Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
LUOGHI RELIGIOSI E MUSEI
Condividi nei social network   

Il tesoro di Saccargia


sardegna (sassari) codrongianos
pubblicato il 01/07/2013 08:38:32 nella sezione "Luoghi religiosi e musei"


Il tesoro di Saccargia
Una delle piu antiche e preziose testimonanze del medioevo in Sardegna.

La chiesa di Saccargia, nel territorio di Codrongianus, è la più importante e conosciuta basilica in stile romanico-pisano del nord Sardegna. Unico edificio rimasto in piedi di un intero complesso monanstico andato in sfacelo.
Questo gioiello di architettura fu edificato all’inizio del XII sec. per volontà di Costantino I, giudice di Torres e della sua consorte Marcusa Lacon de Gunale, la quale, durante un soggiorno fortuito in quell’area presso alcuni monaci camaldolesi, ebbe in sogno la promessa di un figlio in cambio della costruzione di un edificio consacrato alla Ss.ma Trinità.
Successe così che arrivata la grazia di un discendente il giudice fece dono alla congrega Benedettina della basilica e del convento annesso, facendoli consacrare da tre cosmopoliti alla santa Maria la prima e alla Santissima Trinità il secondo (nome che poi rimarrà ad indicare anche la chiesa). Citiamo di seguito un documento che descrive questo episodio, scritto sul condaghe detto di Saccargia, redatto probabilmente verso il XVII sec:

« Currende su Annu de su Segnore nostru Iesu Christu Milliquentu et seygui, indictione nona, quinta octobris. In su tempus qui papa Paschalis Segundu regiat sa sancta Ecclesia de Roma,.. in sa insula de Sardigna regnabat pro Iuyghe et Segnore de su Regnu de Logudore su Christianissimu Constantinu, figiu qui fuit de Juyghe Mariane quondam, una cum sa prudente de Deu devota Donna Marcusa mugiere sua, sa quale fuit de Arvarè de su Samben de Gunale…. Et regnande ambos unipare… faguende iusta e sancta vida in servissiu de Deus, apisint figios e figias; et in quo piaguiat a Deus, non de lis podiat regnare, qui totu morian. Inhue deliberaint de andare a visitare sa Ecclesia de sos tres gloriosos Martyres, zo est sanctu Gavinu, Proptu et Ianuariu de Portu de Turres, su quale fuit habitadu dae mercantes Pisanos, et altera gente assay, et inivi faguer devotas oraciones, et humiles pregarias cum officios et missas, et luminarias mannas, pregande a Deus, et a sos gloriosos martyres, qui lis concederent unu figiu o figia pro herede inssoro. Et in ipso facto, fata sa deliberacione, si tucaint, e partidos qui furunt dae sa habitacione cum grandissima gente a pee e a caddu, cum piaguere mannu et triumphu, essendo in camminu, apisint a faguer nocte in sa Ischia de Saccargia. Et inivi per virtude de Deus et de sa gloriosa virgine Maria lis fuit demostradu visibilmente, qui si issos queriant sa gracia, qui in cuddu logu edificarent una Ecclesia a honore et laude de sa sanctissima Trinidade, zo est de su Padre, de su Figiu, et de su Spiridu Sanctu, et inivi faguerent unu monasteriu de sanctu Benedictu de su Ordine de Camaldulense. Inuhe, vistu su dictu Juyghe Constantinu, et donna Marcusa mugiere sua sa visione angelica, detisirunt recatu de grande moneda gasi comente aviant su podere, et apisirunt mastros Pisanos, et edificarunt sa ecclesia et monasteriu de sa Trinidade….».

Le facciate dell’edificio, dallo spiccato gusto pisano-lucchese, sono adornate da fasce bicrome bianche e nere alternate, donando alla basilica un aspetto miracoloso, come si trattasse di un favoloso ed esotico gigante zebrato, rimasto solitario nella campagna brulla.
Un gigante slanciato appunto, con il robusto campanile che si staglia squadrato sull’altipiano, con una facciata dal gusto orientale, ricca di decorazioni radiali, come altrettanti mostruosi occhi bagnati di rosso.Un guardiano con nove occhi, alto e possente, che anche nel minuto particolare delle decorazioni colonnarie conserva il suo carattere fantastico e irreale di guardiano mitologico: figure alate e demoniache fanno la guardia alle bestie da pascolo.
Una fila di sette colonne regge il porticato di costruzione Ottocentesca, grazie al quale l’ingresso è celato: quasi un azzardo nel buio, un rischio. Varcata la porta il mistero di questo luogo è presto svelato: l’interno spoglio ed irregolarmente macchiato di bianco è tutto concentrato in un unico punto, oltre il crocevia absidale che segna il centro geografico dell’edificio: lì, arroccato nell’ombra dell’abside centrale, sta uno dei piu antichi affreschi conservati in Sardegna. Un enorme pittura muraria ricopre interamente la parete convessa del coro, proprio nell’angolo più nascosto: una vera e propria esplosione di colori e forme dal sapore bizantino, conservata per quasi mille anni in maniera eccellente nell’angolo più buio del ventre del gigante.
La meraviglia dello sguardo non lascia spazio a commenti, se non per un paio di particolari: nella fascia mediana, tra il Cristo “in mandorla” accompagnato da angeli ed arcangeli del catino superiore e le scene neotestamentarie della fascia inferiore stanno in fila i dodici apostoli, con al centro San Paolo e la Vergine. Quest’ultima insolitamente raffigurata con le braccia alzate al livello del petto e le palme rivolte all’ osservatore, in una posa tipica delle madonne pentecostali di retaggio mozarabico-catalano. L’atteggiamento in questione è probabilmente riferito alla madre di Cristo, quindi la Donna, come Chiesa, fondamento della civiltà oltre che luogo della fede e della società cristiana.
Un altro particolare interessante, in questo splendido esempio di pittura muraria eseguito probabilmente da maestranze sarde formatesi in ambiente umbro-laziale, è il ritratto dell’imperatore Costantino I che alcuni studiosi sembrano riconoscere nell’uomo in cotta di maglia inginocchiato di fronte a S.Benedetto, nell’ultimo pannello a sinistra del registro inferiore.
La mia attenzione è attirata poi da un altro personaggio, situato proprio a lato della madonna (dalla quale è diviso dalla feritoia): è il tredicesimo apostolo, Paolo di Tarso, noto per la sua conversione sulla via di Damasco ed il suo successivo ingresso nel consesso apostolico. Quella di s Paolo è certamente una figura molto particolare nella storia della proto cristianità, a lui sono riferite alcune delle piu antiche testimonianze di canto liturgico, quando, imprigionato a Filippi insieme con Sila cantava durante la notte, mentre gli altri prigionieri li ascoltavano (Atti 16, 25). E sul rapporto tra musica e religione, nel medioevo Sardo, si sa purtroppo molto poco. Quello che possiamo certamente supporre, vista la documentata consistenza musicale della liturgia orientale – precedentemente assai diffusa nel nord Sardegna-, unita alla spiccata sensibilità dei camaldolesi per i canti sacri (basti solo citare Guido d’Arezzo, monaco camaldolese e tra i piu importanti teorici musicali del periodo, riformatore del canto e dell’insegnamento musicale) che i monaci abbiano cantato per lungo tempo tra le mura di Saccargia. Li dove ora rimane solo il silenzio e lo stupore ammutolito di chi si trova al cospetto di uno dei più importanti monumenti della Sardegna medievale.

Stefano Aresu
Codrongianos (Sassari)
Website:www.arrexini.info/il-tesoro-di-saccargia/?fb_action_ids=10201620572265754&fb_action_types=og.likes&fb_ref=addtoany
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
sardegna (cagliari)
Il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari
sardegna (carbonia-iglesias) fluminimaggiore
Il museo Etnografico di Fluminimaggiore
sardegna (carbonia-iglesias) nuxis
Chiesa di SantElia
sardegna (sassari)
Museo Nazionale G.A.Sanna
sardegna (sassari) borutta
La chiesa di San Pietro di Sorres
sardegna (sassari) castelsardo
Museo dellintreccio a Castel Sardo
sardegna (cagliari) armungia
Museo Storico Emilio e Joyce Lussu
sardegna (carbonia-iglesias) carbonia
Il museo del carbone
sardegna (nuoro) nuoro
Museo dArte della Provincia di Nuoro
La via dei Santuari
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie