Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
NEWS E CURIOSITÀ
Condividi nei social network   

Il potere della donna sarda


pubblicato il 18/07/2013 23:47:36 nella sezione "News e curiosità"


Il potere della donna sarda
Indipendenti, orgogliose, forti e tenaci… sono queste le donne sarde che nelle varie epoche hanno costruito e trainato il destino di questa terra così bella e selvaggia. D’altronde la donna in Sardegna ha sempre rivestito un ruolo primario nella società che l’ha resa fulcro e cuore pulsante di ogni comunità. Dal neolitico al medioevo, passando per l’epoca del banditismo, fino ad arrivare ai giorni nostri, la donna sarda è divenuta prima dea da idolatrare, poi motore delle comunità: amata, temuta e adorata come mai nessun’altra donna è stata nel corso dei secoli. In epoca antica l’idea della donna è legata al culto della grande madre che nel tempo assume nomi diversi: Luna, Dea Madre, Tanit, Diana e Artemide, tante raffigurazioni diverse per rappresentare un unico culto, quello della donna, colei che genera la vita, colei che detiene il segreto della creazione. Nelle culture dei popoli preistorici, ignari del ruolo che l’uomo rivestiva all’interno del concepimento, la donna veniva considerata portatrice della luce divina poiché in grado di generare la progenie attraverso il parto in una modalità unica e misteriosa. Essa possedeva il vero segreto della procreazione poteva trasmettere questo potere a chiunque volesse: animali, piante o altri esseri. L’uomo rimaneva fuori da questo circolo sacro, fuori dalla procreazione e dall’universo divino, sterile e inutile, egli era solo spettatore del miracolo del divino che si manifestava attraverso la donna, attraverso la nascita, un atto che sembrava in grado di assicurare una vita dopo la morte, in un immaginario ciclo di morte e rinascita in cui la donna era al centro di tutto. Un culto, quello della Grande Madre, che celebra la donna e che permane, nonostante i tanti tentativi di sopprimerla, nel corso dei secoli. Depositarie di un rapporto privilegiato con il soprannaturale le donne sono, all’epoca dei metalli, preposte alla difesa della casa e della famiglia, portatrici dei segreti religiosi e circondate da un’aura di misticismo. Anche quando l’uomo assume maggiore rilievo, per via dell’importanza della difesa con le armi, le donne continuano ad essere al centro di tutto e si assumono la cura della famiglia, e più ingenerale della comunità, la difesa della terra quando l’uomo è distante, curando i problemi quotidiani e affrontando mille difficoltà. Neppure quando, nel periodo medioevale, la donna si vorrebbe sottomessa e remissiva, la donna sarda scompare dalle scene, anzi, rifiuta il ruolo di disparità nei confronti degli uomini, tanto che in Sardegna la formula del matrimonio si distacca nettamente da quella classica del diritto romano. Mentre nel resto dell’Italia, e del Continente, le donne sono date in sposa dal padre, con una dote (fondamentale all’epoca), le donne sarde dimostrano la loro indipendenza e la loro centralità, con un matrimonio definito “a sa sardisca”. Quando si sposa infatti la donna sarda non porta con sé la dote, ma, insieme al marito, contribuisce alla costruzione della nuova famiglia in totale parità. L’uomo dunque dovrà fornire la casa, mentre la donna porterà con sè il mobilio, l’arredo e il corredo. Non solo, i coniugi vivono in una situazione di comunione dei beni e la donna possiede una posizione di parità nei confronti dell’uomo, godendo degli stessi diritti, per quanto riguarda il possesso, la compravendita e l’eredità. Anche in quest’ultimo caso non si applica il diritto romano con il maggiorasco, ma, alla morte del marito, la donna sarda rimane proprietaria di tutti i beni e non perde alcun diritto né la sua posizione. Portatrice della scintilla divina, Grande madre, signora della casa, la donna sarda attraversa la storia mantenendo immutata la sua forza, il suo orgoglio e la sua parità nei confronti degli uomini. La letteratura, la storia, l’arte, ci riporta immagini di donna fiere e bellissime, sagge anche quando sono giovanissime, furbe, intelligenti, acculturate. Le donne sarde lavorano fin da giovani, governano la famiglia, risolvono i problemi quotidiani e guidano la collettività attraverso le tempeste. Sin da giovani lavorano in casa, ma anche sotto padrone, come tessitrici, serve, ricamatrici, contadine, instancabili, sotto il sole cocente o sotto la pioggia, lavorano per ore, producono, creano, rimanendo al loro posto sempre e comunque. Basti pensare che nelle case di oggi si raccontano ancora storie di donne sarde che continuavano a lavorare nei campi, incinte, fino al giorno del parto, con una forza d’animo e un’instancabilità che nessun uomo ha mai avuto. Forse sono state loro le prime vere femministe, come Eleonora D’Arborea, la bella regina guerriera, che lottò per liberare la Sardegna dai conquistatori e creò la famosa Carta De Logu, oppure Grazia Deledda, premio Nobel per la letteratura, saggia eppure piena di passioni, seppe mostrare il suo talento in un’epoca in cui le donne non possedevano nemmeno gli stessi diritti degli uomini. Ci sono poi tantissime altre donne, tenaci d’animo e di idee, ma ancora oggi poco conosciute, come le banditesse, amate dal popolo e temute dal governo piemontese, che combatterono per la libertà della Sardegna. Anche oggi, guardandoci intorno, possiamo trovare in terra sarda il volto di quelle donne, il tempo è passato, ma loro, fedeli al loro ruolo, sono rimaste uguali, attaccate alla loro terra e alla loro famiglia, testarde, eppure così dolci, fiere e belle, negli occhi scuri e sinceri, nelle parole incisive e nell’espressione decisa del loro volto. Che abbiano visi giovani e lisci o squadrati e rugosi, esse conservano da sempre, immutata, quella splendida scintilla divina.

di Valentina Vanzini
Website:tottusinpari.blog.tiscali.it/2013/07/18/dea-femminista-signora-della-casa-il-potere-della-donna-sarda/#more-25280
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
sardegna (oristano) bosa
Bitas per il turismo attivo in Sardegna
MOBY AL VIA LOPERAZIONE ESTATESconti e corse rapide per la Sardegna
UN COMUNE SARDO VINCE IL PREMIO COME COMUNE PI ECO SOSTENIBILE D’ITALIA
ALCUNE CONSIDERAZIONI SULLIDIOMA SARDOLa parlata sarda oggi come lingua.
Cagliari nella top ten delle città italiane dove si vive meglio
Omaggio a Tavolara nel cuore di Londra tra design e tradizione
sardegna (oristano) oristano
Falegnami contadini calzolai protagonisti della tradizione oristanese tra passato e presente: a Oristano un convegno sulle tradizioni artigianali locali
Sardinia Ferries e i nostri amici a 4 zampe.
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
AGRICOLTURA GREENImprenditrice sarda premiata a Roma
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie