Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
STORIE E LEGGENDE
Condividi nei social network   

Sardegna: tradizioni di Natale


pubblicato il 09/12/2013 18:28:53 nella sezione "Storie e leggende"


Sardegna: tradizioni di Natale
di Maria Lucia Meloni

In Sardegna le tradizioni squisitamente natalizie non sono assolutamente legate alla tradizione antica della nostra isola… ma naturalmente l’arrivo della globalizzazione anche minima che ha investito la nostra Regione, grazie agli influssi provenienti dalle altre zone della penisola ed estere ecco che il Natale è diventato festa da onorare con tutti i crismi che spettano a una ricorrenza che ha aspetti comunque arcani e antichi legati a riti nostrani; il tutto ci riporta a credenze antichissime legate ad un substrato religioso, punto di incontro armonioso tra il sacro ed il profano, di origine pre-cristiana. Iniziamo con un aspetto del tutto caratteristico relativo alla denominazione in dialetto dei mesi dell’anno: il calendario sardo tradizionalmente non cominciava con il mese di gennaio ma con quello di settembre che è detto appunto “capudanni”; poi a seguire ottobre “mesi de ladamini” (mese del letame), novembre “mesi se is mortus”, ed ecco arrivare al riferimento natalizio con dicembre che veniva chiamato “mes’e idas, nadale, paschixedda (piccola pasqua, un altro modo per intendere le festività natalizia, ritenuta di importanza inferiore alla “pasca manna”, la pasqua grande, ossia la Pasqua di Resurrezione). Poi gennaio “bennarzu”, febbraio “friaxiu”, marzo “marzu”, aprile “abrili”, maggio “maiu”, giugno “lampadas” (il 24 giugno si accendono i fuochi rituali di San Giovanni), luglio “treulas”, agosto “austu”.

Dalle storie tipiche di molti paesi del Campidano di Cagliari, si evince una credenza la quale vuole che i nati la notte di Natale avessero la particolarità di non perdere denti e capelli durante la vita e di mantenere il corpo incorrotto anche dopo la morte (“chini nascidi sa nott’è xena non purdiada asut’è terra”). Nel Logudoro invece si riteneva che coloro che nascevano in quella notte, potessero preservare dalle disgrazie sette case del vicinato. D’altra parte, le donne che praticavano la divinazione e la magia bianca, cioè coloro che la tradizione sarda a seconda delle aree di appartenenza definiva: “bruxas” o “deinas”, quando sentivano approssimarsi la loro fine, preparavano alla successione un’altra persona di fiducia per trasmetterle conoscenza e poteri e di norma questo passaggio si effettuava soltanto nel periodo che intercorre tra Natale e l’Epifania.
Durante il periodo natalizio si respirava anche anticamente la classica atmosfera natalizia, data dall’alta concentrazione di gente che assisteva alla messa (ad eccezione delle donne in lutto che la notte restavano a casa e partecipavano alla prima orazione del giorno dopo) e dalla generale animazione che coinvolgeva tutti. La notte della vigilia era ed è ancora detta “sa nott’e xena”. Spesso in alcuni piccoli centri della Sardegna si poteva assistere durante la messa della notte di Natale a scherzi goliardici e battute che potevano strappare risate e allegria. A questo si aggiungeva l’abitudine dei sardi di sparare archibugiate in segno di giubilo nei pressi dei portoni di chiesa dal principio alla fine della messa. Finita la messa, la maggior parte della gente se ne tornava a casa, mentre per strada restavano soltanto sparuti gruppi di giovani che ballavano, cantavano sino alle prime luci dell’alba.

In una tavola imbandita della Sardegna non manchi un pezzo d’agnellino arrosto o cotto il tegame nella notte della vigilia o il giorno di Natale. Infatti secondo la tradizione sarda mangiare l’agnello a Natale è un modo per ringraziarlo e onorarlo, e con lui ringraziare e onorare la terra che lo ha cresciuto. Caratteristici poi i dolci natalizi. Ecco infatti le “pabassinas a mustazzolu” che sono tra i nostri dolci più conosciuti. Si chiamano così per differenziarle dalla vere pabassine, quelle con molta uvetta, sapa, cotte in pentola e poi sagomate anche a rombi, ma con una consistenza differente. Queste sono, invece, le pabassine a biscotto. Cotte in forno, si fanno diverse a seconda della zona. C’è chi le fa con le noci e senza glassa, chi con le mandorle, con o senza anice. Ricoperte di glassa vengono arricchite da decori in carta d’oro o diavoletti colorati. Ancora dolci senza dimenticare i “gueffus” o “sospiri nuoresi”, gli amaretti e le “sebadas”.
Anche in Sardegna la tradizione del presepe è presente e radicata, basta ricordare infatti la sua preparazione che presenta talvolta aspetti artistici rilevanti sia per quanto riguarda le tecniche costruttive che per la scelta di materiali, esistono presepi in miniatura, in legno dipinto a mano, in sughero che sono del tutto caratteristici.

Foto: ceramica di Raffaello Sanfilippo
www.raffaellosanfilippo.com
Website:www.sardinianetwork.eu/index.php?option=com_content&view=article&id=230:sardegna-tradizioni-di-natale&catid=53:storia-e-tradizioni&Itemid=61
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
sardegna (cagliari) cagliari
Templari a Cagliari
toscana (siena)
Incontro di due civiltà: sardi sulle colline toscane
Argia tra mito e realtà
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
sardegna (cagliari)
La leggenda della Madonna di Bonaria a Cagliari.
I cuiles dei Supramontes
sardegna (medio campidiano) arbus
La casa del Poeta
Sardegna: tradizioni di Natale
Dir narrando In ricordo di Benito Musio
Le Origini del Mito
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie