Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
ARCHEOLOGIA
Condividi nei social network   

Pozzo Su Tempiesu di Orune


sardegna (nuoro) orune
pubblicato il 19/02/2013 18:45:01 nella sezione "Archeologia"


Pozzo Su Tempiesu di Orune
Foto da: www.en.wikipedia.org

La nostra visita al pozzo di Su tempiesu (il nome è dovuto all'usufruttuario del terreno in cui è ubicato il monumento il quale era originario di Tempio) è stata decisamente piacevole, sia per l'ambiente e il panorama fantastico, per l'accoglienza cortesissima, esauriente, nonchè accrescitiva culturalmente, per uno scambio di informazioni cordialissimo grazie ad una collaborazione alla ricerca dataci dalla cooperativa L.A.R. co.
Il pozzo sacro di Su tempiesu è l'unico, in tutta la Sardegna, a conservare il tetto a doppio spiovente semi-intatto nel tratto del vestibolo a pianta rettangolare.
La fattura dei conci è decisamente affine a quella del pozzo di Santa Cristina - Paulilatino (Or) come anche l'apertura del quadro luce dell'accesso alla scalinata, di cinque gradini, della quale si nota l'aggiunta del primo, in cui è ricavato il solco di sgocciolo sulla canaletta; questo scalino è stato aggiunto, sopraelevato di alcuni centimetri dal piano di calpestio del vestibolo, per evitare a fogliame o altro di sporcare l'acqua.
Tale canaletta, tagliando trasversalmente la pavimentazione del vestibolo, conduce l'acqua nel secondo pozzetto, dal quale sgorga nella celletta votiva tramite un concio in steatite verde lavorato a bocca e, sucessivamente, incanalata in un terzo pozzetto, ancora più a valle e ora non più in situ, del quale sono stati rinvenuti i conci d'appartenenza.
Ma citiamo un pò di storia degli scavi:
Iniziamo dalla scoperta del monumento il cui merito và alla famiglia Sanna che nel 1953 lo individuò e ne diede notizia, e, in seguito, Su tempiesu ha subito due interventi di scavo mirati: il primo, condotto da Gian Godeval Davoli, nell'arco di un mese all'inizio dell'estate del 1953 che non diede grandi ritrovamenti; il secondo durato circa sei anni, nei quali è stata compiuta l'operazione di manutenzione, scavo e restauro, che ebbe inizio nel 1981 sotto la supervisione di Maria Ausilia Fadda della Soprintendenza archeologica per le province di Sassari e Nuoro.
Durante quest'arco di tempo furono rinvenuti, presso il deposito del pozzetto votivo, bronzi, ollette e tazze carenate; in un secondo momento, durante lo scavo del nuraghe Santa Lulla, a poche centinaia di metri in linea d'aria, un bronzo dai tratti somatici negroidi con ancora il supporto litico nei piedi proveniente dalla medesima fonte.

Vediamo ora il monumento dal punto di vista architettonico.
Accostandosi ad altri edifici di culto in tutta l'isola, il pozzo sacro di Su tempiesu presenta caratteristiche architettoniche proprie di uno stile/tipo di progettazione e messa in opera canonico, determinando la grandezza della civiltà che ne ha edificato le strutture.
Il materiale basaltico, non presente in questa zona, ricca di scisto, deve essere stato trasportato da molto lontano per la costruzione del monumento.
Il ritrovamento di questo pozzo ha determinato, grazie ad altri fattori comuni (come il modello di nuraghe + pozzo in bronzo di Luogosanto), la comprensione della parte sopra il piano di calpestio di questi edifici, infatti, conci martellinati a cornice in rilievo, rinvenuti sul posto, fanno elemento comune presso altre medesime strutture (architettoniche/funzionali ), dei quali, in precedenza, se ne ipotizzava diverso utilizzo non avendo elementi architettonici in situ in egual quantità.
I suddetti ritrovamenti sono stati fatti presso: Il pozzo Irru in Nulvì, Santa Anastasia di Sardara (Su puttu de is dolus) durante gli scavi del Taramelli nei primi del 1900 e interpretato come altare, Funtana Pomposa presso sa Korona Arrubia, e in prossimità del pozzo di Santu Sarbadori di Figu/Gonnosnò (OR) (da verificare).
Il mancato rinvenimento dei medesimi conci presso altri pozzi è d' attribuirsi alla rimozione degli stessi in periodo medioevale e cristiano, dove i conci martellinati venivano in gran parte riutilizzati per l'edificazione di chiese o abitazioni, se ne ha notizia infatti anche per la fonte di Puntanarcu nell'agro di Sedilo (OR), il cui nome ricorda gli archi monolitici di cui è dotato Su tempiesu di Orune a giunzione dei muri aggettanti nel tratto vestibolare.
Il suddetto concio, era posizionato sulla parte terminale del tetto a doppio spiovente che sovrastava l'edificio, saldato ad altri conci per mezzo di fusioni di piombo inglobanti spade votive in bronzo (in quanto prive di manico) rinvenute durante gli scavi.
Sul doppio spiovente, nel timpano, è stata realizzata una doppia cornice in rilievo dalla bellissima finitura, anch'essa analoga ad altre cornici rinvenute nell'isola, come per esempio quella nella vasca del Tempio di Su monte in Sorradile (OR), e nei lati realizzate bugne mammellari (per un totale di 32) delle quali alcune rimosse a raso; si ipotizzò che si trattasse di elementi puramente funzionali alla messa in opera dei conci, che invece, sono elemento decorativo simbolico religioso della fertilità nel contesto sardo della fine del bronzo (tomba dei giganti di Sos Ozzastros di Abbasanta (Or) / Norbello (Or) / Tamuli Macomer (Nu) - primo Ferro (pozzi sacri Irru di Nulvì / Predio canopoli di Perfugas (Ss) / Funtana Niedda di Perfugas (Ss) / Sant'Anastasia di Sardara (Ca)), che mostra una continuità dal neolitico, attraverso i chiusini delle domus de janas rinvenuti in varie parti dell'isola (es. Abbasanta nell' abitato / San Vero Milis - Serra is Araus).
Il vestibolo, a pianta rettangolare, è composto da due muri aggettanti a faccia, della medesima architettura del pozzo di Santa Cristina - Paulilatino (Or), con sollavati, rispetto al piano di calpestio, i consueti banconi-sedile per la deposizione delle offerte e ricavati sulle pareti due stipetti, uno per parte.
L'intero monumento svettava, in origine, per più di sette metri, se si tiene conto dell'altezza del vestibolo, di 2,76 m e l'altezza originaria del timpano di circa 4,24 m .
La tholos del pozzo, 1,82 m di altezza X 0,90 m di diamtro di base, è piattabandata in cima, composta da 11 filari uniti da colate di piombo che ne conservano perfettamente l'impermeabilità, ad esclusione dei canonici fori posti per l'incanalamento dell'acqua posti a faccia nel 10 filare. Il terzo foro è praticato più in basso (come per il pozzo di Santa Vittoria di Serri (Nu) ) e si protrae all'interno della roccia per 1,60 m.
Nel fondo di entrambi i pozzetti è ricavato un piccolo disco circolare, che la Fadda chiama piccola "fossetta di decantazione" di forma circolare al quale attribuisce la funzione di accumulo delle impurità, che a mio parere rappresentava l'astro di diana.
Il pozzetto ha diamatro di 0,65 m X 0,90 d'altezza e conteneva stiletti votivi, spilloni, bronzi figurati e altro, che venivano periodicamente rimossi e posti nel bancone laterale al quadro luce sormontato da architrave fortemente consumato dal ristagno dell'acqua quando il pozzetto era interrato, che la Fadda azzarda sostenere sia un arco ribassato come quelli nella parte alta del vestibolo nonostante salti all'occhio che si tratta dell'erosione del concio basaltico; la copertura di questo tratto vestibolare doveva essere composta da lastrine di scisto, ricco nella zona, aggettanti anch'esse a coprire la canaletta lastricata che portava l'acqua al terzo pozzetto ormai distrutto.
Ai lati del quadro luce sono ricavati frontalmente due nicchiette e una mensola in scisto sovrastante.
L'intero monumento è incassato nella roccia e abbracciato lateralmente da muri in scisto, che sono considerati la parte più antica del monumento, anche se io mi consento qualche riserva.
Orune (Nuoro)
Website:www.archeologiasarda.com
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
sardegna (nuoro) nuoro
PARCO ARCHEOLOGICO DI TANCA MANNAPrima giornata dedicata all’archeologia sperimentale
sardegna (olbia-tempio) arzachena
Arzachena tomba di giganti di Coddu Vecchiu
Sardegna Nel mare nuovi reperti archeologici
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
sardegna (sassari) perfugas
Il nuraghe La Prisgiona. Il sistema cantonale gallurese
L’uomo di Similaun cioè Oetzi era Sardo
sardegna (oristano) cabras
Lantica città di Tharros
Weekend nei villaggi nuragici di Teti e minerari di Gadoni
Pozzi sacri o Fonti sacre - Tipologie architettura.
sardegna (cagliari) goni
I MENHIR DI PRANU MUTTEDDU
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie