Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
EVENTI E FESTE
Condividi nei social network   

Santadi, Sa Coia Maurreddina (Matrimonio Mauritano)


sardegna (carbonia-iglesias) santadi
pubblicato il 26/07/2013 17:04:31 nella sezione "Eventi e feste"


Santadi Sa Coia Maurreddina (Matrimonio Mauritano)
30 Luglio - 4 agosto 2013
I preparativi del Matrimonio Mauritano
La cerimonia de ‘Sa Coia Maurredina’ coinvolge l’intera collettività; il Paese partecipa alla festa in modo molto sentito, infatti il rito, rinnova lo spirito d’appartenenza alle tradizioni antiche delle genti sulcitane, rafforza l’identità culturale del popolo sardo che si arricchisce di nuova consapevolezza.
Ogni fase dei preparativi che precede il Matrimonio è curata in ogni piccolo particolare.
Gli anziani sarti del paese con dedizione e minuzia confezionano l’abito degli sposi, realizzato con le stoffe più pregiate attenti affinché ogni dettaglio sia quanto più fedele alla tradizione.
Anche la scelta delle ‘traccas’ ricopre molta attenzione: i buoi che trainano i carri sono selezionati tra i capi più belli della mandria, abbelliti da nastri e coccarde colorate. Le ‘traccas’ sono allestite con cura, addobbate con tappeti lavorati a mano, preziosi tessuti ricamati, intrecci di fiori, spighe di grano e rami di mirto.
Ancora, in occasione de “Sa Coia Maurreddina” le donne preparano il pane tipico “is cocois e is murtuareddas”, lavorato da mani esperte fino a renderlo bianchissimo; lo stesso viene offerto ai presenti al termine della cerimonia nuziale, come vuole la tradizione.

I riti nuziali
‘Sa Coia Maurreddina’ è un rito cristiano, celebrato dal Sacerdote nella Chiesa parrocchiale di San Nicola, sul sagrato della stessa, i due giovani si scambiano le promesse nuziali, tra la gioia e l’emozione dei presenti che si rendono testimoni dell’evento.
Al termine della Messa si ripropone una speciale antica benedizione – “Rito dell’acqua”: gli sposi si inginocchiano su un cuscino bianco e le madri a turno, quasi con dignità sacerdotale, fanno il segno della croce con un bicchiere colmo d’acqua, simbolo degli arcani elementi della vita stessa. Poi le madri cospargono il capo dei figli con “Sa Gratzia”: chicchi di grano, petali di rose, granellini di sale e alcune monetine; simbolo rispettivamente di abbondanza, felicità, saggezza, ricchezza. Dopodichè le madri rompono il piatto che conteneva “Sa Grazia”, in segno scaramantico.
Questi sono gli auguri più belli, più commoventi e puri che le madri esternano con gesti semplici ai propri figli.

Il Corteo Nuziale
… Il mormorio delle genti, dei turisti incuriositi accorsi per l’occasione viene rotto d’un tratto, al passaggio del Corteo Nuziale che accompagna gli sposi all’altare.
D’improvviso un silenzio austero e rigoroso quanto spontaneo, … il suono melodioso delle Launeddas, ‘sonus de canna’, coinvolge la folla, quasi sospesa nell’apprezzare le note del caratteristico strumento della tradizione musicale sarda.
A seguire, su un tappeto di fiori “sa ramadura” sfilano le rappresentanze folkloristiche provenienti da ogni parte dell’isola; i gruppi incantano gli spettatori ammaliati dalla bellezza dei costumi che si fregiano di sete e damaschi, pizzi e lino, balze ornate, corsetti aggraziati, scialli colorati e ricamati finemente, arricchiti da gioielli realizzati in finissima filigrana d’oro.
Di seguito gli schieramenti composti dei fieri cavalieri, che danno mostra della loro abilità nel condurre gli eleganti equini per le vie del paese, rendono omaggio agli sposi con la loro nobile bellezza.
Infine, scorrono tra la folla le Traccas che al mattino lasciano i rioni del paese in cui sono state addobbate con passione e dedizione. Le stesse ospitano gli sposi, i testimoni e familiari della coppia; alla sposa è destinata la Tracca più elegante, a seguire quella del futuro sposo e dei testimoni.
L’emozione è al culmine, il coinvolgimento dei presenti è totale. Tutti si stringono attorno alla coppia che di lì a poco raggiungerà il sagrato della Chiesa, in un’atmosfera ricca di sacralità e gioia.
L’Abito Nuziale
Gli sposi, i rispettivi genitori, testimoni e tutti gli invitati alle nozze, indossano il costume tradizionale, quello elegante, che fin dal passato era riservato alle occasioni più importanti, di festa. Nella tradizione del Basso Sulcis, l’abito della sposa (su bistiri po si coiai) differiva da quello giornaliero per la qualità pregiata dei tessuti, l’accurata fattura e la rigorosa precisione nel cucito, nei pizzi e nei ricami.
Il vestito della sposa è realizzato con una preziosa seta o broccato di seta ‘sera a matas’, di diverse tonalità di colore e con disegni floreali. L’abito si compone di: “su manteu”- lunga gonna a pieghe; “su gipponi”- giubbetto fermato ai polsi con due o tre bottoni d’oro; “sa perr’e sera”- fazzoletto di seta bianca ricamata, incrociato sul petto e chiuso da una spilla d’oro; “su vantaliccu”- grembiule di seta nera semplice, ricamato o impreziosito con pizzi fatti a mano; “sa scofia” cuffia copricapo di seta rossa dai lunghi nastri, su cui si applica “su mucaroi biancu”- fazzoletto di tulle finemente ricamato ad ago con disegni floreali; “sa mantillia” – mantillia di seta bianca o in alternativa “su sciallinu ‘e sera” si indossa sul fazzoletto di tulle. L’abito si arricchisce de “is prendas”- i gioielli realizzati in filigrana d’oro (anelli, pendenti, spille, bottoni e la collana).
L’abito maschile da cerimonia (sa roba po si coiai) è realizzato con il lino o l’orbace; lo sposo indossa “is cracionis de linu”- sottocalzoni di lino bianco; “is cracionis”-calzoni in orbace; “sa camisa”- camicia di cotone finemente cucita a mano, con ricami su polsini e colletto, su quest’ultimo vengono applicati due bottoni in filigrana d’oro o d’argento; “su cossu”- gilet di lana leggera con intarso posteriore di colore violetto/rosso, è chiuso sul petto da due file di monetine d’argento; “su turbanti”- fazzoletto di seta rossa fiorita da indossare legato su “sa berritta”; “is craccias”- gambali di orbace nero; “is crapitas”- scarpe nere a polacca spesso con tacco alto lavorato. In inverno l’abito correda de “su serenicu”- cappotto di orbace nero finemente tessuto e abbellito con intarsi di velluto rosso o/e bordeaux e con ricami eseguiti ad ago utilizzando fili d’oro, fermato al collo da due alamari d’argento.


Associazione Turistica Proloco Santadi
Santadi (Carbonia-Iglesias)
Tel:0781.955178
Website:www.prolocosantadi.it/?p=12
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
sardegna (nuoro) lula
La festa di San Francesco a Lula
sardegna (sassari) alghero
Stagione di bogamarì  ricci di mare ad Alghero
sardegna (cagliari) cagliari
LA SARDEGNA RICORDA GIOVANNI PAOLO II
sardegna (medio campidiano) arbus
ASPETTANDO SANTANTONIOValorizzazione degli addobbi e dei ricami
La settimana del Carnevale gavoese
sardegna (cagliari) cagliari
Capodanno 2014: Cagliari incontra lEuropa
A Maimone Carnevale a Samugheo
sardegna (olbia-tempio)
Una Notte in Italia  Festival del cinema di Tavolara 2013
Capo e Croce le ragioni dei pastori di Paolo Carboni e Marco Antonio Pani al Festival Internazionale del Film di Roma.
Bambini e adolescenti in scena per Sa Die de sa Sardigna
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie