Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Condividi nei social network   

“L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATUR”
Dal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio “G. Pusceddu”

pubblicato il 30/09/2017 09:50:51 nella sezione "Eventi e feste"
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
"I manoscritti non bruciano", risponde deciso Woland (il diavolo) al Maestro che gli ha appena detto
d'aver "bruciato nella stufa" il suo romanzo su Ponzio Pilato (Il Maestro e Margherita, cap. XXIV).
Certo potranno bruciare le pagine, le copertine rigide e persino la cartelletta di cartone legata sui tre
lati dove lo si custodisce, ma l’idea, l’ingegno e lo spirito che hanno animato quelle parole, quasi incise
a mano, non possono davvero bruciare e saranno sempre lì pronte a riversarsi in un altro manoscritto.
Tanto dovrebbe bastarci a declamare la vittoria del libero pensiero sul sopruso della repressione.



Ma si sa che le idee, per loro connaturata vocazione, amano diffondersi e replicarsi, germinando in altre
menti. In particolare certe nascono per misurarsi con altre, per affinarsi divenendo metodo e nozione
scientifica, corpus giuridico o un classico della letteratura mondiale. Potrà pur esser vero che i
manoscritti non bruciano, come afferma il Diavolo di Bulgakov, ma il loro essere esemplare unico
induce l’estensore intento a misurarsi con il suo pubblico, a declinare il suo pensiero alle regole
dell’Arte nera, affinché i frutti del suo studio e ingegno possano serpeggiare e dilagare tra quante più
persone possibile.

L’Arte Nera è l’arte della stampa, creata per sottrarre alla maestria dell’amanuense il primato della
duplicazione di testi e idee in essi contenute, per affidarle a negativi cesellati, ben allineati, inchiostrati
e poi torchiati per mille e più volte mille su altrettante pagine.

L’Arte Nera nel suo affermarsi in Europa a partire dal XV secolo fu parte integrante, se non la causa,
dell’avvio del processo di emancipazione culturale, economica e religiosa. Una rivoluzione tecnologica
che ha mutato per sempre la comunicazione. Una rivoluzione “industriale” che ha stravolto l’Europa
costringendo il potere, in tutte le sue articolazioni, a regolare, controllare, prevenire, autorizzare o
reprimere la diffusione di concetti che potenzialmente potessero farne vacillare le fondamenta.
Su queste suggestioni abbiamo voluto lavorare in questi mesi, partendo da una vastissima e
curatissima collezione privata di macchine da stampa che hanno lavorato in Sardegna a partire dal
‘700. Una collezione ricchissima in cui la meraviglia attende di farsi scoprire dai visitatori nei particolari
di mirabili timbri cesellati, unici al mondo, e nei dettagli dei caratteri da allineare prima di essere
posizionati sul torchio.

Chi visiterà questa mostra, porterà per sempre con sé il piacere d’aver fatto una scoperta senza
tempo e attraverso di questa pesare il mondo ipercomunicativo che turbina attorno al nostro
quotidiano.

Negare l’autorizzazione alla stampa equivale a tarpare le ali del libero pensiero; emblematica la sorte
di Bulgakov e della sua opera tanto nota quanto sofferta: Il Maestro e Margherita. Bruciata nella stufa
la prima stesura, dallo stesso autore esasperato dalla censura staliniana, venne poi riscritta, ma senza
mai concedergli il piacere d’esser stampata e consegnata al suo pubblico. Pubblicata postuma, si
affermò da subito come una delle opere più importanti della letteratura Russa e di tutto il novecento.
L’Arte Nera ha i suoi martiri, e sono i martiri dei modelli concettuali da cui il potere si è sentito
minacciato e che ha voluto reprimere attraverso processi inquisitori, deportazioni, riduzioni al silenzio
fisico o mediatico.

In un’epoca in cui “pubblicare” è artificio di pochi secondi, seppure in difetto di autorevolezza delle
fonti, farà certo riflettere sentire lo stridore del lavoro dei legni che comprimono i piombi sulla carta,
così sinistramente affini al cigolare di certe macchine di tortura impiegate per reprimere le idee
insieme al corpo di chi se ne è fatto portatore e divulgatore; pratiche ancora tristemente attuali nel
mondo contemporaneo.

A questo viaggio vi invitiamo dunque, tra piombi cesellati e libri antichi e proibiti, alla scoperta delle
meraviglie di un’arte suggestiva e non di rado clandestina.

Il Presidente
Francesco Sanna

La mostra intende illustrare la storia della stampa, nota come l’“Arte Nera”, a partire dalla grande
rivoluzione introdotta dal tedesco Johannes Gutenberg con la Bibbia a 42 linee (1455), passando per
grandi editori come Aldo Manuzio e Giambattista Bodoni.
Attraverso una collezione privata unica nel suo genere, verrà mostrata la storia della stampa in
Sardegna dal XVIII al XX secolo, mediante l’esposizione di torchi in legno, fregi, clichés, caratteri
mobili e altri meravigliosi strumenti della tipografia.
Particolare attenzione verrà riservata alla censura e ai libri proibiti, un tema di estrema attualità, che
va di pari passo con l’utilizzo di nuove forme di comunicazione di massa più immediate e influenti del
libro, tra cui il cinema, la televisione e, oggi più che mai, internet.
Il viaggio che proponiamo è un sentiero attraverso la storia. Un percorso che invita a guardare libri
antichi e moderni. È un viaggio che, dalle avventure del passato, porta a riflettere su noi stessi e sul
nostro futuro.
La mostra verrà inaugurata sabato 7 ottobre alle ore 17.30 e sarà visitabile sino al 19 novembre 2017.


Leggi per intero >

SAGRA DELLE MANDORLE
A Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
sardegna (oristano) baressa

pubblicato il 01/09/2017 14:23:54 nella sezione "Eventi e feste"
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
Dal 9 al 10 Settembre si terrà la XXVI Sagra della Mandorla di Baressa, manifestazione organizzata per le vie del centro storico

Baressa presenta la XXVI edizione della Sagra della Mandorla, iniziativa tesa a valorizzare il tessuto produttivo locale e a rafforzare la memoria della tradizione gastronomica basata sul frutto dei mandorli locali, contribuendo al rilancio di una coltura strategica per il piccolo centro e per l’intera Marmilla.

Due giorni di festa per promuovere il territorio, viverlo in modo autentico fra musiche, danze, cultura e le attese degustazioni dei dolci tipici del luogo preparati con le mandorle di Baressa.

Gli amanti del gusto potranno acquistare le eccellenze agroalimentari direttamente dai produttori locali alla Mostra Mercato allestita nel centro storico.

La manifestazione avrà inizio sabato 9 settembre alle ore 15.00 e si concluderà in serata domenica 10 settembre con un ricco programma di appuntamenti che prevede la partecipazione di maschere e gruppi folk, spettacoli musicali con i Kantidos e gli Arkanos, visite guidate alla Casa Museo e incontri con abili artigiani locali.
Occasione per i turisti di visitare un centro storico che, come pochi, conserva ancora peculiarità architettoniche tipiche delle realtà rurali dell’isola.
Leggi per intero >

PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALI
Due giornate ricche di tradizioni, cultura, delizie gastronomiche e... primati!
sardegna (nuoro) bortigali

pubblicato il 06/06/2016 20:47:08 nella sezione "Eventi e feste"
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
di Michela Zaccheddu

Primavera nel Marghine fa tappa a Bortigali Il 18 e 19 giugno

Il paese dei record che possiede il maggior numero di architravi aragonesi, ha dato i natali alla prima cooperativa della Sardegna nel 1907 e dove è nata la prima radio libera d’Italia - ospiterà il 18 e 19 giugno prossimi, una serie di eventi di spicco in occasione dei quali artigiani, operatori culturali e produttori enogastronomici locali illustreranno i loro antichi sapori.

La due giorni – patrocinata dal Comune di Bortigali, dall’ASPEN e dalla Pro Loco di Bortigali - si aprirà con l'interessante convegno riguardante il comparto del bovino da carne in Sardegna: Bortigali ha recentemente ottenuto il marchio CE sulla cordula.

Il paese comincerà ad animarsi dalla mattina del sabato, coinvolgendo gli ospiti nei numerosi laboratori di cestini in asfodelo, filet, rodansas, coltelli e ferro battuto e dove si assisterà alla lavorazione dei pani tradizionali.

Bortigali è anche un paese ricco di storia e fascino antico, così le associazioni che operano sul territorio non mancheranno di accompagnare i visitatori ai siti di maggior interesse culturale e naturalistico: al rifugio antiaereo - in passato sede di “Radio Sardegna” (prima radio al mondo ad aver annunciato la fine della Seconda guerra mondiale) che per l’occasione verrà riaperta al pubblico con una mostra di radio d’epoca e dove verrà proposta una trasmissione a cura del circolo “Amateur Radio Society” di Sassari -; all’affascinante centro storico dove, oltre all’antica fontana del paese (Funtana Etza), si potranno ammirare gli architravi aragonesi; alle chiese delle confraternite San Palmerio, Il Rosario e Santa Croce, la parrocchiale Santa Maria degli Angeli in cui sono custoditi i preziosi Argenti sacri e il Retablo del Maestro di Ozieri e la chiesa scavata nella roccia di S. Antonio; all’Etno-Casa Museo dove è ricostruita in maniera dettagliata la tipica casa bortigalesa; al Mulino ad acqua di Borgusada e ultima - ma non meno importante - alla perla locale rappresentata dal nuraghe di Orolo, tra i pochi in Sardegna ad avere la scala in senso antiorario.

Le vie saranno animate dalla Sfilata di Cavalieri e Dame e gli operatori ippici locali saranno felici di far sperimentare ai visitatori il Battesimo della sella con cavalli e pony. In contemporanea, per le vie del paese, saranno aperti gli stand dei mercati bortigalesi, dedicati ai saperi e ai sapori locali. Non mancheranno le degustazioni guidate dell'olio extravergine di oliva e dei formaggi pecorini e vaccini.

Quella di domenica sarà una giornata all'insegna dei record: Bortigali tenterà di scippare a Ittiri il primato della cordula più lunga. In associazione con tale evento si terrà il Primo Concorso Gastronomico a premi con ricette a base di cordula. Tutte le strutture di ristorazione locali proporranno, oltre alla cucina tipica, piatti del giorno a base di cordula, piedini d’agnello e animelle.

Bortigali ha pensato anche agli sportivi e, nella giornata di domenica, ci sarà l'imbarazzo della scelta tra la passeggiata ecologica in mountain bike (Bortigali-Orolo-Mulargia), il torneo di calcetto “della Solidarietà”, l'esibizione degli Arcieri del Marghine e quella degli atleti di Parapendio e Deltaplano con la possibilità – per i più spericolati - di effettuare voli in biposto con l’istruttore dall’unica rampa di volo a distanza della Sardegna conosciuta e frequentatissima dai turisti di tutto il mondo. Per chi volesse prendersela con più calma sono invece previste passeggiate con il Carro a Buoi tradizionale e il tour in carrozza “A spasso con la carrozza del Sarcidano”.

I due giorni di festa saranno alliettati dall'esibizione delle Corali Polifoniche, Cuncordos e dei Tenores di Bortigali e dai canti itineranti a chitarra accompagnati dalla fisarmonica.
Primavera nel Marghine a Bortigali avrà anche il suo angolo letterario con l'autore Giovanni Gelsomino che insieme a Salvatore Corveddu illustreranno il popolare libro “Fabrizio de Andrè e l’isola paradiso”, accompagnato dall'esibizione dei Dual Mode.
Impreziosirà la serata la presenza di Cristina Caboni - l'autrice del bestseller “La Custode del miele e delle api” - che ha conquistato la vetta delle classifiche italiane e straniere e che dialogherà con Mario Sanna. Con l'occasione ci sarà una simpatica degustazione di mieli locali.




Leggi per intero >

A TUSCANIA CON BONARIA MANCA

pubblicato il 24/05/2016 23:25:18 nella sezione "Eventi e feste"
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
di Pietro Clemente

Tuscania (VT) 21 Maggio 2016, con Bonaria Manca

Siamo a Tuscania, in provincia di Viterbo, arrivati in auto al mattino, il paese è immerso nel sole ed è stupendo con le sue mura e le sue torri. Al Teatro Rivellino sta arrivando Bonaria Manca in auto. E’ la sua giornata oggi, noi veniamo da Siena, altri da vari luoghi d’Italia, una studiosa viene da Parigi. Ci sono i circoli dei sardi. Cosa deve succedere? Si tratta della presentazione di un sito internet dedicato all’arte di Bonaria realizzato dalla Fasi e in specie dal circolo di Civitavecchia con il contributo della Regione sarda. Ettore Serra ne è stato protagonista. Ma è l’occasione per festeggiare Bonaria e sono venuti qui anche il sindaco e gruppi di canto e ballo di Orune (NU) il suo paese natale.

Bonaria scende dalla macchina al braccio di Maria Rita e di Maurizio Fiasco, fondatori della Associazione per Bonaria Manca, a lei dedicata. E’ fragile ma determinata , ha scelto il mantello di lana di pecora fatto con le sue mani e si cinge la testa con un foulard di lana. Le sono tutti intorno, risuonano nell’aria toponimi orunesi, soprannomi e patronimici di chi vuol farsi riconoscere da lei salutandola. Quando entra nel grande spazio del teatro tutti la applaudiamo.

Sul palco è Ettore Serra a fare gli onori di casa, la onorano con targhe e doni i sindaci di Tuscania, dove risiede ormai da 70 anni e di Orune che non la dimentica, la saluta il sindaco di Cellere paese confinante e un consigliere regionale di Tuscania, la presidente della Fasi che rappresenta gli immigrati sardi in Italia. Dalla prima fila Bonaria ringrazia e saluta tutti, anche la sua voce è flebile ma pian piano conquista potenza e si lascia andare a un canto di ringraziamento, dedicato ai sindaci, alla giornata, una poesia cantata e in parte improvvisata, come spesso ama fare anche con gli ospiti nella sua Casa d’Artista.

Ora tocca a noi, gli studiosi che parlano di lei. Brevemente in due sessioni parliamo della storia della sua arte, di come questa le abbia permesso di raccontare la sua memoria traumatica col colore e la forma, di come sia andata via da Orune tanti anni fa non solo per cercare il benessere ma anche per le vicende di una antica faida locale. Si parla dello spirito fiero che anima la sua pittura, della forza dei colori e delle forme che sembrano dare vita congiunta a suoni, visioni, odori. Del suo amore per gli animali e la natura che si intrecciano con il senso del sacro antico, tra fonti nuragiche e luoghi etruschi, delle divinità che crea, dell’arte francescana e narrativa, del perché ora non dipinge più.

E quindi Angela Sanna, anche lei orunese, del Circolo dei sardi di Siena, che ha coordinato il sito, lo presenta al pubblico, a noi venuti per onorare Bonaria. E’ una festa comune intorno a lei di sardi e di laziali, di romani e di emigrati sardi. Poi, nel pomeriggio, il tempo degli ospiti è dedicato a Tuscania, di cui Bonaria è cittadina, luogo di accoglienza e di nuove radici ibridate. Un paese di intensa bellezza e di storia ricca, etrusca e medievale, con alle spalle un drammatico terremoto. Solo al mattino dopo, la piazza all’aperto con le antiche torri nell’orizzonte si riempie di sonorità barbaricine, di costumi multicolori, sono gli orunesi che festeggiano a modo loro Bonaria, riportandola alla memoria del paese, dove tanti giovani vivono ancora la tradizioni.

Sono giovani che cantano a tenore e che ballano per Bonaria e per onorare l’incontro tra Tuscania ed Orune. Più tardi una cerimonia religiosa accoglie Bonaria e i gruppi di canto e di ballo. E’ domenica. Una domenica di incontro, di arte e di memoria.

Foto di Giorgio Zintu ( Bonaria con il sindaco di Orune e di Tuscania )
Leggi per intero >

CAGLIARI SUONA
Rassegna di musica da camera
dal 27 al 30 dicembre 2015
sardegna (cagliari) cagliari

pubblicato il 24/12/2015 18:15:39 nella sezione "Eventi e feste"
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Questo il programma di "Cagliari Suona"

Domenica 27 dicembre 2015, ore 17
Ensemble di fiati e percussioni
flauto Lisa de Renzio
oboe Viviana Marongiu
clarinetto Ivana Mauri
fagotto Francesco Orrù
corno Luca Maria Leone
percussioni Francesco Ravazzolo

Domenica 27 dicembre 2015, ore 18
Concerto vocale
tenori Cristiano Barrovecchio, Giampaolo Ledda, Salvatore Marino, Loris Triscornia, Enrico Zara
baritoni Francesco Cardinale, Sergio Pinna
bassi Antonello Pippia, Giacomo Lutzu
direttore Francesco Marceddu

Lunedì 28 dicembre 2015, ore 17
Trio vocale e pianoforte
soprano Graziella Ortu
tenore Moreno Patteri
contralto e pianoforte Caterina D’Angelo

Lunedì 28 dicembre 2015, ore 18
Concerto da camera
violino Sara Scalabrelli
pianoforte Mayumi Ogawa

Martedì 29 dicembre 2015, ore 18.00
Dissonanze duo
bandoneon Fabio Furia
pianoforte Marcello Melis

Mercoledì 30 dicembre, ore 18.00
Trio con Pianoforte del Conservatorio
violino Davide Cossu
violoncello Arnaldo Pischedda
pianoforte Michele Spiga

a seguire

Concerto per soprano e pianoforte
soprano Elena Schirru
pianoforte Andrea Schirru
Leggi per intero >

LA MONTAGNA PRODUCE
Desulo apre le sue porte per la sua XXV edizione
sardegna (nuoro) desulo

pubblicato il 27/10/2015 19:28:35 nella sezione "Eventi e feste"
LA MONTAGNA PRODUCEDesulo apre le sue porte per la sua  XXV edizione
Dal 30 ottobre al 1 novembre a Desulo si terrà “La Montagna Produce”. La manifestazione, che giunge quest’anno alla sua XXV edizione, è organizzata dal Comune di Desulo, dal Centro Commerciale Naturale Gennargentu, con la preziosa collaborazione di numerose associazioni, dei commercianti e dei cittadini che hanno dato il loro libero contributo.

La rassegna, in linea con la filosofia dei suoi primi ideatori, promuove i prodotti tipici del territorio. Pertanto, un punto focale della manifestazione è il piazzale delle scuole elementari, spazio privilegiato riservato ai produttori di Desulo. Salumi, formaggi, torrone, vino e pane saranno i protagonisti della fiera mercato. Tuttavia, Desulo non si chiude nelle sue peculiarità e apre anzi le sue porte ai prodotti e all’artigianato provenienti dal resto dell’isola. All’interno del caseggiato scolastico, infatti, sarà possibile ammirare mostre naturali e d’arte provenienti dai diversi angoli della Sardegna.

Grande importanza riveste il percorso all’interno del centro storico di Ovolaccio, rione protagonista di quest’edizione. Qui sorge la casa dove visse il famoso poeta Antioco Casula “Montanaru”. Rappresentando essa un grande patrimonio culturale, ospiterà mostre ed esposizioni di varia natura, come quella dell’abito tradizionale di Desulo, la raccolta di cartoline antiche e foto di Desulo, vecchie e nuove. La parte antica del rione sarà animata dalla popolazione in abito tradizionale e dagli artigiani. Riproposizioni di immagini di vita del passato e laboratori di arti e mestieri antichi animeranno strade e piazze. In questo scorcio del paese si erge la Chiesa del Carmine, circondata da spazi espositivi e piazzette suggestive che richiameranno l’attenzione del visitatore. Tutte le attività del centro storico di Ovolaccio sono il frutto dell’impegno di associazioni, commercianti e cittadini che hanno contribuito al suo allestimento e all’animazione.

Tra gli eventi culturali, particolare attenzione merita il Premio Letterario della Montagna Montanaru, giunto alla sua XXIV edizione, previsto per domenica 1 novembre dalle ore 10:00, presso la sala conferenze dell’istituto scolastico. Il ricco programma della mattinata prevede, oltre le premiazioni dei vincitori, la presentazione del libro La preziosa fatica del pane di Speranza Puggioni. Sarà presente l’autrice e Michele Congias. L’evento sarà arricchito dalla proiezione di materiali storici e dalle testimonianze dei desulesi. Presenta la manifestazione Lucia Cossu. Sabato 31 ottobre alle ore 17:00, la sala conferenze dell’istituto scolastico ospiterà una conferenza dal titolo "Lingua e musica sarda a Desulo nelle ricerche di Max Leopold Wagner e Felix Karlinger", del Dott. Giovanni Masala Dessì, dell’Università di Stoccarda. La serata, dopo i saluti del Sindaco, sarà presentata da Michele Pintore, giornalista e ricercatore.

Durante questa due giorni, musica e canti della tradizione sarda confermeranno una tradizione che resiste alle sfide globali: i cori polifonici di Desulo si esibiranno itineranti per favorire l’aria di festa. Sabato 31 ottobre dopo le 19:00, è prevista la Terza Rassegna dell’Organetto e del Folklore presso il caseggiato scolastico. Contribuirà all’aria di festa la presenza di espositori provenienti da tutta la Sardegna, disposti lungo la strada principale.

“Quest’anno la manifestazione assume un senso ancor più profondo, dal momento che associazioni, commercianti e cittadini hanno collaborato animatamente alla sua buona riuscita” afferma il Sindaco di Desulo, Gigi Littarru, che aggiunge “La nostra è un’importante vetrina delle risorse del territorio, durante la quale si riportano in vita le attività del passato, perché è fondamentale ricordare chi siamo e da dove proveniamo”.

Il programma della manifestazione www.comune.desulo.nu.it/index.asp
Leggi per intero >

AUTUNNO IN BARBAGIA, "DOMOS ANTIGAS 2015
Appuntamento del 11.10.2015 a Meana Sardo
sardegna (nuoro) meana sardo

pubblicato il 07/10/2015 17:37:45 nella sezione "Eventi e feste"
AUTUNNO IN BARBAGIA DOMOS ANTIGAS 2015Appuntamento del 11.10.2015 a Meana Sardo
Foto di Roberto Cao

Il Comune di Meana Sardo e l'Associazione Turistica Pro Loco Meana Sardo, dal 9 all'11 ottobre, sono lieti di invitarvi ad Autunno in Barbagia: Domos Antigas 2015.

Programma:
Venerdì 9 Ottobre
Ore 16.00 - preso Casa Pistis, Inaugurazione Domos Antigas 2015
Aprono le Domos Antigas Meanesasa, attraverso le quali verrete introdotti all’interno di un mondo senza tempo. Tutto sa di antico, perché a Meana, nulla è mai caduto nell’oblio provocato dal tempo. La sapienza delle donne e degli uomini ha fatto si che quanto loro hanno vissuto nel passato non morisse nel presente, tramandando la loro sapienza ai figli, che oggi, in questa manifestazione, ma anche nella vita quotidiana perpetuano quanto hanno appreso dei loro Padri e Madri. Le visite al nostro paese saranno accompagnate dalla ritmmica cadenza dei telai azionati dalle abili mani delle nostre donne, dal profumo delle nostre pietanze e dolci tipici, che potranno essere degustati e i nostri pastori riproporranno la preparazione del formaggio e della ricotta, che potrà essere gustata appena raccolta.
Ore 16:00 Inaugurazione della mostra del “Costume Meanese”

Sabato 10 Ottobre
Ore 9.30 - Aprono le Domos Antigas
Ore 10.00 - Preparazione de Su Pani Pintau
Ore 10.30 - Preparazione del dolce pasquale tipico meanese Su Pani'e Saba
Ore 11.00 - A coere su pani (trasporto del pane al forno per la cottura)
Ore 11.30 - A coere su pani e saba (trasporto de su pani'e saba al forno per la cottura)
Ore 11:45 - Preparazione del piatto tipico meanese “Su Succu”
Ore 15.00 - Tradizionale pigiatura dell'uva
Ore 16.30 - A poltari su strexu de sa sposa
Ore 17.30 - Preparazione del formaggio
Ore 19.00 - Su pani'e coia (riproposta della lavorazione e cottura del pane che si preparava il giorno prima del matrimonio – l'evento sarà animato da canti e balli della tradizione popolare meanese).

Domenica 11 Ottobre
Ore 9.30 - Aprono le Domos Antigas
Durante la manifestazione, sarà possibile ammirare i fabbri ferrai che ci faranno scoprire la bellezza e la musicalità della lavorazione del ferro battuto, gli scalpellini del legno e della pietra che daranno vita a vere e proprie opere d’arte del nostro artigianato.
Ore 10.00 - Preparazione de “ Su Pani Pintau” con successivo trasporto del pane al forno per la Cottura.
Ore 10.30 - Preparazione del dolce pasquale tipico meanese “ Su Pani ' e Saba”
Ore 11.00 - A coere su pani e saba” (trasporto de “su pani' e saba” al forno per la cottura)
Ore 11.30 - Preparazione del piatto tipico meanese “Su Succu”
Ore 15.00 - Tradizionale pigiatura dell'uva
Ore 15.30 - Preparazione de “Sa Saba”
Ore 16.30 - A poltari su strexu de sa sposa
Ore 17.00 - Il percorso delle Domos sarà animato dai canti e balli della tradizione popolare sarda.
Ore 18.00 - Preparazione del formaggio

Da visitare:
− Visita guidata al sito archeologico Nolza con servizio bus navetta;(Partenza dall' area prospiciente la Chiesa Parrocchiale)
− Visita alla torre campanaria ed alla Chiesa Parrocchiale di San Bartolomeo Apostolo
− Mostra del Costume Meanese
− Mostra di fotografie d'epoca
− Percorso museale
− Casa del contadino (Casa Mattana Dessì)
− Arte Tessile Meanese (Casa Manca)

Dove dormire:
- Hotel ristorante pizzeria Mediana Sarda - Tel: 0784 64 241
- Agriturismo Le Vigne - Tel: +39 0784 64 320
- Bed and Breakfast Su Sonetto Tel: +39 0784 64 571 / +39 347 52 65 316

Dove mangiare
- Hotel Ristorante Pizzeria Mediana Sarda Tel: +39 0784 64 241
- Ristorante Pizzeria Albachiara, loc. Lasarà - Tel: - +39 0784 64 80 08 / +39 335 74 58 034
- Trattoria Antichi Sapori - Tel: +39 0784 64 711
- Central Pub Pizzeria Tel: - +39 349 31 94 567 / +39 345 93 17 541
- Starlight - Tel: +39 328 56 91 545
- Vari punti ristoro allestiti nelle vie del paese.
















































Leggi per intero >

CARRASEGARE ANTIGU SAMUGHESU
sardegna (oristano) samugheo

pubblicato il 25/01/2015 20:48:01 nella sezione "Eventi e feste"
CARRASEGARE ANTIGU SAMUGHESU
Il 1 Febbraio, Samugheo, è lieta di invitarvi a su Carrasegare Antigu Samughesu.

La serata avrà inizio alle ore 16.00 e prenderanno parte:
- I Mamutzones
- S'Urtzu
- Su Omadore
- Su carru de Santu Minchilleo
- Su Tragacorgios e tutte le fugure del carnevale Samughese.

Inoltre saranno ospiti:
- Boes e Merdules Ottana
- Su Bundu Orani
- Mamuthones e Issohadores Mamoiada
- Tumbarinos Gavoi
- Thurpos Orotelli
- Su Coli Coli Tonara
- Maschera e Cuaddu Neoneli
- S'Urtzu e sos Bardianos Ula Tirso
- Sa Maschera e Lenzolu Ghilarza
- Giolzi e S'Attitidu Bosa.

La serata sarà allietata da Massimo Pitzalis con musiche.
Leggi per intero >

CORTES APERTAS AD ORGOSOLO
sardegna (nuoro) orgosolo

pubblicato il 21/10/2014 00:14:07 nella sezione "Eventi e feste"
CORTES APERTAS AD ORGOSOLO
di Antonello Porcu

Orgosolo non ha bisogno di presentazioni e si riconferma la capitale incontrastata da sempre delle “Cortes Apertas”, oltre che della storia raccontata nei coloratissimi Murales.. Aperte le corti e le case, grande originalità nella presentazione dei prodotti locali .. Gentilezza delle donne dai profondi occhi spesso azzurri, grande ospitalità e buona cucina.. I muri delle vecchie case che tanto potrebbero raccontare e le nuove sontuose residenze delle nuove generazioni.. E la storia scritta e dipinta nei muri dell’intero paese che ha vissuto drammi storici riportati dalla cronaca d’epoca, non solo nazionale.. La storia di una comunità orgogliosa e fiera, eternamente in lotta contro lo Stato padrone e ogni sua vessazione… Emerge dai “murales” questo concetto che non sembra avere mai fine..
L’atro concetto vivo e forte è il profondo amore per la propria terra e il radicato senso ecologico e di difesa del territorio.
Leggi per intero >

DOCUMENTARE IL BUIO
Grotte e grotte di miniera attraverso gli archivi del tempo.
sardegna (carbonia-iglesias)

pubblicato il 07/10/2014 17:33:48 nella sezione "Eventi e feste"
DOCUMENTARE IL BUIOGrotte e grotte di miniera attraverso gli archivi del tempo.
La mostra propone un percorso attraverso il mondo sotterraneo isolano. Terrae incognitae per eccellenza, le grotte - per la particolarità dei loro ambienti - si comportano come archivi del tempo, conservando al loro interno le tracce della loro formazione ed evoluzione e quelle dell’evoluzione delle specie che le abitano e le frequentano, compreso l’Homo sapiens.

Inaugurazione Domenica 12 Ottobre 2014, ore 17.00
La mostra sarà visitabile fino al 16 Novembre dal martedì alla domenica,
dalle 10.00 alle 17.00
Ingresso gratuito

Organizzata dal Centro Italiano della Cultura del Carbone, dal Gruppo Ricerche Speleologiche "E.A.Martel" Carbonia e dalla Federazione Speleologica Sarda nell'ambito della Settimana del Pianeta Terra - L’Italia alla scoperta delle Geoscienze. L’iniziativa, che si svolge ogni due anni in tutta Italia, è promossa da Geoitalia-Federazione Italiana Scienze della Terra Onlus con il fine di diffondere tra il grande pubblico la cultura geologica, il rispetto per l’ambiente, la cura per il territorio e divulgare l’inestimabile patrimonio che l’Italia possiede, non solo dal punto di vista artistico e monumentale, ma anche ambientale, geologico in particolare. Quest’anno l’iniziativa si svolge nella settimana tra il 12 e il 19 Ottobre; l’elenco completo dei Geoeventi è disponibile sul sito web www.settimanaterra.org




Leggi per intero >

LA FESTA CAMPESTRE DI SAN FRANCESCO DI LULA
sardegna (nuoro) lula

pubblicato il 29/09/2014 19:52:33 nella sezione "Eventi e feste"
LA FESTA CAMPESTRE DI SAN FRANCESCO DI LULA
“Festa San Francesco di Lula”
Santuario campestre di San Francesco e centro storico di Lula – 1/18 ottobre 2014

Dal 1° al 18 ottobre a Lula, si celebra la festa campestre descritta da Grazia Deledda nel capolavoro Elias Portolu, una tra le più sentite e caratteristiche di tutto il territorio regionale.

Tra cammini di fede, convivialità in “sas cumbissias”, tradizione, folclore e la cucina tipica, si vive un’indimenticabile esperienza immersiva nell’anima più vera e profonda della festa della comunità barbaricina.

UN NUTRITO PROGRAMMA RELIGIOSO NEL SANTUARIO DI SAN FRANCESCO CARATTERIZZA ANCHE QUEST’ANNO LA GRANDE FESTA DI LULA:

Si comincia Mercoledì 1° Ottobre alle ore 17,00 con il Triduo di preparazione alla festa.

Giovedì 2 la Santa Messa sarà celebrata alle 8,30 – 10,00 e alle 17,00

Venerdì 3 a mezzanotte dalla Chiesa di N.S. Del Rosario di Nuoro partenza dei pellegrini verso il santuario di San Francesco di Lula

Sabato 4 Alle ore 7,30 sarà celebrata la Santa Messa per l’arrivo dei pellegrini, le altre celebrazioni sono previste alle 9,30, alle 10,30 e alle 17,00

EVENTI E SPETTACOLI

Nelle vie del paese sono previste una serie di iniziative di carattere musicale e culturale di grande coinvolgimento popolare

Sabato 4 ottobre dalle ore 18.30 si terrà l’esibizione itinerante per le vie del centro storico dei cori polifonici “Voches e Ammentos” di Galtellì; “Prama ‘e Seda” di Dorgali, dei tenores “San Gavino” di Oniferi e “Supramonte” di Orgosolo e i balli popolari del gruppo folk “Sos Cambales” di Irgoli con Totore Chessa all’organetto diatonico.

Domenica 5, dalle ore 10.00 e dalle ore 16.00 - Esibizione itinerante per le vie del centro storico del gruppo dei tamburini e trombettieri “Sa Sartiglia” di Oristano.

Alle ore 20.00 si terrà la registrazione della trasmissione televisiva Sardegna Canta in tour. Lo spettacolo sarà aperto dal ballo tradizionale del Gruppo Folk di Lula accompagnato dall’organettista Francesco Demontis e vedrà la partecipazione della storica formazione dei Bertas, i tenores “Su Riscattu” di Lodè, il coro polifonico “Omines Agrestes di Lula, i “cantadores logudoresi” Antonio Porcu e Daniele Giallara accompagnati da Costantino Doppìu e Antonio Masia, il gruppo “Sentidos”, la presentatrice Ambra Pintore con il suo progetto musicale “Muriga tour”. La trasmissione si concluderà con un ballo popolare per tutto il pubblico con la musica dell’organettista di Lula Pietro Porcu.

Le manifestazioni si concluderanno Sabato 18 ottobre in Via G. M. Angioy dalle ore 14,30 con la rappresentazione equestre organizzata dall’Associazione Culturale Ippica “Calavrina”



Leggi per intero >

DOMOS ANTIGAS 2014
sardegna (nuoro) meana sardo

pubblicato il 25/09/2014 19:26:01 nella sezione "Eventi e feste"
DOMOS ANTIGAS 2014
Il Comune di Meana Sardo, la Pro Loco e tutte le associazioni organizzano all’interno del circuito Autunno in Barbagia, la manifestazione: Domos Antigas.

La manifestazione Domos Antigas, si svolgerà dall'11 al 12 Ottobre 2014, secondo il seguente programma:
Sabato 11 Ottobre
Ore 9.30: Aprono le Domos Antigas;
Ore 10.00:
- Preparazione del pane tipico Su Pani Pintau;
- Preparazione del dolce pasquale tipico meanese Su Pani ' e Saba;
Ore 10.30: Inaugurazione Stand dei prodotti tipici locali;
Ore 11.00: A coere su pani (trasporto del pane al forno per la cottura);
Ore 11.15: Preparazione del piatto tipico meanese Su Succu;
Ore 11.45: A coere su pani e saba (trasporto de “su pani' e saba” al forno per la cottura);
Ore 15.00: Dall’uva al vino (rappresentazione della lavorazione delle uve);
Ore 16.30: A poltari su stregiu (tradizionale trasporto del corredo della sposa, alla casa degli sposi);
Ore 18.00: Preparazione del formaggio;
Ore 19.00 : Su pani 'e coia (riproposta della lavorazione e cottura del pane che si preparava il giorno prima del matrimonio – l'evento sarà animato da canti e balli della tradizione popolare meanese).

Domenica 12 Ottobre:
Ore 9.30: Aprono le Domos Antigas;
Ore 10:00:
- Preparazione del pane tipico Su Pani Pintau;
- Preparazione del dolce pasquale tipico meanese Su Pani ' e Saba;
Ore 11.00: A coere su pani (trasporto del pane al forno per la cottura);
Ore 11.15: Preparazione del piatto tipico meanese Su Succu;
Ore 11.45: A coere su pani e saba (trasporto de “su pani' e saba” al forno per la cottura);
Ore 15.00: Dall’uva al vino (rappresentazione della lavorazione delle uve);
Ore 15.30: Preparazione de Sa Saba;
Ore 16.30: A poltari su stregiu (tradizionale trasporto del corredo della sposa, alla casa degli sposi);
Ore 17.00: Il percorso delle Domos sarà animato dai canti tradizionali e balli della tradizione popolare sarda;
Ore 18.00: Preparazione del formaggio;
Ore 18.30: Proiezione dei filmati.

Saranno presenti vari punti ristoro nelle vie del paese.





Leggi per intero >

CORTES APERTAS AD OLIENA
sardegna (nuoro) oliena

pubblicato il 14/09/2014 18:20:59 nella sezione "Eventi e feste"
CORTES APERTAS AD OLIENA
di Antonio Porcu

Proseguono le manifestazioni in Barbagia delle edizioni di Cortes Apertas..
Dopo Bitti e Sarule è la volta di Oliena, uno stupendo paese della provincia di Nuoro, posto ai piedi del massiccio del Corrasi, ricco di storia e di tradizione. Gli olianesi sono grandi maestri nella produzione del vino,(tanto decantato anche dal poeta-scrittore Gabriele D'Annunzio) e dell'olio extravergine di oliva. Bellissimi i costumi tradizionali, come tanti della Sardegna.. Ma nessuno, a mio avviso, conosce l'arte del ricamo come le donne olianesi, sapienti, laboriose e belle.
Davvero un'indimenticabile serata, tra una folla notevole che ha gremito il paese fino alle ore piccole, in un clima di festa e di serenità.

Foto di
"Antonio Porcu
Leggi per intero >

I FINALISTI DEL PREMIO ANDREA PARODI
L'unico concorso italiano di world music

pubblicato il 06/09/2014 18:20:04 nella sezione "Eventi e feste"
I FINALISTI DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di world music
Dal 9 all 11 Ottobre a Cagliari

Si avvicinano le date di un festival unico nel suo genere, il "Premio Andrea Parodi", il solo concorso di world music in Italia, che e` in programma dal 9 all`11 ottobre a Cagliari al Teatro Auditorium Comunale, con la direzione artistica di Elena Ledda.

Per la 7a edizione la giuria istituita dalla Fondazione Andrea Parodi ha selezionato dieci artisti, provenienti da ogni parte d`Italia. Sono:
Amemanera (brano: Sensa la lun-a, piemontese)
Alessio Bondi` (Rimmilu ru` voti, siciliano)
Flo (Olor a lluna, catalano)
Lou di Franco (Bentu, sardo)
Serena Finatti (Bes di Diu, friulano)
Leo Miglioranza (Ndemo xente, veneto)
Tamuna (Ciuscia, siciliano)
Tramas (Scida!, sardo)
Elisabetta Usai & Ergot Project (Le miel de vie, sardo-francese)
Lino Volpe (So` stat` io, napoletano)

Le serate, che saranno presentate da Gianmaurizio Foderaro di RadioRai, conteranno anche su importanti ospiti.

La manifestazione si terra` quindi in prossimita` dell`8` anniversario della scomparsa di Andrea Parodi (17 ottobre 2006), un grande artista passato dal pop d`autore con i Tazenda a un percorso solistico di grande valore e rielaborazione delle radici, grazie al quale e` diventato un riferimento internazionale della world music, collaborando fra l`altro con artisti come Al Di Meola e Noa.
Il Museo multimediale a lui dedicato e` aperto a Villanova Monteleone (SS) tutti i giorni tranne il lunedi`, a Sa Domo Manna.

Le precedenti edizioni del Premio Andrea Parodi sono state vinte nel 2013 da Unavantaluna (Sicilia), nel 2012 da Elsa Martin (Friuli), nel 2011 da Elva Lutza (Sardegna), nel 2010 dalla Compagnia Triskele (Sicilia), nel 2009 da Francesco Sossio (Puglia).

La Fondazione e` sostenuta dalla Regione Autonoma della Sardegna e dalla Provincia di Sassari; la manifestazione e` realizzata grazie al contributo del Comune di Cagliari, dei Partecipanti Aderenti e degli sponsor: Peugeot di Mario Seruis, Consorzio Cagliari Centro Storico presieduto da Gianluca Mureddu, Cantina Locci-Zuddas.
I partner del Premio sono invece l`"European jazz expo" di Cagliari, Folkest e il Negro Festival di Pertosa (SA), il Premio Bianca d`Aponte e la Federazione degli Autori.
Leggi per intero >

NUORO, REDENTORE DA TUTTO ESAURITO
In migliaia alla sfilata dei costumi

pubblicato il 25/08/2014 21:14:34 nella sezione "Eventi e feste"
NUORO REDENTORE DA TUTTO ESAURITOIn migliaia alla sfilata dei costumi
La 114/a edizione della Sagra del Redentore è da grandi numeri: in migliaia domenica hanno assistito alla sfilata dei costumi tipici e dei cavalli nelle vie del capoluogo barbaricino.
Il tutto esaurito è stato raggiunto nella giornata clou dei festeggiamenti, iniziati il 17 agosto con l'esibizione delle maschere tradizionali. Cerimonie religiose con momenti di grande solennità, si sono alternati ai festeggiamenti profani....LEGGI ARTICOLO INTERO
Leggi per intero >
Clicca sui numeri per scorrere le news
1 - 2 - 3 - 4 - 5 - 6 - 7 - 8 - 9 - 10 - 11
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie