Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
SPORT E NATURA
Condividi nei social network   

Biodiversità: il Wwf racconta quella sarda


pubblicato il 04/12/2013 15:09:44 nella sezione "Sport e natura"


Biodiversità: il Wwf racconta quella sarda
Scritto da Effe_Pi
Farfalla SardegnaL'isola tra le regioni d'Italia più ricche di specie animali e vegetali tipiche, dal cervo sardo al fenicottero.
La Sardegna è una delle zone d’Italia più importanti dal punto di vista della biodiversità, con molte specie “esclusive”, tante altre condivise con pochi territori e purtroppo anche qualche scomparsa. Lo dice il primo Rapporto sulla biodiversità presentato dal Wwf (World wildlife fund), realizzato dall’associazione ambientalista con il contributo della Società Italiana di Ecologia. In Sardegna (come anche in Corsica) a consentire la presenza di una “fauna caratteristica” è stata l’assenza di molte specie “ben distribuite” nella penisola, come “le vipere (Vipera sp.), le rane (Rana sp.) e gran parte dei mammiferi terrestri”; ad aiutare, anche “alcune presenze esclusive” come il geco tarantolino (Phyllodactylus europaeus) e i discoglossi del gruppo sardo corso (Discoglossus spp.). Il discoglosso, un rospo autoctono isolano, deve il suo nome “alla particolarità di avere la lingua a forma di disco fissata al pavimento della bocca e quindi non può essere estroflessa come fanno invece rospi e rane”.
Molte delle specie tipiche sarde vengono dal Maghreb, che ha un forte influsso faunistico su tutto il sud Italia, come dimostrano le presenze “del gongilo (Chalcides ocellatus) e forse quella dello stesso istrice (Histrix crystata)”, ma ancor più il “caso della farfalla Danaus chrysippus che con il favore dei venti meridionali a più riprese ha varcato il mare e si è insediata in Sicilia, in Sardegna e nell’Italia centro meridionale”. Molte sono quindi le specie alloctone, non originarie dell’isola, un fenomeno antico frutto dell’attività dell’uomo “volontaria e involontaria, iniziata almeno in epoca fenicia e romana con i trasferimenti di daini (Dama dama) dal Medio Oriente al Mediterraneo occidentale e la colonizzazione della Sardegna con specie come il cervo (Cervus elaphus) e il ghiro (Glis glis)”. In particolare, il cervo sardo (Cervus elaphus corsicanus) è di solito considerato un abitante esclusivo della Sardegna, e si distingue dalla specie nominale europea per alcuni caratteri morfologici “come adattamento alle condizioni di insularità”. In particolare, le dimensioni del corpo “sono inferiori rispetto a quelle del cervo europeo. Le corna, presenti solo nel maschio, differiscono da quelle dell’europeo per le dimensioni, raggiungendo una lunghezza massima di 70 cm ed un peso di circa 1 kg per asta, rispetto agli oltre 8 kg della nominale”. Nonostante il notevole incremento numerico, il cervo sardo “non si può dichiarare fuori pericolo”, non è quindi un caso “se è ancora inserito nella Lista Rossa dell’IUCN”, per quanto esistano progetti di ripopolamento come quello delI’ISPRA, che nei prossimi anni si spera migliorino la situazione.
Altra specie tra le più note diffuse in Sardegna sono i fenicotteri, giunti nel 1992 a seguito di “una drammatica siccità” che colpì l'Europa meridionale e in particolare il parco della Camargue in Francia, la più importante zona di riproduzione dei fenicotteri in Europa. Distese di limo asciutto e screpolato “presero il posto di quel paradiso naturale un tempo pieno di vita e i fenicotteri furono costretti ad abbandonare i loro nidi e a disperdersi in tutto il Mediterraneo, alla ricerca dell’ acqua”. Uno stormo si fermò negli stagni di Cagliari che in quel periodo erano “così accoglienti che le coppie sfrattate dalla Francia decisero di costruire lì i loro caratteristici nidi e subito dopo vi deposero le uova”. Fu così che per la prima volta il fenicottero nidificò in Italia. I piccoli fenicotteri furono contrassegnati con un anello colorato e numerato e fu possibile seguire anno dopo anno, i loro spostamenti. Così, quando l'acqua tornò in Camargue e i fenicotteri ripreso la via della Francia, si scoprì che “molti preferirono restare in Sardegna. Continuarono a nidificare nelle saline di Cagliari e i loro figli poco a poco invasero anche la penisola”. Altri uccelli presenti solo nell’isola sono la ghiandaia di Sardegna (Garrulus glandarius ichnusae) e l’astore sardo (Accipiter gentilis arrigonii), ben distinte anche dal punto di vista morfologico, mentre purtroppo risulta estinto l’avvoltoio monaco (Aegypius monachus), che nidificava nei boschi della Sardegna fino al 1950 circa: la sua scomparsa è imputabile alla persecuzione dell’uomo. In Sardegna negli ultimi 20 anni sono arrivati anche gli aironi guardabuoi (Ardeola ibis), prima presenti solo “in Francia o in Spagna se non in Africa”. Oggi si sono diffusi anche fuori dall’isola, ma la prima colonia fu segnalata negli stagni di Molentargius.

Ancora, la Sardegna è nota per le particolari specie di tartarughe, come la Testudo graeca, i cui nuclei più importanti sono nell’isola, ove “sono stati osservati anche eventi riproduttivi”. Discorso analogo vale per Testudo marginata, una “specie alloctona introdotta dall’uomo nell’antichità e oggi acclimatata in varie aree della Sardegna, ove sono presenti popolazioni di una certa consistenza”. Infine, discorso a parte merita la vegetazione, visto che nell’isola tutte le serie cartografate sono esclusive del territorio sardo, “ad eccezione del Galio scabri - Querco ilicis sigmetum, presente anche all’Isola d’Elba e del Pistacio lentisci - Pino halepensis sigmetum, con un unico poligono di circa 990 ettari che nel resto del territorio italiano è presente solo in Puglia”. Le cause, il “maggior isolamento dell’isola” e la “diversa origine tettonica e paleogeografica del distretto sardo-corso”.

Foto da: www.sardegnadigitallibrary.it/index.php?xsl=626&id=288172
Website:www.itenovas.com/in-sardegna/560-wwf-biodiversity-sardegna-rapporto.html
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
sardegna (nuoro) dorgali
L Acquario di Cala Gonone: un emozionante viaggio dalla riva alle profondita del Mare
sardegna (olbia-tempio) la maddalena
ALLA SCOPERTA DEL SANTUARIO DEI CETACEI: DUE GIORNI DI EDUCAZIONE AMBIENTALE
Le Bocche di Bonifacio
IL GIGLIO DI MARE
Sardegna: La Sei Giorni Internazionale di Enduro
sardegna (cagliari) cagliari
Cagliari X giornata nazionale del trekking urbano
sardegna (cagliari) domus de maria
ESCURSIONE NELLA FORESTA DI IS CANNONERIS
Perch fare escursionismo in Sardegna?
Sistrumpa: la lotta sarda dei Gherradores
Biodiversità: il Wwf racconta quella sarda
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie