica.
Ma un altro elemento che accomuna sardi e toscani è il grande rispetto della natura e il valore estetico e poetico attribuito al paesaggio. E’ un rispetto che il pastore sardo, nell’isola, nutriva verso la sua terra dotata di una natura arcaica, talvolta aspra e arida, che difficilmente si lasciava domare dall’uomo. Una natura che concedeva però al pastore, solitario guardiano delle sue greggi, i suoni e le voci (il vento, il belare della pecora, il muggire della mucca) per quelle modulazioni e quelle intonazioni con cui egli rompeva il silenzio e la solitudine. Il “tenore” del pastore era il canto con cui la natura veniva fatta poesia: era il frutto del dialogo di quell’uomo con la natura.
Eppure anche il contadino toscano, con la natura e il paesaggio aveva una dimestichezza che era persino estetica, oltre che pratica: e questo non dev’essere sfuggito al pastore sardo che giungeva nella Val d’Orcia e in quelle colline in cui si andava sostituendo in modo discreto al contadino che per tanto tempo le aveva coltivate e curate. Con il tempo sarebbe venuta meno l’iniziale diffidenza del contadino per quel pastore silenzioso e schivo, che portava con sé la ritrosia dei suoi antenati nuragici. Da quei lontani antenati , così diffidenti rispetto al mare e al mondo che stava oltre l’isola, il pastore sardo aveva evidentemente ereditato quel senso di distacco rispetto all’esterno: “istranzu” è l’aggettivo sardo per indicare tutto quello che è esterno all’intimità della famiglia e del luogo di appartenenza; “istranzu” è anche l’ospite, verso cui, tuttavia, il rispetto era, ed è ancora, totale. Ma “istranzu” dovette inevitabilmente sentirsi inizialmente in Toscana anche l’emigrante sardo. Il “Continente”, come in Sardegna viene ancora oggi chiamata la penisola italiana, rappresentava il mondo “altro”, il mondo “aperto” da rifuggire: dal mare arrivavano spesso i guai; da lì erano arrivati anche i pirati pisani e saraceni, di cui tante storie o leggende rimangono nella poesia sarda di quei pastori. Eppure, il sardo, come il Padron ‘Ntoni della Sicilia nei Malavoglia di Giovanni Verga, a un certo punto ha sentito il bisogno di sfidare il mare e quel mondo “aperto” della modernità. E’ così che sono cominciati i viaggi epici verso nuovi lidi.
In Toscana il sardo ricominciava la vita e il lavoro su basi nuove, con la consapevolezza di doversi conquistare la fiducia della gente, non sempre rassicurata da quegli arrivi dall’oltremare. Vinta la diffidenza iniziale, i toscani seppero tuttavia riconoscere e apprezzare la determinazione dei sardi, il loro spirito di sacrificio, il senso del lavoro, e dell’onestà, anche quando quest’ultima venne messa a dura prova durante il periodo triste dei sequestri che proprio i moltissimi sardi onesti, per primi, condannavano con fermezza. Da parte loro i sardi riconoscevano la grandezza di quel popolo che li accoglieva e ne presero a modello anche le tecniche agricole, coniugandole efficacemente con quelle agro-pastorali sarde.
Fu così che due mondi e due culture andarono confrontandosi, senza perdere di vista i valori del rispetto, della solidarietà e della cura di un territorio e di un paesaggio che oggi come sempre è una meraviglia per chi arriva.
(Siena)
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
Sardegna: tradizioni di Natale
La Carta de Logu
Dir narrando In ricordo di Benito Musio
sardegna (medio campidiano) arbus
La casa del Poeta
Le Origini del Mito
Su Maskinganna uno degli esseri fantastici della tradizione sarda
Accabadores
toscana (siena)
Incontro di due civiltà: sardi sulle colline toscane
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie