Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
ARCHEOLOGIA
Condividi nei social network   

Villaggio eneolitico Su Coddu - Canelles a Selargius


sardegna (cagliari) selargius
pubblicato il 08/04/2013 15:44:06 nella sezione "Archeologia"


 Villaggio eneolitico Su Coddu - Canelles a Selargius
Qualche giorno fa ho visto alla periferia di Selargius un terreno recintato in cui sono presenti degli scavi archeologici. Il terreno, circondato da delle graziose villette, è oggetto di scavo dal 1994.
Il sito della soprintendenza riporta: "L’insediamento preistorico di Su Coddu - Canelles, menzionato dal prof. Enrico Atzeni fin dal 1980, è situato alla periferia settentrionale del comune di Selargius, nell’entroterra del golfo di Cagliari e dello stagno di Molentargius, in fase di progressiva urbanizzazione da l967.
Fu sottoposto a diverse campagne di scavo, sotto la direzione scientifica dell’allora funzionario della Soprintendenza Giovanni Ugas in seguito ad una segnalazione di materiali preistorici, rinvenuti nel corso dei lavori per la lottizzazione edilizia.
L’indagine portò ad accertare che il sito di Su Coddu aveva ospitato un vasto insediamento il cui nucleo più antico, risalente al neolitico finale (2500 a. C.) e al calcolitico iniziale (circa 2500 a. C.) , era esteso prevalentemente tra la vecchia strada comunale per Sestu (ora via Nenni) e la strada per San Giovanni di Settimo, che costeggia il rio omonimo.
Dal 1994 ad oggi interventi d’urgenza hanno messo in evidenza la presenza di altre sacche lungo la via De Gasperi e nei restanti lotti in prossimità della via Nenni. Gli scavi nel villaggio, tuttora in corso con finanziamento dell’amministrazione comunale e di privati,, continuano a restituire nuovi fondi di capanne, alcune molto complesse, con fornelli in pietra, vasi tripodi per la cottura dei cibi, strumenti di pietra e qualche rara lesina (strumento per lisciare il cuoio) in rame."
Nel tentativo di far luce sulla routine delle antiche popolazioni o di ottenere notizie utili, gli studiosi sono infatti spesso costretti a serpeggiare tra fogne e latrine, o ad analizzare scientificamente reperti di varia e disgustosa natura. Non a caso quello degli archeologi può essere considerato davvero un lavoro sporco… Nella campagna di scavo di “Su Coddu” (Selargius), realizzata tra il 2001 e il 2005, nell’ambito di una convenzione stipulata tra l?Università di Cagliari e la Soprintendenza Archeologica per le Province di Cagliari e Oristano sono state portate avanti attività di questo tipo. La zona di Selargius denominata Su Coddu è costituita da un rilievo appena pronunciato, situato nella periferia settentrionale della cittadina, nel retroterra dello stagno di Molentargius e dunque in diretto contatto con il golfo di Cagliari. Quando nel 1981 la zona fu sottoposta a lavori pertinenti alla lottizzazione, furono individuate alcune strutture seminterrate di pianta irregolare, interpretabili come “fondi” di un insediamento capannicolo e nel sito si intraprese una serie indagini archeologiche. Diversi furono i reperti litici e ceramici databili all?Eneolitico antico (primi secoli del III millennio a.C.) rinvenuti tra i quali spiccava una statuina di Dea Madre, l’antica divinità proto-sarda legata al culto della terra.
Successivamente, dagli scavi più recenti realizzati nelle zone periferiche dell’antico villaggio invece, è venuta alla luce una situazione alquanto diversa dalla precedente. Le strutture seminterrate che andavano a comporre l’abitato preistorico furono già anticamente colmate da rimasugli di pasto, da resti di recipienti ceramici (tra i quali spiccano i tripodi, contenitori particolarmente adatti alla cottura del cibo e tipici di quel periodo), da residui di lavorazione dell’ossidiana e da altri strumenti da lavoro logori o danneggiati. Ma come interpretare questa serie di dati? Secondo l’opinione degli archeologi i “fondi di capanna” dell’antico villaggio furono riutilizzati come contenitori di rifiuti e il sito stesso fu trasformato in una vera e propria “discarica dell’eneolitico”, un “immondezzaio del 3000 a.C”.
Dalla terra nero – cenerina di Su Coddu spuntano quantità enormi di schegge di ossidiana e tutto un carosello di pestelli, macinelli, fusaiole, pesi da telaio e utensili di vario genere usurati dal tempo e dal lavoro dell’uomo. Sono migliaia le ossa di ovino e di altri animali, i gusci di cozze e le valve di vario tipo che emergono dallo scavo. In casi particolari esse compaiono sul fondo di ciotole, tripodi e scodelle (alcune delle quali magistralmente decorate) ridotte in frantumi.
Ma da dove si possono trarre i migliori risultati? Proprio dai “siti più sporchi”. È dai rifiuti dell’eneolitico che affiora infatti una cultura autentica, caratterizzata in ogni suo aspetto, da quello economico a quello religioso, da quello artistico a quello organizzativo. Quella cha abitava il villaggio di Su Coddu era una popolazione di cacciatori, di pescatori, di agricoltori e allevatori, tutte attività che venivano poste sotto la tutela e la protezione di un “pantheon” di divinità proto-sarde, nate per soddisfare i bisogni elementari dell’uomo e perciò intimamente legate alla terra. Dalla ceramica si manifesta un’arte “modellata a mano”. Incisioni, graffiti che compongono geometrie regolari, sono impressioni e segni, la cui eleganza formale può, senza dubbio, essere comparata alla raffinatezza della cultura del neolitico di “Ozieri”.
Ecco perché in definitiva, lo scavo del sito di Su Coddu mette in luce oggi un importante tassello della cultura sarda e approfondisce senza dubbio le nostre conoscenze su un settore della storia che meriterebbe forse una maggiore considerazione.

Marco Cabitza

dal sito
Selargius (Cagliari)
Website:www.contusu.it/personaggi-e-storia/951-villaggio-eneolitico-su-coddu-canelles-a-selargius
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
Shardana gli indomiti popoli dei mari
Necropoli di Bonorva in Sardegna: un museo a cielo aperto vecchio di 5000 anni sepolto dal cemento
sardegna (sassari) sassari
Le sculture nuragiche del Mont e Prama
sardegna (sassari) perfugas
Il nuraghe La Prisgiona. Il sistema cantonale gallurese
sardegna (oristano) genoni
ALLA SCOPERTA DELLA GIARA ARCHEOLOGICA
sardegna (sassari) sassari
Il complesso prenuragico di Monte d’Accoddi
sardegna (sassari) bonorva
Domus de Janas Sant Andrea Priu a Bonorva
Sardegna Nel mare nuovi reperti archeologici
sardegna (nuoro) orune
Pozzo Su Tempiesu di Orune
sardegna (olbia-tempio) arzachena
Nuraghe Albucciu
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie