Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
EVENTI E FESTE
Condividi nei social network   

Bambini e adolescenti in scena per “Sa Die de sa Sardigna”


pubblicato il 22/04/2013 22:16:47 nella sezione "Eventi e feste"


Bambini e adolescenti in scena per Sa Die de sa Sardigna
Sabato 27 aprile, alle ore 21, a Biella, il Circolo Culturale Sardo Su Nuraghe, presenta Libertatade, Libertad, Libertà, atto unico liberamente tratto da “Hombres y dinero” di Pietro Maurandi, messo in scena da bambini e adolescenti, di età compresa tra i cinque e i sedici anni per ricordare Sa Die de sa Sardigna, Festa del Popolo sardo, celebrata in Sardegna il giorno 28 aprile di ogni anno – ingresso libero.

I testi e la regia sono di Mirko Cherchi, con la collaborazione di Francesco Logoteta, giovani attori animatori del laboratorio teatrale di Su Nuraghe. La finalità dell’evento teatrale, organizzato a corredo delle attività celebrative de “Sa Die de sa Sardigna”, è quella di conoscere, rappresentare e attualizzare elementi storici e significati sociali che hanno caratterizzato la fine del Settecento nell’Isola, con brevi visitazioni al secolo precedente.
In particolare, si vuole ricordare l’azione rivendicatrice di Agostino di Castelvì, marchese di Laconi, “Prima voce” dello Stamento che, nella seconda metà del XVII secolo, aveva rivendicato invano presso il governo spagnolo - pagando poi con la vita - le cariche sarde ai Sardi a fronte del pagamento del donativo, esose tasse da versare interamente a Madrid, che, nel 1667, ammontarono a settantamila ducati d’oro.
Diversi i soggetti coinvolti per la buona riuscita dell’evento: genitori, costumiste, volontari per allestimenti e vettovaglie: dopo le prove, tutti a tavola per conoscere, anche attraverso i sapori, l’isola di genitori, nonni, bisnonni e trisavoli.
Le “Voci di Su Nuraghe”, dirette da Biagio Picciau, proporranno alcune strofe dell’inno “Su Patriotu sardu contra a sos feudatarios”, vero e proprio canto di guerra, la cui origine si spiega con le vessazioni subite dai vassalli in genere e dai Sardi in particolare, all’epoca canzonati dai Piemontesi con l’epiteto di “molenti” (asini). In quel periodo a Cagliari, presso i funzionari che circondavano il Viceré, era in voga anche una quartina di scherno: “Tirilì, tirilì, crepino i sardi/ noi piemontesi restiamo qui/ tirilà, tirilà, crepino i sardi/ noi piemontesi restiamo qua”.
La fedeltà dei Sardi “a su Re", ai Savoia, si era palesata più volte, come quando l’esercito d’oltralpe, guidato dall’ufficiale corso Colonna Cesari, il 22 Febbraio 1793 alla testa di 22 navi e di seicento uomini, aveva rimediato una cocente sconfitta nel tentativo di conquistare La Maddalena. Alla spedizione francese partecipava l’allora sconosciuto giovane 24enne luogotenente colonnello Napoleone Bonaparte che, dopo aver preso terra a Santo Stefano, bombardava sistematicamente La Maddalena. Tre giorni dopo, il 25 febbraio, la valorosa resistenza dei Sardi, al comando del maddalenino Domenico Millelire, di soli 32 anni, ricacciava a cannonate il futuro imperatore di Francia.
La vittoria consentì al nocchiero della Regia Marina Sarda di guadagnarsi la medaglia d’oro al valore militare, la prima di quella Marina Militare che sarebbe diventata poi Italiana. A suo fratello Agostino toccò la seconda.
A seguito della vittoria anche sui contemporanei attacchi francesi al porto di Cagliari, la consapevolezza del proprio valore portò i Sardi a ripresentare a Vittorio Amedeo III di Savoia le famose cinque domande: “riunire il Parlamento sardo almeno ogni dieci anni; riconfermare tutti gli antichi privilegi; riservare esclusivamente a persone indigene tutti gli impieghi civili e militari, tranne i più alti; creare a Torino uno speciale ministero per le questioni dell’Isola; istituire a Cagliari un Consiglio di Stato per il controllo della legittimità anche nei confronti dell’operato del Viceré”.
Inutilmente - non fu neppure ricevuta - una delegazione, formata da sei rappresentanti degli Stamenti, il Parlamento sardo, si recò a Torino per chiedere il ripristino degli antichi diritti.
Al palese rifiuto piemontese, sul finire del 1793, il Viceré Vincenzo Balbiano fu caricato a viva forza dai Sardi su una nave della Repubblica di Venezia e spedito a Livorno.
Il 28 Aprile 1794, scoppiò a Cagliari una rivolta popolare che portò alla cacciata di tutti i Piemontesi dalla città. Il popolo sardo iniziava a prendere coscienza della necessità di lottare contro i feudatari e la loro arroganza, anche alla luce delle umiliazioni subìte, cambio beffardo di uno spontaneo comportamento leale. Noleggiate tre imbarcazioni, i popolani di Cagliari, senza colpo ferire e senza sottrarre alcunché dai cospicui vettovagliamenti, costrinsero i 514 funzionari piemontesi presenti a Cagliari a caricare nelle stive le casse con tutti i loro beni. Di quel giorno rimane il proverbiale detto: “sa die se s’acciappa”.
A Cagliari resterà nei suoi uffici un solo piemontese, il biellese conte di Portula, Vittorio Filippo Mellano, arcivescovo di Cagliari, benvoluto dai Cagliaritani.
Alla rivolta del 28 Aprile, presero parte alcuni membri degli Stamenti e giudici della Reale Udienza, tra cui Francesco Ignazio Mannu, giurista, magistrato, cavaliere, autore delle parole dell’inno “Su Patriotu sardu contra a sos feudatarios”, unitamente a Giovanni Maria Angioy, capo di un comitato permanente, che aveva il compito di esautorare il Viceré e di potenziare gli Stamenti, l’antico Consiglio di governo dell’Isola istituito dagli Spagnoli e che il governo piemontese si rifiutava di convocare.
Battista Saiu

Madrid 1667, Torino 1793, 2013, una storia che si ripete ...
Ventun giugno 1668: don Agustin de Castelvì, marchese di Laconi, “Prima voce”, “Primo ministro” dello Stamento militare, uno dei tre bracci del Parlamento del Regno di Sardegna, muore in un agguato a Cagliari presso la carrer Mayor del Castell.
Il venti maggio 1668, dopo più di un anno di permanenza a Madrid, il marchese era rientrato in Sardegna, sconfitto ma accolto da eroe per aver lottato alla corte di Madrid.
Il ventun luglio dello stesso anno viene assassinato, poco distante, il viceré spagnolo marchese di Camarassa. Due delitti a distanza di un mese.
La “Prima voce” dei Sardi aveva osato chiedere alla Corona di Spagna, a fronte del donativo di settantamila ducati d’oro, le ultime tasse versate dai Sardi alla Spagna, nuove condizioni di fatto e di diritto, articolate in cinque punti: 1- Le tasse dovevano essere corrisposte in cambio delle richieste che venivano fatte dai Sardi;
2- Le cariche governative, civili, militari e religiose, dovevano essere date ai Sardi e non agli Spagnoli;
3- Nessuno poteva essere imprigionato senza un motivo;
4 - Gli Stamenti, il Parlamento sardo, e non il viceré, avrebbe dovuto decidere se mettere nuove tasse;
5- Le regole sul governo della Sardegna dovevano essere controllate dal Parlamento sardo e non dal viceré.
Questo si ripeterà praticamente identico verso la fine del secolo successivo, quando una delegazione sarda andrà a Torino per ottenere gli stessi diritti chiesti sotto gli Spagnoli.
Anche allora le richieste non furono accettate e questo provocò l’insurrezione popolare del 28 aprile 1794, quando tutti i funzionari e i militari piemontesi verranno cacciati dall’Isola.
Identiche le richieste presentate, identico il rifiuto, identiche le reazioni, cambiano solo le date e il momento storico, ma resta la sensazione che, a volte, i Sardi e il loro territorio tendano ad essere sfruttati dagli altri.
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
I falò di SantAntonio ischintziddas dae su coro
SCOPRI GLI EVENTI IN SARDEGNA DELLESTATE 2014
sardegna (nuoro) oliena
Oliena in fiore
sardegna (cagliari) cagliari
Cinema e minoranze linguistiche: Babel Film Festival 3 a Cagliari
sardegna (oristano)
La Sartiglia
sardegna (sassari)
Cavalcata Sarda Sassari in festa tra sfilate in costume e pariglie
sardegna (medio campidiano) villamar
I picioccus de foras contus con lironia sul filo della memoria
La proiezione del film Rosa Nudo di Giovanni Coda al cinema Arsenale di Pisa
sardegna (carbonia-iglesias) santadi
Santadi Sa Coia Maurreddina (Matrimonio Mauritano)
Bambini e adolescenti in scena per Sa Die de sa Sardigna
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie