Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
NEWS E CURIOSITÀ
Condividi nei social network   

C'era una volta il matrimonio in Sardegna


pubblicato il 13/08/2013 11:55:53 nella sezione "News e curiosità"


Cera una volta il matrimonio in Sardegna
Su fastiggiu.
Durante su fastiggiu, (corteggiamento) i sentimenti di simpatia e affetto verso la donna del cuore venivano manifestati attraverso gesti e occhiate affettuose quando i due giovani si vedevano la domenica mattina all'uscita di chiesa o quando si incontravano nelle fontane in cui si recavano per la provvista dell'acqua potabile.
Frequenti erano anche le musicas, romantiche serenate che il giovane dedicava alla sua amata.
Ma, non più soddisfatto dei fugaci incontri con l'amata, l'innamorato decideva di chiederne la mano alla sua famiglia.
Egli, forse per timidezza, o forse per paura di essere rifiutato, mandava per la richiesta di matrimonio, su paralimpu, persona di fiducia, scelta tra quelle più sagge; poteva capitare che egli fosse anche il parroco del paese.
Il messaggero si recava a casa della famiglia della ragazza e, come tradizione voleva, veniva accolto in cucina e fatto accomodare in una sedia sgangherata detta appunto su scann’ e su paralimpu . Se l’uomo, o la donna che fosse, nel conversare con la famiglia si fosse agitato troppo e quindi caduto dalla sedia, tale gesto sarebbe stato visto come un cattivo presagio di nozze.
L’ambasciatore non entrava mai subito in argomento con i genitori della ragazza, ma cercava di velare con una storiella, il vero scopo della sua visita ed esplorava il terreno prima di aprirsi per evitare un reciso rifiuto.
Sa intrada.
Quando dunque, nessuna difficoltà si opponeva al matrimonio proposto dal paralimpu, i genitori della ragazza lo invitano a tornare assieme al giovane pretendente; avveniva così sa intrada.
A questa, seguiva l’assicuronzu, ossia l’assicurazione del matrimonio (in tale circostanza si stabiliva la dote della sposa e veniva fissata la data delle nozze) in cui si faceva una festa vera e propria con tutti i parenti dei fidanzati.
Il giovane, coglieva l'occasione per regalare alla propria amata un anello o una spilla.
Nei doni legati ai rituali di fidanzamento erano spesso presenti l’elemento decorativo della chiave che simboleggiava la delega alla donna come padrona del proprio cuore e della casa. La stessa valenza della chiave aveva la forbice .
Un fatto singolare accadeva in qualche centro dell’isola, dove, dopo l’assicuronzu, vi era la possibilità per i due fidanzati di poter convivere e di sentirsi liberi di consumare il matrimonio nonostante questo non fosse ancora stato celebrato. Non ho trovato parole migliori di quelle del Poggi per giustificare il motivo di tale concessione:
“In fatto di matrimoni, nell’isola non si scherza; la fede giurata è sacra, inviolabile; avere poi impegnata la parola, dopo aver goduto gli effetti abbastanza positivi dell’assicuronzu, è lo stesso di avere impegnata la pelle!”
In prossimità delle nozze e, a volte anche il giorno stesso, sarebbe poi intervenuto il parroco con qualche piccola penitenza a rendere di nuovo “puri” gli sposi.
Ma, nella stragrande maggioranza dei paesi, all’innamorato era concesso vedere la ragazza, solo in determinati giorni della settimana e in occasione della messa, vale la pena ricordare la missa de puddu, che era quella riservata agli innamorati e alle donne gravide.
Un'altra curiosa usanza del fidanzamento sardo era il tipico rito della fidanzata nascosta. La sua migliore espressione la troviamo nella pricunta gallurese, una forma di dialogo nel quale la proposta di matrimonio era simboleggiata dalla richiesta di una bianca agnella smarrita che il pretendente ritrova alla fine tra le ragazze che gli sono mostrate.
Su portu de sa roba.
Circa una settimana prima del matrimonio, una buona occasione per riunirsi e divertirsi era rappresentata dal trasporto del corredo della sposa ( su portu de sa roba).
Il corredo veniva portato quasi in trionfo alla nuova casa dallo sposo in compagnia di parenti e amici. Un corteo di carri veniva trainato da buoi adornati con fiori, aranci, limoni, rami d’edera, campanelli. Questi trasportavano gli oggetti più pesanti come la cassapanca, il letto, ecc. non potevano mancare gli strumenti utili per la panificazione la tavola (sa mesa) la sxivedda e la filatura: il telaio, la rocca, il fuso; Mentre, le cose più fragili e delicate, venivano portate a mano su dei cestini.
Alla fanciulla più bella spettava il compito di trasportare la tradizionale brocca, la cosiddetta brocca della sposa, con la quale il giorno delle nozze ella doveva attingere l’acqua per la prima volta , non appena giunta alla casa del marito. Il tutto era allietato dal suono delle launeddas o delle fisarmoniche.
Chiudeva la carovana il molente, (asinello) anch’egli agghindato a festa e destinato a girare il mulino domestico della coppia.
Una volta arrivati a casa degli sposi, era usanza che il futuro sposo portasse il materasso del letto matrimoniale. Nel frattempo, gli amici avevano il compito di rendergli difficile l’ingresso alla casa e finivano spesso per fare una simbolica lotta a dimostrazione del grande peso che il giovane, ammogliandosi, doveva sobbarcarsi.
Spesso, anche il letto nuziale era vittima di scherzi dov' era consuetudine mettere tra le lenzuola del grano e dello zucchero.
Altre volte la camera da letto veniva chiusa a chiave e l’accesso veniva consentito solo dopo lunghe insistenze
Preparativi.
La preparazione del banchetto avveniva tre quatto giorni prima della nozze nella cucina della casa della sposa e vedeva impegnati tutti gli amici e i parenti più operosi.
Molta cura veniva dedicata alla preparazione del pane: su pai de còia che richiedeva una lunga e sapiente lavorazione con le migliori farine, esclusivamente di grano. Questi pani riccamente decorati, racchiudevano in sé soprattutto un alto valore simbolico oltre che ornamentale.
L’occasione era anche il pretesto per fare un po’ di baldoria dove si cantavano canzoni di buon augurio alla sposa, spesso accompagnate dalle fisarmoniche o dalle launeddas.
Sa dì e sa còia.
Lo sposo, sottobraccio al padre e col seguito di parenti e amici, andava a prendere la sposa. Dopo formule di benedizione e auguri di prosperità, felicità e ogni bene, dà lì ci si muoveva in un corteo solenne verso la chiesa.
All'uscita dalla chiesa si usava benedire gli sposi con s'arrazza, o s'arazia che consisteva nello spargere sugli sposi, formando per tre volte il segno della croce, grano, sale, petali di rosa ( il grano significa abbondanza, il sale sapienza e i fiori, salute) contenuti in un piatto che poi doveva essere ridotto in mille cocci.
Compiuta la solenne cerimonia, il corteo insieme al sacerdote che celebrò la messa, faceva ritorno alla casa della sposa, nel campidano invece si andava direttamente a casa degli sposi. Lungo la strada è una vera festa e gli sposi venivano salutati con manciate di grano e si continuavano a infrangere i piatti.
Il banchetto.
Una volta giunti a casa poteva avere inizio la festa di nozze. Il banchetto poteva durare anche due o tre giorni e le pietanze erano sempre legate alle condizioni economiche di chi lo organizzava, alla stagione in cui questo si svolgeva e alle abitudini proprie della specifica zona.
Tra le tante curiosità appartenute alla cultura sarda, vi era quella di far mangiare gli sposi nel medesimo piatto e farli bere nello stesso bicchiere per incominciare così la loro unione sotto i migliori auspici.
Solitamente servito alla fine del pranzo, era su prattu e brulla (piatto per scherzo) dove comparivano delle corna, erbe spinose, sassi, ossi.
Nel Campidano il pranzo di nozze tipico prevedeva una prima portata di brodo di gallina ripiena, pudda a prenu, e malloreddusu, i classici gnocchetti. Le carni venivano servite come secondi e gli agnelli, maialetti e pollo venivano presentati arrosto o bolliti o fatti a polpette.
Il dolce nuziale era rappresentato dai gattou le cui elaborazioni e i cui decori si trasformavano in veri capolavori di arte effimera, analogamente al pane. A questi seguivano altri dolci tipici come quelli a base di saba, o i pistoccus de cappa, ancora, i ciambelleddas, i bianchinus ecc.
A Cagliari, invece, le famiglie più facoltose servivano la carne di puledro i cui resti venivano lasciati ai poveri. Ancora, nel Lugudoro troviamo i sos ciccciones o ciccioneddos, gnocchi locali fatti con semola di grano duro e conditi col ghidasu, un sugo che si preparava cuocendo le ossa leggermente spolpate degli agnelli e delle pecore. Anche qui troviamo gli arrosti mentre, il dolce principe era sa timballa, una sorta di budino.
Il resto della giornata scorreva in esultanza per giovani e anziani, tra il canto dei muttetus per gli sposi, le melodie festose delle launeddas e i balli nelle forme de su ballu tundu, de su dillu, de su ballu torrau. Immancabile l'intonazione di “e gi dd'as fatta bella a ti coiai”.
Su presenti.
Gli sposi ricevevano prevalentemente doni in natura e oggetti utili alla vita di tutti i giorni. Frequentemente si vedevano consegnare come regalo di nozze degli animali in vita: agnelli, pecore, galline, maialetti, ma anche il grano, la pasta, oppure del pane, magari proprio quello che sarebbe stato consumato durante le nozze, in particolare su coccoi pintau o, più semplicemente, zucchero, uova, caffè, frutta.
Alcuni mesi prima del matrimonio, era in uso distribuire a ogni invitato pezzi del corredo della sposa come lenzuola, federe, tovaglie ecc., affinché venissero ricamati.
A lavoro finito, ogni pezzo veniva riconsegnato il giorno del matrimonio, magari all’interno dei cesti, anch’essi dono di nozze, abbelliti con di fiocchi.
In diversi paesi, dopo il pranzo nuziale gli sposi si recavano a casa degli invitati per fare una visita e ritirare su presenti e questo peregrinare di casa in casa veniva spesso con l’accompagnamento delle fisarmoniche e dei canti.
In altri contesti invece su presenti veniva portato direttamente dagli invitati nelle rispettive dimore dei futuri sposi.
Il viaggio di nozze.
Quando gli sposi se lo potevano permettere il viaggio era limitato alla visita di uno dei più celebrati santuari isolani.

foto da: notizie.tiscali.it/
Website:www.sposincampidano.it/tradizioni/28.html
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
Nuovo record per la famiglia più longeva del mondo
Il Premio Mimosa dOro 2013 va ad unimprenditrice sarda
Storia dello stemma dei quattro mori
Sardinia Ferries e i nostri amici a 4 zampe.
SARDI E SICILIANI A CONFRONTO.Comportamenti socio-linguistici nelle due maggiori isole mediterranee.
Il Papa ai Sardi: Sono figlio di emigrati conosco la vostra sofferenza
Bona Pasca e Nadale
Isola di Budelli venduta a Michael Harte
Un pezzo di Sardegna a Le Murate di Firenze
Le Isole del Gusto 8°edizione dal 3 febbraio al 17 marzo
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie