Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
ARTE E ARTIGIANATO
Condividi nei social network   

Sa cascia, la cassapanca sarda


pubblicato il 03/04/2013 23:11:54 nella sezione "Arte e artigianato"


Sa cascia la cassapanca sarda
Un cofanetto in bronzo dell'età nuragica, rinvenuto presso il nuraghe Lunghenia di Oschiri e ora al Museo Archeologico di Cagliari, riveste particolare interesse, perché riproduce, in piccola scala, l'arca di legno tradizionale. Da questo bronzetto si può appunto dedurre che il prototipo delle 'cascias' risalga all'età nuragica.
Apribile dall'alto, le quattro facce del cofanetto sono scompartite da risalti
orizzontali, che ricordano la struttura lignea della cassa. Fonti certe, affermano che la cultura della cassapanca abbia avuto inizio proprio nel centro della Sardegna, nel cuore della Barbagia,"cascias barbaricina' perché, la zona, molto ricca di boschi di castagno, riusciva a produrre una grossa quantità di materia prima. Il legno di castagno, infatti, perché compatto e ricco di tannino risultava essere ottimale soprattutto per la conservazione di derrate alimentari in quanto non veniva intaccato dal tarlo. Gli alberi, abbattuti a fine inverno, venivano squadrati con l'ascia, segati a lastroni e lasciati stagionare e solo in primavera, il materiale veniva trasportato nelle botteghe artigiane per essere impiegato nella costruzione delle casse. La cassa, era quindi, un elemento di arredo che ogni famiglia possedeva perché, nella sua modestia, conveniva alla povertà dell'ambiente tradizionale. Solo con il tempo, andò a delinearsi una netta distinzione delle cassepanche sulla base della grandezza.
La cassa più grande e senza nessun ornamento, chiamato 'Su Cascione' veniva utilizzata esclusivamente per la conservazione delle derrate alimentari, solo con l'instaurarsi del periodo Bizantino, andò a delinearsi la cultura dell'intaglio, ha origine infatti "Sa Cascia" finemente lavorata con decori, utilizzata per custodire il corredo della sposa. Ed infine, quasi parallelamente iniziò a diffondersi la cassa sempre più piccola, 'Su Cascioneddu' anch'esso intagliato, per custodire il corredo dello sposo.
Oggi queste cassapanche, un tempo così sottovalutate, costituiscono un patrimonio di notevole valore artistico e culturale da valorizzare e salvaguardare. Ciò che le caratterizza maggiormente, è l'intaglio a scavo, una sorta di bassorilievo più o meno profondo, inciso con infinita disposizione di tagli affatto arbitrari, fantastici ma sempre armonici e individuali. Anticamente, si usava dipingerle in rosso, cospargendole e impregnandole di sangue ovino o di bue che, per le sue proprietà cromatiche, in seguito ad ossidazione, conferiva al mobile un colore bruno lasciandovi al contempo una pattina protettiva. Altre colorazioni, erano ottenute mediante l'uso di tinture preparate con essenze vegetali, ne era un esempio, il mallo della noce, ma, anche con terre colate e in tempi più recenti con l'anilina.
Sulla base degli aspetti decorativi, le casse vanno a distinguersi in due tipologie:
-Barbaricina o Aritzese
-Lussergese
Entrambi gli stili, sono accumunati da un unico sistema strutturale rappresentato da quattro pannelli: uno anteriore, quasi sempre decorato "Sa Facciada", uno posteriore e due laterali poggiati su un fondo adagiato su due cavalletti, che fungono da due piedi, altro elemento generalmente ornato.
Il tutto è chiuso in alto da un coperchio apribile su due o più cerniere, eseguite nello stesso laboratorio di produzione della cassa. I due tipi si differenziano principalmente per l'ornato della parete anteriore. La cassa barbaricina, maggiormente diffusa nel territorio isolano, è caratterizzata da diversi motivi ornamentali delle cornici "su giru", che si dispongono a lista l'uno accanto all'altra, per circondare il campo centrale 'sa mustra', di solito decorato da composizioni figurative e simboliche. Le cornici erano intagliate con motivi floreali (palmette, rosette etc.) e geometrici (spirali, triangolari etc.) prodotte in lunghe liste pronte, per il montaggio, che venivano segate secondo le dimensioni della casse, per cui l'interruzione netta di alcune fasce decorate non rispettava l'inizio e la fine di un motivo decorato. Questi motivi, venivano applicati sulla superficie del pannello anteriore della cassa, mentre al centro di questa erano intagliati direttamente i motivi caratteristici che la contraddistinguevano per richiesta del committente o per l'estro dell'artigiano. Il centro del pannello era il campo in cui l'artigiano si sbizzarriva, la sua fantasia nella lavorazione di varie composizioni: alberi, uccelli, cuori, astri, cerchi, triangoli e figure idealizzate, tutti motivi della lunga storia iconografica della Sardegna e degli impliciti significati di buon auspicio. In tanti secoli la raccolta e l'elaborazione dei simboli sono avvenuti con una graduale assimilazione dell'immagine e del suo significato.
La grande cassa sarda, intagliata, incisa, graffita, scolpita, che si tramanda per generazioni e rimane custode e testimone delle umane vicende di un popolo, di un villaggio, di un paese, di una famiglia, era uno dei pochi mobili che nel passato componeva l'arredo di un'abitazione.
Website:www.tonara.org/Paesi/Cascias.htm
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
La ceramica in Sardegna
Legarsi Alla Città - Omaggio A Maria Lai
sardegna (sassari) ozieri
(R)evolution. Sfumature degli universi femminil
sardegna (oristano) samugheo
Stoffa sarda negli scatti incantati di Chiara Samugheo
SA PRAMALa Domenica delle Palme in Sardegna
La Sardegna raccontata attraverso  immagini emozionali e  suggestive
DEDICATO A MIA MADRE E ALLA MIA TERRA.
sardegna (cagliari)
Dalla Sardegna i cestini fatti a mano con rafia iuta e lanaDalla Sardegna i cestini fatti a mano con rafia iuta e lana
Le borse più trendy di Londra sono made in Sardinia - Siligo
sardegna (carbonia-iglesias) carbonia
SCORCI DI SARDEGNALa mostra fotografica di Fabio Corona dal 27 Febbraio al 20 Marzo
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie