Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
ARTE E ARTIGIANATO
Condividi nei social network   

La tradizione tintoria in Sardegna


pubblicato il 02/01/2014 20:21:06 nella sezione "Arte e artigianato"


La tradizione tintoria in Sardegna
L'arte di ottenere i colori dalle sostanze naturali è antica quanto l'uomo. Per migliaia d'anni i segreti delle varie tecniche tintorie sono stati custoditi gelosamente dai tintori, mentre oggi, con l'avvento della chimica, il colore non è più un segreto e lo si produce in infinite tonalità.
Sembra che l'uso delle piante tintorie in Sardegna risalga al periodo neolitico. Furono i Cretesi ad importare nell'isola la "Rubbia tintoria " e il "Crocus sativus ", rispettivamente robbia e zafferano, e a diffondere l'uso dell'alkanna.
L'arte tintoria ebbe poi grande sviluppo dai Fenici, Punici e Romani. Fin dal secolo scorso i sardi usavano ancora, secondo le tecniche apprese molti secoli prima dai tintori punici e romani, la corteccia del noce (per tingere in nero), la corteccia del melograno (per tingere in giallo), il ligustro e la robbia (per ottenere dei rossi). Si faceva poi largo uso di khermes, ottenuto dal Coccus illeis, insetto parassita della quercia spinosa, chiamato in sardo "landini malu". Una grande quantità di khermes, da cui si otteneva il rosso vermiglio, veniva versata come tributo della Sardegna a Roma.
I Fenici introdussero la coltura del "Linum usitatissimus " o lino egizio; a Tharros, a Nora e a Karalis (l'antica Cagliari) esistevano apprezzati laboratori di tessitura che producevano finissimi tessuti in lino.
Sempre nel periodo sardo-punico si coltivavano anche cotone e canapa.
Per avere ulteriori notizie sull'uso delle piante tintorie nell'isola, dobbiamo arrivare al 18° secolo, ossia all'inizio del dominio sabaudo. I ministri Bogino e Angioy favorirono l'introduzione e la coltura intensiva di piante tintorie molto rinomate come l'indaco e la robbia. I semi dell'indaco provenivano dal Brasile. La coltura sperimentale, effettuata ad Alghero, diede ottimi risultati; si ottenne un prodotto di prima qualità. L'impresa ebbe purtroppo poca fortuna poiché le coltivazioni furono poco tempo dopo abbandonate.
Sempre in quegli anni, metà fine settecento, si raccolsero con criteri industriali le galle della quercia spinosa, già ampiamente sfruttate dai romani secoli addietro; il colorante rosso, ottenuto dalla cocciniglia, serviva a quell'epoca anche per tingere le acquaviti, che venivano pertanto chiamate "liquori al khermes".
Furono anche raccolte grandi quantità di rocella o "erba lana". Il lichene veniva spedito a Londra ad una ditta che ebbe per anni l'esclusiva dalla Sardegna. Dalla rocella sarda si estraeva un colorante rosso usato in Inghilterra per tingere le giubbe del reggimento della guardia ed altre divise militari. L'esportazione di questo lichene continuò fino alla metà dell'ottocento.
La coltura che ebbe maggior fortuna fu certamente quella della robbia tintoria, che veniva coltivata fino a tutto il 1800, nelle campagne di Osilo e di Tempio.
Verso il 1848 si tentò di reintrodurre la coltivazione dell'indaco a Sanluri. Ma anche questo tentativo ebbe scarso successo. I grossi guadagni realizzati con la raccolta dei licheni diede il via all'esportazione per tutta l'Europa della "Dafhne gnidium", o "truiscu" o "scolapadeddas" in vernacolo sardo. Anche in questo caso l'impresa fu abbandonata dopo pochi anni. Sempre nel secolo scorso veniva usata a scopo tintorio una pianta molto nota: lo zafferano. Essa veniva coltivata fin dal periodo sardo-punico come pianta aromatica, medicinale e tintoria.
Si utilizzava lo zafferano per tingere le bende da lutto portate dalle donne in Barbagia, e le gonne delle donne di alcuni paesi del Logudoro. Gli stimmi rosso-arancio essiccati, sono tuttora usati per aromatizzare minestre, ripieni, dolci, per colorare pasta, formaggi e liquori. Attualmente lo zafferano si coltiva a San Gavino Monreale, Sanluri, Villamar, Mandas, Turri e a Villanovaforru.
Tra la fine del 1800 ed i primi del 1900 regredisce nella tradizione popolare sarda l'uso dei coloranti naturali: essi vengono sostituiti dai più pratici, ma anche più inquinanti coloranti chimici. I nomi delle piante e le antiche tecniche sono ora custoditi, quali preziosi segreti, dai più anziani, che riutilizzano le vecchie ricette ancora solo per tingere le lane necessarie per la confezione dei tappeti, degli arazzi e delle coperte per stretto uso familiare.
Website:www.scuolebolotana.it/BOLOTANA/progetto%20montagna/tessile.html
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
Orani: la Regione taglia i fondi il museo Nivola chiuderà
sardegna (medio campidiano) villanovaforru
FOGLI DI LUCE INCISAPersonale di Gianni Atzeni
Susanna Deiana: Un Viaggio Tra Vino Colori ETanta Fantasia
A PINUCCIO SCIOLA LA MEDAGLIA DEL BEATO ANGELICO
Pinuccio Sciola e le pietre sonore
sardegna (nuoro)
Il MAN di Nuoro presenta la mostra The Cameras Blind Spot
Muri che raccontano.
Serafina Mascia: Grazie ai Semi della Pace di Sciola la Sardegna è grande nel mondo
CONTRAPPUNTI MATERICIPersonale di Marcello Simeone
Lo sguardo di Sergio Murru che non cè più
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie