Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
ENOGASTONOMIA
Condividi nei social network   

I CONCERTI APERITIVO DI (TO) BE IN JAZZ
XIV edizione “Echoes of an Era”


pubblicato il 29/11/2014 15:13:57 nella sezione "Enogastonomia"


I CONCERTI APERITIVO DI (TO) BE IN JAZZXIV edizione Echoes of an Era
7-14-21-28 Dicembre 2014
Ore 11.00
Sassari – Palazzo di Città (Teatro Civico)

Dal 7 al 28 Dicembre, presso il Palazzo di Città di Sassari, alle ore 11.00 si rinnova l’appuntamento, atteso dai tanti appassionati di jazz e non, con la quattordicesima edizione della rassegna "(To) Be in Jazz - I Concerti Aperitivo", organizzata dall'Associazione Blue Note Orchestra, a cui fa capo l’Orchestra Jazz della Sardegna, con il contributo ell'Assessorato alle Culture del Comune di Sassari, dell’Assessorato alla Cultura della Regione Sardegna, del Ministero per i Beni e le
Attività Culturali e della Fondazione Banco di Sardegna.
La rassegna è nata nel 2001 per approfondire in ogni edizione un tema specifico ed ha ospitato musicisti quali, Stefano Bollani, Barbara Casini, Maria Pia De Vito, Paolo Fresu, Giorgio Gaslini, Maurizio Giammarco, Javier Girotto, David Linx, Rita
Marcotulli, Antonello Salis e Colin Towns.
Come sempre, grazie alla collaborazione del Museo del Vino-Enoteca Regionale della Sardegna di Berchidda, a chiusura dei momenti musicali verranno proposte alcune tra le eccellenze vitivinicole in abbinamento a selezionate realtà produttive
dell’agroalimentare, grazie alla collaborazione delle aziende Cantina Sorres di Laura e
Delia Floris a Sennori, Tenuta Asinara di Roberto e Grazia Sassu a Sorso, Tenute Sella & Mosca di Alghero e Cantine Chessa di Giovanna Chessa a Usini che hanno
aderito con entusiasmo all’iniziativa. I vini sono accompagnati da un percorso di
formaggi selezionato dal Consorzio di Tutela Pecorino Sardo Dop e da alcuni prodotti
del Panificio di Francesca Sanguinetti di Ozieri.
La rassegna prosegue il tema della scorsa edizione “Echoes of an Era”, in cui venne affrontato un percorso storico incentrato sotto l’aspetto dell’evoluzione stilistica della musica jazz, mentre quest’anno l’attenzione è focalizzata su alcuni dei grandi
compositori che hanno espresso valori qualitativi tra i più elevati, nell’ambito di quello
stesso percorso storico.
Il viaggio in quattro tappe lambirà i lidi della creatività di Gil Evans e Miles Davis, le
menti dietro “Birth of the Cool”, di Thelonious Monk, Duke Ellington e Joe Zawinul.
Giganti autentici, compositori straordinari, differenti tra loro ma accomunati dall’essere stati dei fondamentali innovatori non solo della tecnica esecutiva, ma, ciò che conta di più in questo contesto, delle tecniche compositive, e dall’aver creato musica eccezionale che resiste all’usura del tempo ed al passare delle mode.
La rassegna parte domenica 7 dicembre alle ore 11.00, quando sul palco di Palazzo di Città il Birth of the Cool Ensemble eseguirà una delle opere più importanti dell’intera storia del jazz. Birth of the Cool è, a distanza di oltre sessant’anni da quando Gil Evans e Miles Davis la concepirono tra la fine degli anni ’40 e i primi ‘50, un’opera il cui smalto non è stato minimamente intaccato dallo scorrere del tempo e dalle infinite evoluzioni stilistiche del Jazz. Il seminterrato di Gil Evans fu il luogo in cui un Davis
ormai stanco delle frenesie del Bop trovò nel compositore canadese il partner ideale per
creare qualcosa di completamente inaudito. La sintonia tra i due era perfetta, perché entrambi avevano avuto la stessa idea: affrancare il jazz dai timbri e dalle atmosfere del Bebop, elaborando un discorso musicale che, ispirandosi sia a Duke Ellington che a Debussy, prevedesse un approccio molto più disteso e meditato, pieno di controllo e timbricamente innovativo, con coppie di fiati che permettono un’estensione sconosciuta al Bop.
La formazione composta da Francesco Lento (tromba), Massimo Carboni (sax alto), Rossano Emili (sax baritono), Gavino Mele (corno), Salvatore Moraccini ( trombone), Claudio Lotti (tuba), Matteo Cara (pianoforte), Paolo Spanu (contrabbasso) e Gianni
Filindeu (batteria), modellata sull’originaria Tuba Band, consente di giocare sui timbri
come mai era stato possibile nel jazz fino a quel momento, e ripropone oggi il progetto
recuperando filologicamente le partiture originali dell’epoca, eseguendole così come furono concepite da Gil Evans.
Per il secondo appuntamento della rassegna, domenica 14 dicembre sarà la volta di ”Sphere”, un omaggio alla musica di Thelonious Monk, di cui il chitarrista,
compositore, arrangiatore e direttore d'orchestra Roberto Spadoni ha curato gli arrangiamenti per la formazione “aperta” del Blue Note Jazz Ensemble, che cambierà
nel corso dei concerti della rassegna, aprendosi ad interventi ed innesti di musicisti
esterni. Si comincia con lo stesso Spadoni, oltre che arrangiatore anche chitarrista ospite della formazione, per questo progetto che coinvolge anche i tre sax di Gian Piero Carta, Massimo Carboni e Marco Maiore (rispettivamente alto, tenore e baritono), le due
trombe di Luca Uras e Giovanni Sanna Passino, il trombone di Salvatore Moraccini, Claudio Lotti alla tuba e la ritmica di Alessandro Zolo (contrabbasso) e Massimo Russino (batteria).
Da sempre considerato uno dei grandi irregolari del jazz, principalmente a causa di una
personalità dotata di qualche bizzarria e di una musicalità originalissima, che per un po’
lo ha tenuto dentro una nicchia per cultori, Monk è, ad oltre trent’anni dalla morte,
avvenuta nel 1982, uno dei compositori più suonati e rispettati, pur non essendo stato
particolarmente prolifico. La sua musica conserva una grande potenza espressiva, ed una
forza innovativa assolutamente al di là dei suoi tempi. Nel progetto “Sphere” gli
arrangiamenti e la direzione di Roberto Spadoni si sviluppano partendo dalle sue esecuzioni pianistiche, amplificando con l’organico orchestrale il caleidoscopio monkiano. Ai brani firmati da Monk, straordinari capolavori quali ‘Round Midnight,
Epistrophy, Straight, No Chaser, Introspection, I Mean You, Brilliant Corner e Monk’s Mood, si affiancano alcune composizioni dello stesso Spadoni, scaturite da idee, frammenti e spunti colti dall’universo umano ed espressivo di Monk, per un programma
che esalta le caratteristiche peculiari della scrittura monkiana.
Domenica 21, il Blue Note Jazz Ensemble presenterà Swinging Duke, omaggio a Duke Ellington con gli arrangiamenti scritti dal compositore arrangiatore, direttore d’orchestra, pianista ed autore di musica per cinema e teatro Paolo Silvestri appositamente per la formazione sassarese, composta per l’occasione da Gian Piero
Carta (sax alto), Massimo Carboni (sax tenore), Marco Maiore (sax baritono), Luca Uras ed Emanuele Dau (tromba), Salvatore Moraccini (trombone), Mariano Tedde
(pianoforte), Nicola Muresu (contrabbasso) e Luca Piana (batteria). Ospite d’eccezione
il trombettista Fabrizio Bosso, il cui abbagliante virtuosismo arricchirà l’impasto sonoro
del BNJE. Nel corso della sua carriera, iniziata da giovanissimo, Bosso ha ricevuto una quantità di riconoscimenti e di premi come miglior trombettista jazz italiano, ha
partecipato come ospite a numerosi dischi di colleghi e a programmi televisivi,
comprese diverse edizioni del Festival di Sanremo, oltre ad aver suonato in un’infinità di
concerti in tutto il mondo.
Duke Ellington è uno dei nomi più conosciuti anche dai non appassionati di jazz, e
certo rappresenta non soltanto uno dei capisaldi del jazz orchestrale, ma uno dei giganti
della musica del XX secolo tout court. Swinging Duke lo omaggia addentrandosi tra alcune delle sue composizioni storiche, tra cui In a sentimental mood, Solitude, Caravan, I let a song go out of my heart, Black and tan Fantasy, Perdido, Jeep blues, in un programma nel quale la formazione del BNJE promette di offrire uno spettacolo indimenticabile.
Sempre il Blue Note Jazz Ensemble conclude la rassegna, domenica 28 dicembre, con il progetto “Fast City”, dedicato al grandissimo Joe Zawinul, forza trainante di
formazioni storiche quali Weather Report e Zawinul Syndicate.
“Fast City” è un progetto del trombonista, arrangiatore, compositore e direttore
d’orchestra Mario Corvini, che raccoglie senza eccessivi filtri la sostanza della musica
di Zawinul mantenendo la forma delle composizioni originali che sono state riorchestrate
per l’organico del BNJE. Il lavoro di Corvini non è stato semplice, perché come è noto la musica del compositore austriaco si è avvalsa, fin dalla metà degli anni sessanta, di strumentazione elettronica (Zawinul fu uno dei primi ad utilizzare un organo Hammond e fu colui che fece innamorare Miles Davis del suono del Fender Rhodes, e nel corso della sua carriera ha sempre utilizzato un grande numero di sintetizzatori e di altra strumentazione tecnologicamente all’avanguardia), mentre nel BNJE gli unici strumenti elettrici sono la chitarra di Antonio Pitzoi ed il basso di Alessandro Zolo.
Gli altri strumentisti (Luca Uras e Giovanni Sanna Passino tromba, Salvatore Moraccini trombone, Gavino Mele corno, Gian Piero Carta sax alto e tenore, Marco Maiore sax baritono, Luca Piana batteria, oltre allo stesso Corvini che suonerà trombone ed
euphonium) utilizzano infatti strumentazione acustica. Ciò ha comportato in fase di
arrangiamento la scelta oculata e complessa, data la vastità del repertorio di Zawinul, di
offrire una veste più ricca alla sezione fiati ed una formula orchestrale più acustica,
rispetto agli originali.
La scelta dei brani ripercorre la musica di Zawinul dagli albori degli anni sessanta fino all'ultimo periodo della sua attività, coprendo quindi un periodo di cinquant’anni,
durante il quale il Maestro ha spaziato in lungo e in largo attraverso stili differenti, fino
ad arrivare, nella fase finale della carriera, ad un interesse molto marcato per la musica
etnica, che sapeva sapientemente miscelare con i suoni delle macchine che tanto amava.
L’Associazione Blue Note Orchestra offre ancora una volta una proposta culturale di
qualità, contribuendo ad animare il centro della città nel periodo natalizio.


La prevendita dei biglietti (€ 10,00 per i singoli concerti) e degli abbonamenti (€ 25,00
per i quattro concerti) viene effettuata presso Ticketok, in via Tempio 65 a Sassari (info:
0792822015) e presso la Libreria Messaggerie Sarde in Piazza Castello 11 a Sassari
(info: 079230028)
Website:www.muvisardegna.it/
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
piemonte (biella)
Perle di Sardegna proposte dall’ONAV di Biella
I CONCERTI APERITIVO DI (TO) BE IN JAZZXIV edizione Echoes of an Era
sardegna (olbia-tempio)
PORTO CERVO WINE FESTIVAL 2014
sardegna (cagliari) senorbì
La Storia del Cannonau
sardegna (sassari) alghero
Ad alghero gelato e aperitivo a Km 0
IL VINO MAORO CONQUISTA PARIGI
Filu e ferru
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
Carciofo Spinoso di Sardegna Dop
Il chirurgo più famoso d’America consiglia il vino Cannonau come elisir di lunga vita
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie