Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
NEWS E CURIOSITÀ
Condividi nei social network   

"Sa tundimenta" la tosatura estiva delle pecore


pubblicato il 02/05/2013 12:36:05 nella sezione "News e curiosità"


 Sa tundimenta la tosatura estiva delle pecore
la tosatura estiva delle pecore
L'economia sarda, in larga parte, è ancora fondata sulla pastorizia: circa quattro milioni di pecore producono un latte che, successivamente, viene lavorato in tanti modo diversi dalla mano del pastore.
Tutto ciò che ruota attorno alla pecora è ricco di valenze e significati culturali, tipici della tradizione pastorale sarda.
E' primavera inoltrata, in beranu, quando i primi caldi opprimono le pecore ed è tempo di alleggerirle dell'oramai ingombrante vello: è il momento della tosatura, sa tundidura o tundimenta.
E' un vero e proprio evento, quasi un rito che ha i suoi luoghi (sos tundidorzos) e i suoi cerimoniali.
Il giorno della tosatura coincide con il periodo di rientro dalla transumanza, lo spostamento delle greggi dai pascoli bassi a quelli di collina.
Tutta la famiglia si prepara all'evento: si ripuliscono i sacchi di orbace (oggi si usano soprattutto quelli in canapa e plastica) per riporci la lana, si oliano le forbici, sos ferros de tundere, si confezionano le leccornie per il banchetto.
Inizia la tosatura
Si inizia al mattino con l'adunata delle pecore all'interno di una korte (un recinto chiuso di forma circolare in pietra e frasche), irrobustita per l'occasione: le pecore si spaventano alla vista delle compagne senza lana e possono dare in escandescenze.
Ad una ad una le pecore vengono prelevate da sa korte, portate all'esterno e sdraiate sul dorso, con una abile e rapida mossa.
Una volta a terra, alla pecora, vengono legate insieme le 4 zampe con una corria (cordicella): la pecora è immobilizzata e in questo modo sarà più facile tosarla.
Sos ferros de tundere (le forbici per tosare)
sono forbici di ferro brunito, appuntite, grandi, lunghe circa 35 cm, con lame triangolari affilatissime. Non hanno viti e la molla è una curvatura del ferro sul manico.
Hanno un'aspetto arcaico, ricordano le armi nuragiche e micenee, le armi delle millenarie culture pastorali del Mediterraneo.
Nel corso della tosatura le forbici vengono bagnate e affilate di continuo: diventano veri e propri rasoi che, insieme all'abilità del pastore, permettono un tosatura perfetta.
Durante le operazioni di taglio le forbici vengono maneggiate con destrezza ma anche con accortezza per non ferire la pecora.
Il pastore sta chino sull'animale legato (trebìu) che talvolta tenta comunque di divincolarsi.
Bisogna tosare la pecora in tutte le parti del corpo, dalla testa fino alla coda e bisogna tosare in modo tale che il vello venga via come una pelliccia, composto e uniforme.
Finite le operazioni di taglio, la pecora è libera e ritorna in sa korte.
Le pecore vengono tosate non solo perchè la lana è utile, ma anche perché la lunghezza del vello può essere un impedimento per l'animale, sopratutto nella stagione estiva: l'animale, infatti, impigliandosi nei cespugli, potrebbe riempirsi di spine, ferendosi.
Il banchetto, immancabile, rappresenta una vera e propria consumazione cerimoniale.
Si tosa presto di buon mattino, per evitare il sole. Così già intorno alle 9, 10 si fa su murzu: è una sorta di robusta merenda di mezza mattina a base di casu axedu (una sorta di yoghurt ottenuto dal latte di pecora o di capra), interiora di pecora e vino ovviamente.
Al mattino, quando si arriva a sa korte, si scelgono i capi da macellare per il pranzo.
La base del pasto sono la pecora e il formaggio.
Ecco i cibi tradizionali della tosatura:
arrosto allo spiedo: si usano carni di pecora e agnellone (su sakkayu) che si lardellano (stiddianta) con gocce infuocate di lardo di maiale
brodo di pecora: brodo molto corposo esclusivamente a base di carne di pecora fatta bollire insieme a patate e cipolle. Si consuma con il pane casereccio e il formaggio pecorino freschissimo fuso nel brodo bollente.
carni lesse: sono le carni del bollito. Si consumano con le patate e le cipolle
su zurrete o entiri 'e sambini: è lo stomaco della pecora, ripieno di sangue condito con formaggio fresco, pane e un soffritto a base di cipolle, cotto in acqua bollente.
Sa tratalìa e sa corda: arrosto di frattaglie confezionate a forma di treccia e cotte allo spiedo
casu axedu: una sorta di yoghurt a base di latte di pecora, leggermente acidulo.
Casu in filixi: coagulo appena fatto e disposto a strati su foglie di felce. Si prepara la mattina presto e si gusta verso le 5 del pomeriggio. E' fresco e dolce una vera leccornia.
Casu marzu: il tipico formaggio marcio con i vermi.
Su kallu: stomaco del capretto contenente una crema di latte molto piccante
dolci vari
vino bianco e vino rosso cannonau e abbardente.
La tosatura è una vera e propria occasione di ritrovo per la comunità pastorale: può essere l'occasione per rafforzare rapporti di parentela e affinità, o per rinnovare legami d'amicizia.
Un tempo, per comporre la squadra dei tosatori, si ingaggiavano altri pastori e li si remunerava con la lana di una pecora.
I tosatori "gareggiano" in destrezza e velocità: i più abili tosano molte pecore perfettamente e in breve tempo.
Sa tundidura è una festa di voci e colori, balli e sapori:
i balli sono accompagnati talvolta da un canto a tenore che riproduce i suoni della natura (persino il belato stesso della pecora).
Si cantano anche "muttos" e "muttettus": canti in rima, improvvisati e dai contenuti burleschi e allegri.
Sa tundimenta come altre attività, quali la castrazione, la marchiatura e l'intaccatura dell'orecchio della pecora, costituisce una fase importante del lavoro del pastore che fino a non molti anni fa si svolgeva esclusivamente nell'ovile, in su cuile, luogo nel quale un sapere secolare si tramandava di padre in figlio.
La tosatura è uno dei momenti più intensi delle comunità pastorali della Sardegna. E' un rito al quale devi partecipare se vuoi capire i valori di una cultura antica che guarda al futuro rielaborando le sue radici.
Salvatore Corrias

Foto da: www.sardegnadigitallibrary.it/
Website:www.sardiniapoint.it/8281.html
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Leggi articoli simili
SANTANDRIA E IL MESE DI NOVEMBRESignificato dei mesi in sardo secondo antichi dizionari
Alberto Caddeo a Dubai per promuovere le eccellenze dellisola: aiuto le aziende sarde a trovare nuovi mercati
MAKE IN SARDINIA: CREATIVI FATEVI AVANTI!
La regione Sardegna seleziona le imprese per partecipare alla fiera turistica F.RE.E. di Monaco
sardegna (olbia-tempio) la maddalena
FINALMENTE QUALCOSA SI MUOVE ALLA MADDALENA
sardegna (cagliari) villasimius
Le magie del mare a Villasimius
sardegna (oristano) santa giusta
SU FASSONI A SANTA GIUSTA
Elena Ledda eletta donna sarda dellanno sulle note di Torrandi
Traghetti low cost per la Sardegna
Abbigliamento femminile
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
IL TERRITORIO GALLURESEParticolarità del nord-est della Sardegna
UN ARBRESH MOLTO AMICO DEI SARDI
ETIMOLOGIA DEL NOME DELLASINARA
SARDEGNA E TIRRENIA La suggestione storico-linguistica allinterno della questione etrusca.
LA VICENDA DELLE CARTE DI ARBOREAUnappassionante caso dellottocento sardo.
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
I LABORATORI KOENDILa cucina le ricette ed i racconti.
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
CALA DOMESTICAUna delle cale più belle e selvagge della Sardegna.
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
Eventi e feste
L’ARTE NERA. IMPRIMATUR ET REPRIMATURDal 7 ottobre al 19 novembre 2017 al Museo Naturalistico del Territorio G. Pusceddu
SAGRA DELLE MANDORLEA Baressa Sabato 9 / Domenica 10 Settembre 2017
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
Arte e artigianato
MIGRANTES PER LEUROPADopo il grande successo a Cagliari la mostra itinerante toccherà altri comuni della Sardegna
GIOIELLI DI PANE E OROLa creatività di Francesca Bellu
100 ANNI NEL SEGNO DI GALEPA Casale di Pari si ricorda la figura di Galep celebre fumettista di origini sarde.
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
NURACHI o NURAXINIEDDUVarie tipologie nuragiche.
IDEE INNOVATIVE PER VIAGGI DI ISTRUZIONE E GITE SCOLASTICHELaboratori didattici per le scuole e per le famiglie
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie