Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Condividi nei social network   

"LASSA SAS BRULLAS" DI LORENZO VACCA
Il 5 Agosto a Lodine

sardegna (nuoro) lodine

pubblicato il 03/08/2016 22:31:45 nella sezione "Arte e artigianato"
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine

"In occasione della giornata iniziale della manifestazione "Giornate per l'Arte", Venerdì 5 agosto alle ore 21.30 in piazza San Giorgio a Lodine, Lorenzo Vacca in
"Lassa Sas Brullas"
Accompagnamento musicale di Fabio Calzia.
Con la partecipazione di Gisella Vacca

Lorenzo Vacca, nato ad Ovodda, architetto, disegnatore, pittore, scultore.
Per curiosità, voglia di conoscere, piacere personale e lavoro ha soggiornato in vari luoghi del mondo come Bolivia e Tunisia e d' Italia, Roma, Cave, Orvieto. Attualmente vive a Grotte di Castro (Vt), "ri-dente" paese che si affaccia sul Lago di Bolsena.
In questo infinito viaggiare in luoghi distanti e diversi, ha sognato e cercato, anche con le sue opere il RITORNO...

Il RITORNO " a bidda", alla Terra, alle case dei suoi affetti... Per cercare cosa? Le radici, le origini, l'appartenenza, per ritrovare dentro di sé le tracce di un remoto passato modificato dal trascorrere del tempo... e trasformarlo in arte visiva.
Tutto questo Lorenzo lo trasferisce nei suoi segni e disegni e nelle pitture. La sua produzione si è sviluppata all'insegna della contaminazione fra generi, indifferente agli steccati e alle gerarchie che solitamente tendono a inquadrare in schemi prestabiliti la creatività. E crea personaggi inventati dal giogo dei buoi "sos juvales" che narrano di una vita agro-pastorale antica e ora in disuso. Le sue "tzias" con i fazzoletti in testa, le cui punte assumono forme diverse a seconda dei diversi umori. ... Ed ancora donne che sedute nelle stuoie lavorano su "pane fressa", in "su tazeli". E "tzias" che cantano le ninne-nanne a "sos pitzinnos" ed altre che vegliano i loro morti. Ed ancora... "massaias" che si scambiano il saluto in strada, ricorrendo a modi di dire arcaici ed onomatopeici dove l'attuale "ciao" ci fa provare afflati di nostalgia per un mondo che non c'è più.
E' il mondo dell'importanza del saluto, "dell'ei là", di un gesto, appena accennato col capo o con il braccio che vale come cento parole, perché richiama all'incontro una relazione, un'amicizia.... E' una sorta di comunicazione ecologica contrassegnata da pause, silenzi, dal non detto, dal molto intuito e dal tanto percepito.
E' l'ironia del segno che si nasconde dentro alla malinconia!

Se da un lato i disegni di Lorenzo rimandano ad un periodo antico, dall'altro ci mostrano con il sorriso tipico della satira di costume un mondo in evoluzione con la tecnologia... Ed allora " sas tzias" sono alle prese con il telecomando del televisore, con il computer, e con il Whatsapp degli smartphone... E "sos mucadores" s'inalberano stupiti ed irati di fronte ai "misteri" dei vari congegni tecnologici!
Nei disegni di Lorenzo c'è tutto questo e molto altro ancora... Basta soffermarsi a vedere per guardare... per dare spazio nel tempo ai ricordi, alle riflessioni e ai commenti.
Leggi per intero >

A NULVI, UN FANTASY PER LA SARDEGNA
L'ultimo libro dello scrittore Aldo Sechi

pubblicato il 01/08/2016 18:03:06 nella sezione "News e curiosità"
A NULVI UN FANTASY PER LA SARDEGNALultimo libro dello scrittore Aldo Sechi
di Laura Mannu

Per le 21.30 di venerdì 29 luglio, quei posti ancora liberi nel Chiostro di Santa Tecla a Nulvi vengono occupati dagli attesi compaesani del giovane insegnante e scrittore Aldo Sechi, lì per presentare il suo ultimo libro, intitolato L’Isola dei Giganti. Lo scontro celeste.

La cornice medievale, suggestivamente illuminata, è percorsa da una brezza che trasporta fuori dei possenti muri dell’antico monastero le voci corpose delle ultime prove canore della giornata del coro di Nulvi.

Alle 21.40, Elvira Decortes, Vicesindaco e Assessore alla Cultura, Istruzione e Spettacolo, interrompe l’attesa per fare gli onori di casa e, dopo aver rivelato al pubblico: -“Ho letto l’ultimo romanzo di Aldo animata da una forte curiosità e l’ho molto apprezzato”, cede la parola al dialogo tra lo scrittore e la dott.ssa Laura Antonella Piras, dottoranda in Lingue, Letterature e Culture dell’Età Moderna e Contemporanea presso l’Università di Sassari.

Laura Piras rende omaggio all’amico compaesano ricordandone gli interessi letterari mai celati risalenti all’infanzia, poi coltivati durante gli studi per conseguire le lauree in Lettere e in Filologia Moderna a Sassari, ora trasmessi agli alunni di Valledoria, dove insegna, e concretizzati nei suoi primi volumi dati al pubblico. Aldo Sechi è uno scrittore emergente. Pubblica nel 2007 per l’editore Seneca la sua prima raccolta di poesie Oltre ogni come, nel 2012 il suo primo romanzo Sardomachia, edito da Arpeggio Libero, che segue a far uscire nel 2013 i due thrillers Le carte del Solista e Gli adepti del Sillabo, trattanti rispettivamente il tema dell’AIDS e quello dell’aborto e della questione femminile.

“Questa volta, invece,”-spiega Laura Piras-“l’autore si cimenta in un genere del tutto diverso: il fantasy.”

Così, infatti, chiarisce Aldo: -“Pensavo a come sarebbe stato un libro fantastico ambientato in Sardegna che avrei voluto leggere, ed era proprio così. Quando scrivo, in effetti, cerco di comporre qualcosa che mi piacerebbe leggere, che magari mi sarebbe piaciuto trovare in libreria.”

L’Isola dei Giganti è dunque il racconto fantastico che Aldo cercava e che ha come luogo di ambientazione la Sardegna, un luogo antichissimo quanto l’epoca di quelle vicende, la cui storia è scritta solo nelle pietre.

“È nel tempo mitico narrato dallo scrittore”-continua la dott.ssa Piras-“che si svolge l’antico conflitto fra Nitor, re del Sole e Saur, sovrano delle tempeste, con i suoi fedeli giganti, poiché quest’ultimo aveva deciso di impadronirsi dei territori governati dal dio del Sole e abitati dagli uomini. Ma la profezia delle Sei stelle prevede che saranno sei eroi, scelti dagli dei, a liberare i territori di Nitor e a salvare il genere umano. L’eroe prescelto per compiere l’impresa è un giovane ragazzo, Shardan, insieme a cinque valorosi eroi dalle qualità particolari che lo accompagneranno nelle sue numerose avventure e lo aiuteranno a superare le varie prove a cui gli dei lo sottoporranno.”
Il romanzo è ricco di citazioni di personaggi della tradizione popolare sarda, che il pubblico riconosce e accoglie divertito, quando il dialogo tra Laura e Aldo viene intermezzato dalla lettura di brani scelti. Nel Chiostro, allora, tutti vengono trasportati nella Foresta dell’Oblio tra i dispettosi Pindacci o nella Palude dell’Angoscia dove abita Majalza o nella casa di Celes dea dell’amore quando eventi e personaggi della narrazione si materializzano fuor della cangiante voce di Lella Cucca, accompagnata dal caldo arpeggio della chitarra acustica di Francesco Pais. Il felice duetto conquista applausi sentiti e rende note a chi del pubblico non abbia ancora letto il romanzo alcune delle fasi più emozionanti del libro, come la consegna delle armi divinamente forgiate agli eroi “di una terra libera” e lo sbocciare dell’amore tra il giovane Shardan e la bella Merel.

Il pubblico accoglie con apprezzamento il tentativo del giovane scrittore di fondere elementi storici e mitici di una tradizione ampiamente nota alla maggior parte dei sardi e riconosce in lui la risorsa cui richiedere una snella e gradevole affabulazione intorno a materiali cari all’identità isolana. L’incontro si chiude con il rinnovo da parte del pubblico della proposta già avanzata in apertura dalla Decortes: “Mi piacerebbe che il tuo prossimo libro fosse ambientato a Nulvi e avesse come personaggi i banditi e la nostra Lucia Delitala.”

Leggi per intero >

QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDE
Il bando di concorso per corti e documentari sardi.

pubblicato il 12/07/2016 00:09:21 nella sezione "Circoli Fasi"
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
di Bruno Culeddu

La Cineteca di Bologna ha emanato il bando di concorso per corti e documentari sardi

E' stato reso pubblico il bando di concorso per partecipare alla ventitreesima edizione di Visioni Italiane, che si terrà a Bologna dal 1° al 5 marzo 2017. Il concorso prevede una sezione, denominata Visioni Sarde, riservata a corti, mediometraggi e documentari ambientati in Sardegna o di autori sardi.
All' opera considerata migliore verrà attribuito un premio di 1.000 euro.
I film inclusi nella selezione finale saranno presentati a Bologna e a Roma, a cura della Cineteca Nazionale e successivamente potranno essere proiettati a cura dei circoli associati alla FASI, Federazione delle Associazioni Sarde in Italia, nei cinema di altre città della penisola.
Le opere dovranno essere inviate con le stesse scadenze e modalità di Visioni Italiane, specificando la Sezione Visioni Sarde.
Le opere, di qualsiasi formato, dovranno essere caricate su festival.movibeta.com, oppure inviate in copia DVD a: VISIONI ITALIANE - Concorso Nazionale per Corto e Mediometraggi - Fondazione Cineteca di Bologna - Via Riva di Reno, 72 - 40122 Bologna, entro e non oltre il 15 Novembre 2016.
Possono prendere parte al concorso filmati sia su pellicola sia in digitale, purché non siano stati prodotti prima del 2015.
Le condizioni per partecipare al concorso sono indicate nel Regolamento del Festival consultabile in ogni sua parte sul sito www.visionitaliane.it o www.cinetecadibologna.it nelle pagine relative al Festival Visioni Italiane.



Leggi per intero >

PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALI
Due giornate ricche di tradizioni, cultura, delizie gastronomiche e... primati!
sardegna (nuoro) bortigali

pubblicato il 06/06/2016 20:47:08 nella sezione "Eventi e feste"
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
di Michela Zaccheddu

Primavera nel Marghine fa tappa a Bortigali Il 18 e 19 giugno

Il paese dei record che possiede il maggior numero di architravi aragonesi, ha dato i natali alla prima cooperativa della Sardegna nel 1907 e dove è nata la prima radio libera d’Italia - ospiterà il 18 e 19 giugno prossimi, una serie di eventi di spicco in occasione dei quali artigiani, operatori culturali e produttori enogastronomici locali illustreranno i loro antichi sapori.

La due giorni – patrocinata dal Comune di Bortigali, dall’ASPEN e dalla Pro Loco di Bortigali - si aprirà con l'interessante convegno riguardante il comparto del bovino da carne in Sardegna: Bortigali ha recentemente ottenuto il marchio CE sulla cordula.

Il paese comincerà ad animarsi dalla mattina del sabato, coinvolgendo gli ospiti nei numerosi laboratori di cestini in asfodelo, filet, rodansas, coltelli e ferro battuto e dove si assisterà alla lavorazione dei pani tradizionali.

Bortigali è anche un paese ricco di storia e fascino antico, così le associazioni che operano sul territorio non mancheranno di accompagnare i visitatori ai siti di maggior interesse culturale e naturalistico: al rifugio antiaereo - in passato sede di “Radio Sardegna” (prima radio al mondo ad aver annunciato la fine della Seconda guerra mondiale) che per l’occasione verrà riaperta al pubblico con una mostra di radio d’epoca e dove verrà proposta una trasmissione a cura del circolo “Amateur Radio Society” di Sassari -; all’affascinante centro storico dove, oltre all’antica fontana del paese (Funtana Etza), si potranno ammirare gli architravi aragonesi; alle chiese delle confraternite San Palmerio, Il Rosario e Santa Croce, la parrocchiale Santa Maria degli Angeli in cui sono custoditi i preziosi Argenti sacri e il Retablo del Maestro di Ozieri e la chiesa scavata nella roccia di S. Antonio; all’Etno-Casa Museo dove è ricostruita in maniera dettagliata la tipica casa bortigalesa; al Mulino ad acqua di Borgusada e ultima - ma non meno importante - alla perla locale rappresentata dal nuraghe di Orolo, tra i pochi in Sardegna ad avere la scala in senso antiorario.

Le vie saranno animate dalla Sfilata di Cavalieri e Dame e gli operatori ippici locali saranno felici di far sperimentare ai visitatori il Battesimo della sella con cavalli e pony. In contemporanea, per le vie del paese, saranno aperti gli stand dei mercati bortigalesi, dedicati ai saperi e ai sapori locali. Non mancheranno le degustazioni guidate dell'olio extravergine di oliva e dei formaggi pecorini e vaccini.

Quella di domenica sarà una giornata all'insegna dei record: Bortigali tenterà di scippare a Ittiri il primato della cordula più lunga. In associazione con tale evento si terrà il Primo Concorso Gastronomico a premi con ricette a base di cordula. Tutte le strutture di ristorazione locali proporranno, oltre alla cucina tipica, piatti del giorno a base di cordula, piedini d’agnello e animelle.

Bortigali ha pensato anche agli sportivi e, nella giornata di domenica, ci sarà l'imbarazzo della scelta tra la passeggiata ecologica in mountain bike (Bortigali-Orolo-Mulargia), il torneo di calcetto “della Solidarietà”, l'esibizione degli Arcieri del Marghine e quella degli atleti di Parapendio e Deltaplano con la possibilità – per i più spericolati - di effettuare voli in biposto con l’istruttore dall’unica rampa di volo a distanza della Sardegna conosciuta e frequentatissima dai turisti di tutto il mondo. Per chi volesse prendersela con più calma sono invece previste passeggiate con il Carro a Buoi tradizionale e il tour in carrozza “A spasso con la carrozza del Sarcidano”.

I due giorni di festa saranno alliettati dall'esibizione delle Corali Polifoniche, Cuncordos e dei Tenores di Bortigali e dai canti itineranti a chitarra accompagnati dalla fisarmonica.
Primavera nel Marghine a Bortigali avrà anche il suo angolo letterario con l'autore Giovanni Gelsomino che insieme a Salvatore Corveddu illustreranno il popolare libro “Fabrizio de Andrè e l’isola paradiso”, accompagnato dall'esibizione dei Dual Mode.
Impreziosirà la serata la presenza di Cristina Caboni - l'autrice del bestseller “La Custode del miele e delle api” - che ha conquistato la vetta delle classifiche italiane e straniere e che dialogherà con Mario Sanna. Con l'occasione ci sarà una simpatica degustazione di mieli locali.





Leggi per intero >

LA GALLURA DAI VINI D'ORO
Il 7 Giugno a San Quirico d'Orcia

pubblicato il 06/06/2016 15:42:02 nella sezione "Enogastonomia"
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia


All'interno del prestigioso palazzo Chigi di San Quirico d'Orcia, immerso nelle dolci colline della Val d'Orcia, l'ONAV delegazione di Siena:

Vi invita a conoscere due magnifiche espressioni dei vini della Gallura.
Degustazione guidata da Alessandra Ruggi e Andrea Frassineti
Con la gradita presenza di:
Roberto Gariup direttore dell'azienda Masone Mannu
Marianna Mura enologa e titolare dell'azienda Mura

Finger food nel corso della serata

Soci e amici ONAV in regola con il rinnovo della tessera 2016 € 35,00
Enoappassionati non soci € 45,00




Leggi per intero >

A TUSCANIA CON BONARIA MANCA

pubblicato il 24/05/2016 23:25:18 nella sezione "Eventi e feste"
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
di Pietro Clemente

Tuscania (VT) 21 Maggio 2016, con Bonaria Manca

Siamo a Tuscania, in provincia di Viterbo, arrivati in auto al mattino, il paese è immerso nel sole ed è stupendo con le sue mura e le sue torri. Al Teatro Rivellino sta arrivando Bonaria Manca in auto. E’ la sua giornata oggi, noi veniamo da Siena, altri da vari luoghi d’Italia, una studiosa viene da Parigi. Ci sono i circoli dei sardi. Cosa deve succedere? Si tratta della presentazione di un sito internet dedicato all’arte di Bonaria realizzato dalla Fasi e in specie dal circolo di Civitavecchia con il contributo della Regione sarda. Ettore Serra ne è stato protagonista. Ma è l’occasione per festeggiare Bonaria e sono venuti qui anche il sindaco e gruppi di canto e ballo di Orune (NU) il suo paese natale.

Bonaria scende dalla macchina al braccio di Maria Rita e di Maurizio Fiasco, fondatori della Associazione per Bonaria Manca, a lei dedicata. E’ fragile ma determinata , ha scelto il mantello di lana di pecora fatto con le sue mani e si cinge la testa con un foulard di lana. Le sono tutti intorno, risuonano nell’aria toponimi orunesi, soprannomi e patronimici di chi vuol farsi riconoscere da lei salutandola. Quando entra nel grande spazio del teatro tutti la applaudiamo.

Sul palco è Ettore Serra a fare gli onori di casa, la onorano con targhe e doni i sindaci di Tuscania, dove risiede ormai da 70 anni e di Orune che non la dimentica, la saluta il sindaco di Cellere paese confinante e un consigliere regionale di Tuscania, la presidente della Fasi che rappresenta gli immigrati sardi in Italia. Dalla prima fila Bonaria ringrazia e saluta tutti, anche la sua voce è flebile ma pian piano conquista potenza e si lascia andare a un canto di ringraziamento, dedicato ai sindaci, alla giornata, una poesia cantata e in parte improvvisata, come spesso ama fare anche con gli ospiti nella sua Casa d’Artista.

Ora tocca a noi, gli studiosi che parlano di lei. Brevemente in due sessioni parliamo della storia della sua arte, di come questa le abbia permesso di raccontare la sua memoria traumatica col colore e la forma, di come sia andata via da Orune tanti anni fa non solo per cercare il benessere ma anche per le vicende di una antica faida locale. Si parla dello spirito fiero che anima la sua pittura, della forza dei colori e delle forme che sembrano dare vita congiunta a suoni, visioni, odori. Del suo amore per gli animali e la natura che si intrecciano con il senso del sacro antico, tra fonti nuragiche e luoghi etruschi, delle divinità che crea, dell’arte francescana e narrativa, del perché ora non dipinge più.

E quindi Angela Sanna, anche lei orunese, del Circolo dei sardi di Siena, che ha coordinato il sito, lo presenta al pubblico, a noi venuti per onorare Bonaria. E’ una festa comune intorno a lei di sardi e di laziali, di romani e di emigrati sardi. Poi, nel pomeriggio, il tempo degli ospiti è dedicato a Tuscania, di cui Bonaria è cittadina, luogo di accoglienza e di nuove radici ibridate. Un paese di intensa bellezza e di storia ricca, etrusca e medievale, con alle spalle un drammatico terremoto. Solo al mattino dopo, la piazza all’aperto con le antiche torri nell’orizzonte si riempie di sonorità barbaricine, di costumi multicolori, sono gli orunesi che festeggiano a modo loro Bonaria, riportandola alla memoria del paese, dove tanti giovani vivono ancora la tradizioni.

Sono giovani che cantano a tenore e che ballano per Bonaria e per onorare l’incontro tra Tuscania ed Orune. Più tardi una cerimonia religiosa accoglie Bonaria e i gruppi di canto e di ballo. E’ domenica. Una domenica di incontro, di arte e di memoria.

Foto di Giorgio Zintu ( Bonaria con il sindaco di Orune e di Tuscania )

Leggi per intero >

MAGIA E POESIA DEL VINO
Concorso di pittura estemporanea

pubblicato il 24/05/2016 23:10:12 nella sezione "Arte e artigianato"
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea

Sono già numerose le adesioni all’ edizione del Concorso di pittura estemporanea, bandito dalla Onlus Dorgali-Brasile, che a Dorgali organizza eventi finalizzati alla raccolta di fondi per sostenere la Missione di Padre Giovanni Battista Erittu, in Brasile.
Da oltre 50 anni, il missionario dorgalese è impegnato nella dura realtà delle favelas di Curitiba, metropoli del sud-ovest del Brasile, dove cerca di garantire accoglienza, cibo e istruzione ai bambini abbandonati o in condizioni di estrema povertà.



La Rassegna pittorica, prevista per giovedì 2 giugno, giorno di festività nazionale, nell’intenzione degli organizzatori, ha anche lo scopo di promuovere il notevole patrimonio ambientale, culturale e le tradizioni di Dorgali. Questa edizione, che coincide con il decennale della Rassegna Enologica “Sulcalis”, non poteva non avere come argomento il vino e l’antica tradizione vitivinicola della comunità dorgalese.
“Magia e poesia del vino” è il tema proposto agli artisti, invitati a scoprire scorci suggestivi di campagne coltivate a vite e a cercare angoli caratteristici del centro storico con le sue antiche cantine, e a cogliere e a fissare nella dimensione dell’arte, aspetti significativi legati al vino e al piacere e all’allegria che riesce a regalare il berlo in compagnia.
Un tema così stimolante darà sicuramente modo agli artisti di spaziare e trovare le forme più originali per celebrare questo prezioso dono della natura e del lavoro dell’uomo.
Saranno ammessi al Concorso i primi trenta artisti che avranno dato la loro adesione alla segreteria dell’Associazione a Dorgali, in via Galileo 4, o che avranno fatto pervenire la scheda di adesione entro il 28 maggio via fax al n° 0784 96689 o via mail all’indirizzo info@missionepadregberittu.it.
Ogni artista potrà partecipare al Concorso con una o due opere realizzate con tecnica pittorica prescelta, con supporto in tela, in cartone o tavola, della misura non inferiore a cm 40x30.
Particolarmente ricchi sono i premi previsti per questa edizione: 900 € al primo classificato e 400 € al secondo. A giudicare le opere in concorso sarà una qualificata giuria, nominata dall’Associazione che organizza la Rassegna.
Tutte le opere presentate saranno esposte per l’intera stagione estiva, presso la sede dell’Associazione, un’importante vetrina che consentirà agli artisti di farsi conoscere e apprezzare da cultori dell’arte e dei numerosissimi turisti che frequentano Dorgali e Cala Gonone.
Considerate le finalità benefiche dell’iniziativa, tutte le opere in concorso rimarranno di proprietà della Onlus e quindi destinate al recupero di fondi per la realizzazione dei progetti solidali della Missione di Padre Erittu in Brasile.
Il Regolamento del concorso e ogni altra informazione utile sulla Rassegna sono a disposizione nel sito della Onlus Dorgali Brasile www.missionepadregberittu.it oppure sulla pagina del profilo Facebook “Sulcalis”.

Leggi per intero >

“L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA”
Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.

pubblicato il 11/05/2016 10:32:30 nella sezione "Circoli Fasi"
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
Foto di Paola Manca

Evento segnalato da Ettore Serra

L’Associazione “Sarda Domus” di Civitavecchia, in collaborazione con l’Assessorato del Lavoro della Regione Autonoma della Sardegna, la Regione Lazio, il Comune di Tuscania, il Comune di Orune, la FASI, Federazione Associazioni Sarde in Italia, promuove il convegno “L’ARTE DI BONARIA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA” dedicato alla straordinaria vicenda umana e artistica di Bonaria Manca, una pastora sarda emigrata nel Lazio nel 1949.

L’evento si terrà sabato 21 maggio, alle ore 09:30, a Tuscania, presso il Teatro Il Rivello, piazza F. Basile.

A Tuscia Laziale Bonaria Manca ha espresso la sua vocazione artistica con il canto, il mosaico e la pittura dipingendo nel tempo le pareti interne della sua abitazione. La casa è diventata un vero e proprio museo suscitando l’attenzione di vari critici di fama internazionale.

Su di lei è stato realizzato il documentario “La sérénité sans carburant“, girato con sensibilità ed empatia dalla regista francese Marie Famulicki; ed il libro “Bonaria Manca. Rinascere ogni giorno” a cura di Pavel Kone?ný e Roberta Trapani (Marginàlie, 2014).

Recentemente a Bonaria Manca è stato assegnato il prestigioso premio internazionale STANDOUT WOMAN AWARD edizione 2016, perché ritenuta la più grande artista Donna di arte primitiva vivente.

Il Convegno di Tuscania offre l’occasione a studiosi, critici d’arte, antropologi e sociologi, istituzioni e cittadini di stringersi intorno alla piccola grande donna sarda, ormai ultra novantenne, per manifestare ammirazione, stima, stupore e affetto. Gli indirizzi di saluto istituzionali saranno espressi da: Ettore Serra, presidente della “Sarda Domus”, Fabio Bartolacci, sindaco di Tuscania, Michele Deserra, sindaco di Orune e dai rappresentati delle Regioni Sardegna e Lazio.

Maria Rita Fiasco, in qualità di presidente di Assotuscania e socia fondatrice dell’Associazione per Bonaria Manca è stata chiamata a presiedere l’incontro.

Ecco, in successione, i relatori ed i temi trattati:

Roberta Trapani, storica dell’arte, docente presso l’Università di Paris Ouest: “Itinerari di una bussola interiore”;

Pietro Clemente, antropologo, docente universitario: ” Bonaria, tra antropologia e arte”;

Giacomo Mameli, scrittore e giornalista: “Bonaria, cercando la terra promessa”.

Si avvicenderanno poi, presentati da Gemma Azuni dell’Esecutivo FASI:

Maurizio Fiasco, sociologo e presidente dell’Associazione per Bonaria Manca: “Bonaria, i fili ritrovati della nostra formazione spirituale;

Daniela Rosi, esperta di outsider-art: “Aspetti sintetici nell’arte di Bonaria“ ;

Maria Elena Pifferi, storica dell’arte, dottore di ricerca in scienze ambientali e docente di lettere: “Istantanee dell’anima” .

Angela Sanna, artista, esperta di comunicazione digitale, presenterà il progetto “LA CASA DI BONARIA”, museo virtuale per non perdere l’arte outsider di Bonaria Manca, ammesso a finanziamento della Regione Sardegna ai sensi dell’art. 19 L.R.n. 7/91.

Paola Manca, vice-presidente dell’Associazione per Bonaria Manca, nipote dell’artista, porgerà i saluti finali.

S.E. Monsignor Giovanni Angelo Becciu, Sostituto per gli Affari Generali della Segreteria di Stato della Santa Sede, con la sua diretta partecipazione alla Messa domenicale del 22 maggio, porrà il sigillo finale all’iniziativa.

Leggi per intero >

SIGNIFICATO DEI MESI IN SARDO
Aprile, secondo antichi dizionari

pubblicato il 28/04/2016 18:07:27 nella sezione "News e curiosità"
SIGNIFICATO DEI MESI IN SARDOAprile secondo antichi dizionari
di Salvatore Dedola

I pensatori dell’Accademia non risolveranno mai i problemi della civiltà sarda finché rimarranno irrigiditi in un ragionamento “ad una dimensione”, secondo cui la civiltà sarda può essere acclarata soltanto in virtù della civiltà romana, quasi che prima di Roma la Sardegna vivesse nell’assoluta barbarie. E così siamo stati avvezzi a credere che la Sardegna sia soggetta, da sempre, all’antico calendario romano, il che non è vero, perché i Sardi ebbero il proprio calendario millenni prima che alcune capannucce apparissero sul Palatino.
I Latini (i progenitori dei Romani) avevano, al pari della Sardegna, un calendario lunare. Fu Numa Pompilio, a quanto si tramanda, ad aver portato il calendario romano a 12 mesi nel tentativo di farlo coincidere col corso annuale del sole. Ai suoi tempi risale dunque il nome romano del quarto mese, Aprīlis, la cui etimologia fu inseguita cervelloticamente da parecchi. La si paragonò anche ad Afrodite, nome della dea greca dell’amore, non tenendo conto che Afrodìte fu conosciuta molto tempo dopo. Altri attinsero al nome etrusco Apro, ma s’arenarono senza spiegarlo. Marco Terenzio Varrone (De origine linguae Latinae, 6,33) pensò ad Aprīlis come “quod ver omnia aperit”, “perché la primavera apre tutte le cose”, e dimenticò che la primavera comincia a Marzo.
Noi riusciamo ad affrancare la Sardegna dai beceri tentativi di “furto d’identità” soltanto se ripartiamo dal più antico nome sardo del mese, che è ARBÌLE. Allora tutto s’acclara. La semplicità intuitiva, la perfezione dell’identità, si rispecchiano nella scoperta che il nome del quarto mese dell’anno riposa nell’ebraico ‛arbà 'quattro', in accadico arbaʼu ‘quattro’.

Nella foto: Lei (Nuoro), stipite destro, porta della chiesa foranea di S. Marco (25 aprile). Rosetta e sei punte racchiusa in un cerchio e cinque buchi chiamati coppelle, messi come nella faccia del dado. La prima, è identificabile con il sole al solstizio, quando d’estate è alto nel cielo o basso in inverno, come si ritrova rappresentata in altre parti del mondo; è formata da due triangoli equilateri contrapposti: noti come sigillo di Salomone, detto la stella di Davide dei Giudei. Le cinque coppelle ci parlano delle cinque lune che possono formarsi tra il 21 dicembre e il 25 aprile, giorno estremo per la Pasqua tardiva, più alta e insidiosa, antica festa del risveglio della natura presidiata da San Marco.

Leggi per intero >

LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE L'ISOLA DI BUDELLI
Su Nuraghe incontra Max Zegna

pubblicato il 28/04/2016 17:32:22 nella sezione "Circoli Fasi"
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
di Simmaco Cabiddu

Dopo un finanziamento di quasi 3 milioni di Euro stanziati dal Ministero dell’Ambiente, l’Ente Parco di La Maddalena rinuncia all’Isola di Budelli, preferendo «finanziare - si legge nella loro delibera di pochi giorni fa - altre iniziative a vantaggio della valorizzazione del territorio».
Così rientra in scena l’offerta degli studenti della Scuola media dell’Istituto comprensivo "Vittorio Sella", da mesi impegnati in una gigantesca colletta per trasformare Budelli ne "L’isola dei giovani".
"Gli allievi e gli insegnanti della classe 2B della scuola media di Mosso di Biella, per salvare l'isola di Budelli, hanno avuto l'idea di creare una grande colletta su internet per permettergli di acquistare l'isola e restituirla alla collettività.
Da parte dei ragazzi, l’impegno per Budelli continua. «La nostra colletta sta andando avanti - afferma Giuseppe Paschetto, il professore che ha fatto partire il progetto con i suoi allievi della Classe II B di Mosso - e i soldi che stiamo raccogliendo potranno essere utili per concretizzare il sogno dei ragazzi. Questa ci sembra una bella occasione».
La settimana prossima, a Su Nuraghe, incontro con Massimo Zegna, nominato dai ragazzi di Mosso ambasciatore di Budelli, per mettere a punto iniziative ora che l’Isola rosa rifiutata dai “grandi” sembra essere più vicina a concretizzare il sogno dei ragazzi.
Intanto, anche a Su Nuraghe continua la raccolta delle offerte.

Oltre che a Su Nuraghe, le offerte possono essere versate direttamente, pagando con carta credito; indicazioni IBAN: www.nonsisbudellilitalia.com




Leggi per intero >

YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARA
Una giornata di cultura e rilassamento

pubblicato il 28/04/2016 16:27:07
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento

GLI SCIALLI DI ORUNE
Sos isciallos de Orune

pubblicato il 18/04/2016 23:12:12
GLI SCIALLI DI ORUNESos isciallos de Orune

"EL VAGÒN" E "PER ANNA" VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO "VISIONI SARDE"

pubblicato il 29/02/2016 20:19:07
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE

SCORCI DI SARDEGNA
La mostra fotografica di Fabio Corona dal 27 Febbraio al 20 Marzo

pubblicato il 25/02/2016 16:11:49
SCORCI DI SARDEGNALa mostra fotografica di Fabio Corona dal 27 Febbraio al 20 Marzo

TURISTA PENTITA RESTITUISCE LA SABBIA ROSA ALL'ISOLA DI BUDELLI

pubblicato il 25/02/2016 15:34:37
TURISTA PENTITA RESTITUISCE LA SABBIA ROSA ALLISOLA DI BUDELLI

SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDE
Sono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI

pubblicato il 02/02/2016 21:03:39
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI

CASA LUSSU DIVENTA IL CENTRO DELL'ARTIGIANATO DEL TAPPETO
Tommaso e Barbara dalla città ad Armungia per un bel progetto di sviluppo locale.

pubblicato il 08/01/2016 19:02:48
CASA LUSSU DIVENTA IL CENTRO DELLARTIGIANATO DEL TAPPETOTommaso e Barbara dalla città ad Armungia per un bel progetto di sviluppo locale.

CAGLIARI SUONA
Rassegna di musica da camera
dal 27 al 30 dicembre 2015

pubblicato il 24/12/2015 18:15:39
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015

Bona Pasca 'e Nadale

pubblicato il 24/12/2015 17:25:47
Bona Pasca e Nadale

LA MONTAGNA PRODUCE
Desulo apre le sue porte per la sua XXV edizione

pubblicato il 27/10/2015 19:28:35
LA MONTAGNA PRODUCEDesulo apre le sue porte per la sua  XXV edizione

PAUL KLEE ED I MONDI ANIMATI
Al museo MAN di Nuoro dal 30 Ottobre al 14 Febbraio 2016

pubblicato il 27/10/2015 18:39:25
PAUL KLEE ED I MONDI ANIMATIAl museo MAN di Nuoro dal 30 Ottobre al 14 Febbraio 2016

ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA

pubblicato il 27/10/2015 17:17:10
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA

AUTUNNO IN BARBAGIA, "DOMOS ANTIGAS 2015
Appuntamento del 11.10.2015 a Meana Sardo

pubblicato il 07/10/2015 17:37:45
AUTUNNO IN BARBAGIA DOMOS ANTIGAS 2015Appuntamento del 11.10.2015 a Meana Sardo

TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015
Un fitto programma dall'8 al 10 Ottobre a Cagliari.

pubblicato il 07/10/2015 16:57:52
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.

IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA

pubblicato il 06/08/2015 15:34:49
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA

TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVO
Continuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda

pubblicato il 27/07/2015 10:00:11
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda

PASCOLO 2.0, PECORE COL CHIP E OVILE COMPUTERIZZATO PER IL PASTORE PIU' HI TECH D'ITALIA
In Maremma si fondono tradizione e innovazione

pubblicato il 15/07/2015 14:33:38
PASCOLO 2.0 PECORE COL CHIP E OVILE COMPUTERIZZATO PER IL PASTORE PIU HI TECH DITALIA In Maremma si fondono tradizione e innovazione

IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE

pubblicato il 12/07/2015 16:22:58
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE

BENTORNATI A CASA
Nurnet e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.

pubblicato il 03/07/2015 09:44:17
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.

RISTORANTE, LOUNGE BAR AND DELI
Un mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge

pubblicato il 02/07/2015 11:45:58
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge

IL PARCO A MILANO PER EXPO2015

pubblicato il 29/05/2015 11:12:33
IL PARCO A MILANO PER EXPO2015

CULINGIONIS DE MENDULA

pubblicato il 28/05/2015 14:01:19
CULINGIONIS DE MENDULA

DEDICATO A MIA MADRE E ALLA MIA TERRA.

pubblicato il 12/05/2015 15:44:30
DEDICATO A MIA MADRE E ALLA MIA TERRA.

OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARI
Per una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.

pubblicato il 29/04/2015 09:48:42
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.

LA TOSCANA ABBRACCIA LA SARDEGNA
Sa die de Sardigna in provincia di Siena

pubblicato il 23/04/2015 23:28:02
LA TOSCANA ABBRACCIA LA SARDEGNASa die de Sardigna in provincia di Siena

SA MANDRA AGRITURISMO

pubblicato il 15/03/2015 19:23:07
SA MANDRA AGRITURISMO
Clicca sui numeri per scorrere le news
1 - 2 - 3 - 4 - 5
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
A NULVI UN FANTASY PER LA SARDEGNALultimo libro dello scrittore Aldo Sechi
SIGNIFICATO DEI MESI IN SARDOAprile secondo antichi dizionari
GLI SCIALLI DI ORUNESos isciallos de Orune
TURISTA PENTITA RESTITUISCE LA SABBIA ROSA ALLISOLA DI BUDELLI
Bona Pasca e Nadale
Sport e natura
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
ESCURSIONE NATURALISTICA A LACONI
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
I CONCERTI APERITIVO DI (TO) BE IN JAZZXIV edizione Echoes of an Era
SA CASADA LA CREMA DI LATTE DI COLOSTRO
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
SPIAGGIA MARI PINTAU
Eventi e feste
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
LA MONTAGNA PRODUCEDesulo apre le sue porte per la sua  XXV edizione
AUTUNNO IN BARBAGIA DOMOS ANTIGAS 2015Appuntamento del 11.10.2015 a Meana Sardo
Arte e artigianato
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
SCORCI DI SARDEGNALa mostra fotografica di Fabio Corona dal 27 Febbraio al 20 Marzo
CASA LUSSU DIVENTA IL CENTRO DELLARTIGIANATO DEL TAPPETOTommaso e Barbara dalla città ad Armungia per un bel progetto di sviluppo locale.
PAUL KLEE ED I MONDI ANIMATIAl museo MAN di Nuoro dal 30 Ottobre al 14 Febbraio 2016
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
ALLA SCOPERTA DELLA GIARA ARCHEOLOGICA
GIGANTI DI MONTE PRAMA SUL WEBInvasori digitali lanciano levento
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
VACANZE ESTATE 2014Tra le mete top per chi resta in Italia c’è la Sardegna
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie