Sardinia In, periodico di cultura, informazione e turismo sulla Sardegna. Testata giornalistica in corso di registrazione. Direttore Responsabile Alessandra Conforti.
Ultime Notizie:
Strip Sinistra
Strip Destra
Indicaci il tuo apprezzamento nei social network   
Condividi nei social network   

BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNA
Presentata la guida sabato 26 Novembre

pubblicato il 28/11/2016 17:16:13 nella sezione "Enogastonomia"
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
Sabato 26 Novembre, presso la Sala Conferenze della CCIAA di Sassari, alla presenza di un folto pubblico è avvenuta la presentazione della Guida alle Birre Artigianali della Sardegna.

Il volume di 140 pagine, si propone di offrire un panorama esaustivo di un settore particolarmente dinamico quale è la produzione di birre artigianali, recensendo la quasi totalità delle aziende operanti in Sardegna e fornendo una scheda tecnica e descrittiva delle principali birre dalle stesse prodotte.

La presentazione ha fornito lo spunto per fare un po’ il punto della situazione su un prodotto sempre più apprezzato da pubblico e critica come la birra artigianale e sulle varie dinamiche che riguardano il mondo brassicolo isolano.
La guida può essere consultata online sul sito: www.ais-sardegna.it oppure direttamente dal link www.isolamediterranea.com/guida-alle-birre-2016

Fonte:
Associazione Italiana Sommelier Sardegna
Il Presidente
(Roberto Dessanti)

Leggi per intero >

SANT'ANDRIA E IL MESE DI NOVEMBRE
Significato dei mesi in sardo secondo antichi dizionari

pubblicato il 28/11/2016 15:16:26 nella sezione "News e curiosità"
SANTANDRIA E IL MESE DI NOVEMBRESignificato dei mesi in sardo secondo antichi dizionari
Foto: Opera di Ivan Pili

SANT’ANDRÌA in Sardegna denomina il mese di Novembre, altrimenti detto d’Ogniassanti. Dolores Turchi scrive: «Si comprende perché fu scelto proprio il nome dell’apostolo Andrea a copertura di una festa che aveva ben altri contenuti. Tutto il mese di novembre era dedicato a Dioniso… A Galtellì Sant’Andria è detto su santu e su vinu… perché in quel mese si sturano le botti». Purtroppo, la Turchi non spiega perché sant’Andrea sia il “santo del vino”, e perché viene abbinato a Dioniso. Non basta sostenere che, in quanto patrono, viene celebrato il 30 novembre (salvo eccezioni).
Purtroppo per lei, sant’Andrìa è una paronomasia, creata certamente dai preti bizantini nella loro infaticabile missione volta ad obnubilare la religione sarda. Il vocabolario religioso e carnevalesco della Sardegna è zeppo di paronomasie create “a tavolino”. Circa le feste dedicate agli Apostoli e agli altri Santi, nessuno si è mai posto il problema di come siano stati stabiliti dal Vaticano i mesi e i giorni di ciascuna festa. Qualcuno dovrebbe spiegare perché la festività di S. Andrea cada proprio a Novembre. Non conoscendosi i giorni di nascita e di morte degli Apostoli, la fissazione delle ricorrenze rimase nell’assoluto dominio della Chiesa, che in tal guisa ebbe campo libero nel creare una rete arbitraria di punti solidi coi quali soffocare, inglobare, camuffare ed azzerare le manifestazioni religiose dei Sardi. Sant’Andrìa è una paronomasia operata sopra un sintagma sardiano. Santu è basato sull’akk. šātû ‘grande bevuta’, šatû(m) ‘to drink’ con epentesi di -n-; questo campo semantico del ‘bere’ ingloba anche il mese di Ottobre, perché Ottobre e Novembre sono i mesi in cui iniziano le grandi piogge: i campi cominciano ad essere irrigati ed ai coltivatori si dà accesso ai diritti d’irrigazione. Quindi Novembre era particolarissimo per la doppia manifestazione del ‘bere’: quella dell’uomo che assaggia il vino, quella della natura che riceve le grandi piogge. Andrìa è un composto sardiano basato sul sum. an ‘Cielo’ + dirig ‘galleggiare, inzuppare’: an-dirig significò ‘cielo che inzuppa’ (la terra). Si ebbe in seguito la metatesi: drīa. Il significato complessivo è ‘Mese in cui il Cielo inzuppa la terra'.

di Salvatore Dedola

Leggi per intero >

TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNA
Sei giorni immersi nella natura del Supramonte

pubblicato il 22/10/2016 17:26:09 nella sezione "Sport e natura"
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
Dal 21 al 27 Maggio 2017

Sei giorni di trekking alla ricerca degli angoli più nascosti della "Barbagia", del Supramonte di Orgosolo e di Oliena, della costa del Golfo di Orosei per sentieri segreti e misteriose vestigia della civiltà nuragica, nel cuore della Sardegna fra paesaggi che ancora conservano le tradizioni autentiche della millenaria cultura pastorale. La logistica in fuoristrada ci permetterà di giungere direttamente sui sentieri per camminare tra rilievi, forre, doline e le altre emergenze geomorfologiche che distinguono gli ambienti calcarei della zona.

Saremo ad attendervi al porto o all'aeroporto di Olbia per iniziare insieme questa avventura!

1° GIORNO DOMENICA 21 MAGGIO: BRUNCU SPINA-PUNTA LA MARMORA (anello)
Partenza con i fuoristrada dal porto in direzione Fonni, sino a raggiungere la località località Bruncu Spina percorrendo un sentiero, che costeggia tutto il versante occidentale della catena del Gennargentu fino ad “Arcu Gennargentu” a 1659 mt.; proseguiremo per Punta la “Marmora” la vetta più alta della Sardegna con i suoi 1834 mt slm, ammirando a 360°gradi le valli che la circondano, spettacolari gli incontri con gli animali selvatici: mufloni, cavalli e con un pò di fortuna, anche l'aquila reale. Dopo una breve sosta ci sarà il percorso sino ad “Arcu Gennargentu”, da qui prenderemo il sentiero che ci porterà in una località attrezzata per la sosta pranzo, dopo di che ci sarà il rientro percorrendo il sentiero per “Arcu Artilai” a “Genna Erbeghe”. Seguirà il rientro con i fuoristrada a Fonni dove visiteremo i Murales, rientro in hotel per le ore 18:00

Trasferimento da Olbia per Fonni e per inizio trekking 2 h
Trekking ad anello: tempi circa 5 ore
distanza: circa 12 km; dislivello: circa 800 metri complessivi
difficoltà: medio impegnativo
interesse: geologico, botanico, geologico, faunistico
Sistemazione: hotel 3 stelle Fonni. Cena con cucina tradizionale in hotel

2° GIORNO MARTEDI 23 MAGGIO: TREKKING SUPRAMONTE ORGOSOLO (anello)
Partenza con i fuoristrada da Fonni, in direzione Orgosolo, per visitare una delle zone più selvagge e straordinarie dell'intera Sardegna: il “Supramonte di Orgosolo”; lasciato il fuoristrada percorreremo sentieri e strade nel segno dell'avventura più genuina, ammirando il suo complesso carsico di calcari; visiteremo dei particolari monumenti naturali che la zona ci offre, si può godere dello spettacolare paesaggio naturale con i boschi di macchia mediterranea, i fiori e piante endemiche, e la presenza di numerose specie animali come cinghiali e mufloni, visiteremo Nuraghe "Mereu", Su "Disterru,"s'heliè Toreddu",visiteremo “sos Pinnettos”, antichi ricoveri dei pastori e la vetta del torrione calcare Monte Novo San Giovanni, dove potremo ammirare una veduta a 360° del Supramonte di Orgosolo, seguirà il rientro in fuoristrada a Fonni previsto per le ore 18:00.

Trasferimento fuoristrada: h 0,40 circa
Trekking ad anello: tempi circa 5 ore
distanza: circa 12 km
dislivello: circa 300 metri
difficoltà: medio
interesse: geologico, botanico, geologico, faunistico, archeologico.
Sistemazione: hotel 3 stelle Fonni. Cena con cucina tradizionale in hotel

3° GIORNO MERCOLEDI 24 MAGGIO: BUCHI ARTA – CALA LUNA – CALA FUILI (Scala e s'Arga)
Partenza da Fonni in fuoristrada alle ore 08.00, in direzione Cala Gonone, qualche chilometro prima del paese imbocchiamo una stradina sterrata che ci permette di arrivare in località Buchi Arta dove visiteremo gli antichi ovili in ginepro che i pastori ancora oggi utilizzano,si proseguirà un sentiero costruito dai pastori è rivisitato dai carbonai, il sentiero scende fino alla Codula di Luna, che percorreremo fino a Cala Luna, qui i più ardimentosi potranno cimentarsi in un bagno “rigenerante” prima della sosta per il pranzo. Il sentiero prosegue attraversando un fitto bosco di leccio, corbezzolo e ginepri secolari, con continui ‘Sali – scendi’ fino a Cala Fuili dove troveremo il fuoristrada che ci riporterà in agriturismo (arrivo previsto per le 18:30 circa).
Trasferimento fuoristrada: h 1,50 circa
Trekking, traversata: tempi circa 6 ore
distanza: circa 12 km
dislivello: circa 350 metri
difficoltà: medio
interesse: geologico, botanico, geologico, faunistico, archeologico.
Sistemazione: agriturismo a Dorgali. Cena con cucina tradizionale in agriturismo.

4° GIORNO GIOVEDI 25 MAGGIO: TREKKING CORRASI OLIENA (anello)
Partenza da Dorgali in fuoristrada alle ore 08:30, dopo un trasferimento di un ora, lasceremo il fuoristrada in località Daddana in territorio di Oliena, per iniziare il trekking per sentieri che si sviluppano all’interno di un magnifico bosco di lecci, percorrendo un sentiero tortuoso che i pastori utilizzavano per potare le greggi sui pascoli alti del Corrasi, dopo aver percorso un dislivello in salita di 500 mt, usciamo dalla vegetazione e arriviamo a Brunc’Arvu, altopiano che ci permette di ammirare le creste calcari che ci circondano, dopo una breve sosta, per prendere fiato e rifocillarsi si prosegue in direzione delle cime alte, attraversando picchi rocciosi, pinnacoli, guglie e torrioni, quasi scenari western sino a raggiungere la vetta del Monte Corrasi 1463 mt slm, dove consumeremo il nostro pranzo a sacco. Dopo la sosta il rientro scenderemo per sentieri che ci consentiranno di ammirare i molteplici scenari del Supramonte. Raggiunto il fuoristrada scenderemo a valle nel paese di Oliena e i partecipanti potranno visitarlo liberamente, e quindi il rientro in agriturismo a Dorgali (ore 18:00).

Trasferimento fuoristrada: h 0,50 circa
Trekking ad anello: tempi circa 5 ore
distanza: circa 12 km
dislivello: circa 500 metri
difficoltà: medio-impegnativo
interesse: geologico, botanico, geologico, faunistico, paesaggistico
Sistemazione: agriturismo a Dorgali. Cena con cucina tradizionale in agriturismo



5° GIORNO VENERDI 26 MAGGIO: Canyon “Gorropu”
Partenza con i fuoristrada da Dorgali in direzione di "Su Cungiadeddu" dove percorreremo per qualche chilometro una stradina sterrata sino ad arrivare giù a valle in località "Urruos" dove dopo alcuni consigli di comportamento e qualche delucidazione sul territorio, inizieremo il nostro percorso a piedi seguendo il sentiero, che costeggerà il fiume,in mezzo alla macchia mediterranea e boschi di lecci, arrivati all'ingresso della gola (ingresso a pagamento ) sempre seguendo i suggerimenti che le nostre guide ci impartiranno, si percorrerà un tratto del canyon, fra i più suggestivi e impressionanti dell’intera Europa, fino al punto più stretto della gola di Su Gorropu con le pareti che incombono per oltre 400 m.. Da qui si torna per il medesimo percorso fino ad incontrare l'unica risorgiva carsica nei pressi dell’imbocco, dove sosteremo per il pranzo. La seconda parte del trek si svolge a ritroso nella valle di “Oddoene” costeggiando l’alveo del Rio “Flumineddu”, che qui, dopo aver fluitato per diversi chilometri in sotterraneo all'intero del canyon, scorre finalmente gioioso brillando alla luce del sole. La nostra preparata guida ambientale ci informerà su tutte le emergenze naturalistiche e ambientali che incontreremo lungo il percorso fino al fuoristrada per il rientro in agriturismo.

Trasferimento fuoristrada: h 0,40 circa
Trekking, traversata: tempi circa 5 ore
distanza: circa 10 km
dislivello: circa 100 metri in salita e 700 in discesa
difficoltà: medio-impegnativo (all’interno della gola sono presenti grandi massi e passaggi che possono essere scivolosi)
interesse: geologico, botanico, geologico, faunistico, paesaggistico
Sistemazione: agriturismo a Dorgali. Cena con cucina tradizionale in agriturismo

6° GIORNO SABATO 27 MAGGIO: VALLE DI LANAITHO “ TISCALI”
Partenza in fuoristrada da Fonni fino al parcheggio della sorgente carsica di “Su Gologone”, poco prima dell’area parcheggio prenderemo una deviazione a destra che ci permetterà di addentrarci nella valle di Lanaitho dove percorrendo la strada sterrata fino alla base del massiccio calcareo che nasconde Tiscali, qui lasceremo il fuoristrada e inizieremmo il trekking per un sentiero costruito e utilizzato dai carbonai, in circa un’ora di cammino giungeremo al ‘segreto di Tiscali’: la “Curtigia” un passaggio naturale nascosto che ci permetterà di arrivare all’ingresso del villaggio nuragico posto all’interno della dolina di Tiscali (ingresso a pagamento facoltativo ma fortemente consigliato). La visita sarà svolta da guide specializzate. Rientrati al fuoristrada ci dirigiamo in una località attrezzata dove potremmo consumare il pranzo a sacco, per poi visitare la grotta di “Sa Oche”, risorgiva carsica. Dopo pranzo trasferimento a Olbia, arrivo previsto nel pomeriggio, ed imbarco per le rispettive destinazioni.

Trasferimenti fuoristrada: h 0,40 circa + h 1,50 circa
Trekking: tempi circa 5 ore; distanza: circa 8 km
dislivello: circa 400 metri
difficoltà: medio - impegnativo
interesse: archeologico, geologico, paesaggistico


- Costo a persona per un gruppo minimo di 7/8 a partecipanti euro 720,00 (compreso di iva)

- Costo a persona per un gruppo minimo di 11/12 partecipanti euro 770,00 (compreso di iva)

- Costo a persona per un gruppo minimo di 13/14 partecipanti euro 725,00 (compreso di iva)

- Costo a persona per un gruppo minimo di 15/16 partecipanti euro 670,00 (compreso di iva)

- transfer in fuoristrada A/R da Olbia
- 1 guide ambientali per tutta la durata del trekking
- 6 escursioni guidate
- logistica con i fuoristrada a terra
- 5 pernotto in mezza pensione
- l’assicurazione R.C.

Nel costo non è compreso:
- eventuali extra,
- la colazione del giorno 1
- la cena del giorno 6
- i pranzi a sacco dei 6 giorni
- biglietto tiket Tiscali ( € 5,00 adulti € 3,00 ridotto dai 65 anni in su)
- biglietto tiket Gorropu ( € 5,00 adulti € 3,00 ridotto dai 65 anni in su)
- biglietto tiket Su Gologone ( € 2,50 adulti € 1,50 ridotto dai 65 anni in su)
- tutto quello non riportato nella voce “compreso”

N.B.
-In caso di avverse condizioni climatiche il programma potrà subire variazioni, per salvaguardare l’incolumità dei partecipanti.
- Le sistemazioni in hotel e agriturismo si intendono in camera doppia.
- Supplemento camera singola € 15,00 a persona al giorno-I partecipanti dovranno avere rigorosamente scarpe da trekking alte, capellino, crema solare, zaino minimo 50 lt, telo mare.

Leggi per intero >

UN VIAGGIO A TINNURA
Conosciuto come "il paese dell'arte"
sardegna (oristano) tinnura

pubblicato il 06/10/2016 14:56:20 nella sezione "Luoghi da vedere"
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
Tinnura è un paese di 260 abitanti in provincia di Oristano, situato nella regione storica della Planargia, vicinissimo al litorale costiero della Sardegna centro-occidentale.
Da circa un ventennio iniziò progetto di riqualificazione urbana, con la realizzazione di piazze, pavimentazioni stradali in basalto policromo ed i famosi murales.
Oggi il paese mostra una vasta gamma di opere artistiche, che vanno dai murales realizzati da artisti di grande fama come, (Pina Monne, Francesco del Casino, Angelo Pilloni, Giambattista Loi e Fernando Mussone), alle piazze e ai monumenti, tanto da aver ricevuto l'appellativo di "Paese dell'Arte".
Passeggiando per la via principale, sorge la chiesa parrocchiale (d'impianto romanico), del 1600 intitolata a Sant'Anna, il visitatore viene colpito dalla colorazione del campanile bianco con le sue bande orizzontali rosa antico.
Da non perdere la parte archeologica che vanta il nuraghe "Tres Bias", le tombe dei giganti di "Su Crastu Covocadu" e "Su Figante" ed una fontana romana "Funtana e' Giosso" facente parte di un complesso di acquedotti, che portavano l'acqua dalle sorgenti di Scano di Montiferro
alla città di Bosa.

Per qualsiasi informazione è presente un info point aperto tutti i giorni nella stagione estiva in Piazza del Sole, dove si eseguono visite guidate e si fornisce il materiale turistico.
In questo piccolo paese si possono trovare piccoli esercizi commerciali, servizi di ristorazione, pizzerie e bed and breakfast.



Leggi per intero >

"LASSA SAS BRULLAS" DI LORENZO VACCA
Il 5 Agosto a Lodine

sardegna (nuoro) lodine

pubblicato il 03/08/2016 22:31:45 nella sezione "Arte e artigianato"
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine

"In occasione della giornata iniziale della manifestazione "Giornate per l'Arte", Venerdì 5 agosto alle ore 21.30 in piazza San Giorgio a Lodine, Lorenzo Vacca in
"Lassa Sas Brullas"
Accompagnamento musicale di Fabio Calzia.
Con la partecipazione di Gisella Vacca

Lorenzo Vacca, nato ad Ovodda, architetto, disegnatore, pittore, scultore.
Per curiosità, voglia di conoscere, piacere personale e lavoro ha soggiornato in vari luoghi del mondo come Bolivia e Tunisia e d' Italia, Roma, Cave, Orvieto. Attualmente vive a Grotte di Castro (Vt), "ri-dente" paese che si affaccia sul Lago di Bolsena.
In questo infinito viaggiare in luoghi distanti e diversi, ha sognato e cercato, anche con le sue opere il RITORNO...

Il RITORNO " a bidda", alla Terra, alle case dei suoi affetti... Per cercare cosa? Le radici, le origini, l'appartenenza, per ritrovare dentro di sé le tracce di un remoto passato modificato dal trascorrere del tempo... e trasformarlo in arte visiva.
Tutto questo Lorenzo lo trasferisce nei suoi segni e disegni e nelle pitture. La sua produzione si è sviluppata all'insegna della contaminazione fra generi, indifferente agli steccati e alle gerarchie che solitamente tendono a inquadrare in schemi prestabiliti la creatività. E crea personaggi inventati dal giogo dei buoi "sos juvales" che narrano di una vita agro-pastorale antica e ora in disuso. Le sue "tzias" con i fazzoletti in testa, le cui punte assumono forme diverse a seconda dei diversi umori. ... Ed ancora donne che sedute nelle stuoie lavorano su "pane fressa", in "su tazeli". E "tzias" che cantano le ninne-nanne a "sos pitzinnos" ed altre che vegliano i loro morti. Ed ancora... "massaias" che si scambiano il saluto in strada, ricorrendo a modi di dire arcaici ed onomatopeici dove l'attuale "ciao" ci fa provare afflati di nostalgia per un mondo che non c'è più.
E' il mondo dell'importanza del saluto, "dell'ei là", di un gesto, appena accennato col capo o con il braccio che vale come cento parole, perché richiama all'incontro una relazione, un'amicizia.... E' una sorta di comunicazione ecologica contrassegnata da pause, silenzi, dal non detto, dal molto intuito e dal tanto percepito.
E' l'ironia del segno che si nasconde dentro alla malinconia!

Se da un lato i disegni di Lorenzo rimandano ad un periodo antico, dall'altro ci mostrano con il sorriso tipico della satira di costume un mondo in evoluzione con la tecnologia... Ed allora " sas tzias" sono alle prese con il telecomando del televisore, con il computer, e con il Whatsapp degli smartphone... E "sos mucadores" s'inalberano stupiti ed irati di fronte ai "misteri" dei vari congegni tecnologici!
Nei disegni di Lorenzo c'è tutto questo e molto altro ancora... Basta soffermarsi a vedere per guardare... per dare spazio nel tempo ai ricordi, alle riflessioni e ai commenti.
Leggi per intero >

A NULVI, UN FANTASY PER LA SARDEGNA
L'ultimo libro dello scrittore Aldo Sechi

pubblicato il 01/08/2016 18:03:06 nella sezione "News e curiosità"
A NULVI UN FANTASY PER LA SARDEGNALultimo libro dello scrittore Aldo Sechi
di Laura Mannu

Per le 21.30 di venerdì 29 luglio, quei posti ancora liberi nel Chiostro di Santa Tecla a Nulvi vengono occupati dagli attesi compaesani del giovane insegnante e scrittore Aldo Sechi, lì per presentare il suo ultimo libro, intitolato L’Isola dei Giganti. Lo scontro celeste.

La cornice medievale, suggestivamente illuminata, è percorsa da una brezza che trasporta fuori dei possenti muri dell’antico monastero le voci corpose delle ultime prove canore della giornata del coro di Nulvi.

Alle 21.40, Elvira Decortes, Vicesindaco e Assessore alla Cultura, Istruzione e Spettacolo, interrompe l’attesa per fare gli onori di casa e, dopo aver rivelato al pubblico: -“Ho letto l’ultimo romanzo di Aldo animata da una forte curiosità e l’ho molto apprezzato”, cede la parola al dialogo tra lo scrittore e la dott.ssa Laura Antonella Piras, dottoranda in Lingue, Letterature e Culture dell’Età Moderna e Contemporanea presso l’Università di Sassari.

Laura Piras rende omaggio all’amico compaesano ricordandone gli interessi letterari mai celati risalenti all’infanzia, poi coltivati durante gli studi per conseguire le lauree in Lettere e in Filologia Moderna a Sassari, ora trasmessi agli alunni di Valledoria, dove insegna, e concretizzati nei suoi primi volumi dati al pubblico. Aldo Sechi è uno scrittore emergente. Pubblica nel 2007 per l’editore Seneca la sua prima raccolta di poesie Oltre ogni come, nel 2012 il suo primo romanzo Sardomachia, edito da Arpeggio Libero, che segue a far uscire nel 2013 i due thrillers Le carte del Solista e Gli adepti del Sillabo, trattanti rispettivamente il tema dell’AIDS e quello dell’aborto e della questione femminile.

“Questa volta, invece,”-spiega Laura Piras-“l’autore si cimenta in un genere del tutto diverso: il fantasy.”

Così, infatti, chiarisce Aldo: -“Pensavo a come sarebbe stato un libro fantastico ambientato in Sardegna che avrei voluto leggere, ed era proprio così. Quando scrivo, in effetti, cerco di comporre qualcosa che mi piacerebbe leggere, che magari mi sarebbe piaciuto trovare in libreria.”

L’Isola dei Giganti è dunque il racconto fantastico che Aldo cercava e che ha come luogo di ambientazione la Sardegna, un luogo antichissimo quanto l’epoca di quelle vicende, la cui storia è scritta solo nelle pietre.

“È nel tempo mitico narrato dallo scrittore”-continua la dott.ssa Piras-“che si svolge l’antico conflitto fra Nitor, re del Sole e Saur, sovrano delle tempeste, con i suoi fedeli giganti, poiché quest’ultimo aveva deciso di impadronirsi dei territori governati dal dio del Sole e abitati dagli uomini. Ma la profezia delle Sei stelle prevede che saranno sei eroi, scelti dagli dei, a liberare i territori di Nitor e a salvare il genere umano. L’eroe prescelto per compiere l’impresa è un giovane ragazzo, Shardan, insieme a cinque valorosi eroi dalle qualità particolari che lo accompagneranno nelle sue numerose avventure e lo aiuteranno a superare le varie prove a cui gli dei lo sottoporranno.”
Il romanzo è ricco di citazioni di personaggi della tradizione popolare sarda, che il pubblico riconosce e accoglie divertito, quando il dialogo tra Laura e Aldo viene intermezzato dalla lettura di brani scelti. Nel Chiostro, allora, tutti vengono trasportati nella Foresta dell’Oblio tra i dispettosi Pindacci o nella Palude dell’Angoscia dove abita Majalza o nella casa di Celes dea dell’amore quando eventi e personaggi della narrazione si materializzano fuor della cangiante voce di Lella Cucca, accompagnata dal caldo arpeggio della chitarra acustica di Francesco Pais. Il felice duetto conquista applausi sentiti e rende note a chi del pubblico non abbia ancora letto il romanzo alcune delle fasi più emozionanti del libro, come la consegna delle armi divinamente forgiate agli eroi “di una terra libera” e lo sbocciare dell’amore tra il giovane Shardan e la bella Merel.

Il pubblico accoglie con apprezzamento il tentativo del giovane scrittore di fondere elementi storici e mitici di una tradizione ampiamente nota alla maggior parte dei sardi e riconosce in lui la risorsa cui richiedere una snella e gradevole affabulazione intorno a materiali cari all’identità isolana. L’incontro si chiude con il rinnovo da parte del pubblico della proposta già avanzata in apertura dalla Decortes: “Mi piacerebbe che il tuo prossimo libro fosse ambientato a Nulvi e avesse come personaggi i banditi e la nostra Lucia Delitala.”

Leggi per intero >

QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDE
Il bando di concorso per corti e documentari sardi.

pubblicato il 12/07/2016 00:09:21 nella sezione "Circoli Fasi"
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
di Bruno Culeddu

La Cineteca di Bologna ha emanato il bando di concorso per corti e documentari sardi

E' stato reso pubblico il bando di concorso per partecipare alla ventitreesima edizione di Visioni Italiane, che si terrà a Bologna dal 1° al 5 marzo 2017. Il concorso prevede una sezione, denominata Visioni Sarde, riservata a corti, mediometraggi e documentari ambientati in Sardegna o di autori sardi.
All' opera considerata migliore verrà attribuito un premio di 1.000 euro.
I film inclusi nella selezione finale saranno presentati a Bologna e a Roma, a cura della Cineteca Nazionale e successivamente potranno essere proiettati a cura dei circoli associati alla FASI, Federazione delle Associazioni Sarde in Italia, nei cinema di altre città della penisola.
Le opere dovranno essere inviate con le stesse scadenze e modalità di Visioni Italiane, specificando la Sezione Visioni Sarde.
Le opere, di qualsiasi formato, dovranno essere caricate su festival.movibeta.com, oppure inviate in copia DVD a: VISIONI ITALIANE - Concorso Nazionale per Corto e Mediometraggi - Fondazione Cineteca di Bologna - Via Riva di Reno, 72 - 40122 Bologna, entro e non oltre il 15 Novembre 2016.
Possono prendere parte al concorso filmati sia su pellicola sia in digitale, purché non siano stati prodotti prima del 2015.
Le condizioni per partecipare al concorso sono indicate nel Regolamento del Festival consultabile in ogni sua parte sul sito www.visionitaliane.it o www.cinetecadibologna.it nelle pagine relative al Festival Visioni Italiane.



Leggi per intero >

PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALI
Due giornate ricche di tradizioni, cultura, delizie gastronomiche e... primati!
sardegna (nuoro) bortigali

pubblicato il 06/06/2016 20:47:08 nella sezione "Eventi e feste"
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
di Michela Zaccheddu

Primavera nel Marghine fa tappa a Bortigali Il 18 e 19 giugno

Il paese dei record che possiede il maggior numero di architravi aragonesi, ha dato i natali alla prima cooperativa della Sardegna nel 1907 e dove è nata la prima radio libera d’Italia - ospiterà il 18 e 19 giugno prossimi, una serie di eventi di spicco in occasione dei quali artigiani, operatori culturali e produttori enogastronomici locali illustreranno i loro antichi sapori.

La due giorni – patrocinata dal Comune di Bortigali, dall’ASPEN e dalla Pro Loco di Bortigali - si aprirà con l'interessante convegno riguardante il comparto del bovino da carne in Sardegna: Bortigali ha recentemente ottenuto il marchio CE sulla cordula.

Il paese comincerà ad animarsi dalla mattina del sabato, coinvolgendo gli ospiti nei numerosi laboratori di cestini in asfodelo, filet, rodansas, coltelli e ferro battuto e dove si assisterà alla lavorazione dei pani tradizionali.

Bortigali è anche un paese ricco di storia e fascino antico, così le associazioni che operano sul territorio non mancheranno di accompagnare i visitatori ai siti di maggior interesse culturale e naturalistico: al rifugio antiaereo - in passato sede di “Radio Sardegna” (prima radio al mondo ad aver annunciato la fine della Seconda guerra mondiale) che per l’occasione verrà riaperta al pubblico con una mostra di radio d’epoca e dove verrà proposta una trasmissione a cura del circolo “Amateur Radio Society” di Sassari -; all’affascinante centro storico dove, oltre all’antica fontana del paese (Funtana Etza), si potranno ammirare gli architravi aragonesi; alle chiese delle confraternite San Palmerio, Il Rosario e Santa Croce, la parrocchiale Santa Maria degli Angeli in cui sono custoditi i preziosi Argenti sacri e il Retablo del Maestro di Ozieri e la chiesa scavata nella roccia di S. Antonio; all’Etno-Casa Museo dove è ricostruita in maniera dettagliata la tipica casa bortigalesa; al Mulino ad acqua di Borgusada e ultima - ma non meno importante - alla perla locale rappresentata dal nuraghe di Orolo, tra i pochi in Sardegna ad avere la scala in senso antiorario.

Le vie saranno animate dalla Sfilata di Cavalieri e Dame e gli operatori ippici locali saranno felici di far sperimentare ai visitatori il Battesimo della sella con cavalli e pony. In contemporanea, per le vie del paese, saranno aperti gli stand dei mercati bortigalesi, dedicati ai saperi e ai sapori locali. Non mancheranno le degustazioni guidate dell'olio extravergine di oliva e dei formaggi pecorini e vaccini.

Quella di domenica sarà una giornata all'insegna dei record: Bortigali tenterà di scippare a Ittiri il primato della cordula più lunga. In associazione con tale evento si terrà il Primo Concorso Gastronomico a premi con ricette a base di cordula. Tutte le strutture di ristorazione locali proporranno, oltre alla cucina tipica, piatti del giorno a base di cordula, piedini d’agnello e animelle.

Bortigali ha pensato anche agli sportivi e, nella giornata di domenica, ci sarà l'imbarazzo della scelta tra la passeggiata ecologica in mountain bike (Bortigali-Orolo-Mulargia), il torneo di calcetto “della Solidarietà”, l'esibizione degli Arcieri del Marghine e quella degli atleti di Parapendio e Deltaplano con la possibilità – per i più spericolati - di effettuare voli in biposto con l’istruttore dall’unica rampa di volo a distanza della Sardegna conosciuta e frequentatissima dai turisti di tutto il mondo. Per chi volesse prendersela con più calma sono invece previste passeggiate con il Carro a Buoi tradizionale e il tour in carrozza “A spasso con la carrozza del Sarcidano”.

I due giorni di festa saranno alliettati dall'esibizione delle Corali Polifoniche, Cuncordos e dei Tenores di Bortigali e dai canti itineranti a chitarra accompagnati dalla fisarmonica.
Primavera nel Marghine a Bortigali avrà anche il suo angolo letterario con l'autore Giovanni Gelsomino che insieme a Salvatore Corveddu illustreranno il popolare libro “Fabrizio de Andrè e l’isola paradiso”, accompagnato dall'esibizione dei Dual Mode.
Impreziosirà la serata la presenza di Cristina Caboni - l'autrice del bestseller “La Custode del miele e delle api” - che ha conquistato la vetta delle classifiche italiane e straniere e che dialogherà con Mario Sanna. Con l'occasione ci sarà una simpatica degustazione di mieli locali.





Leggi per intero >

LA GALLURA DAI VINI D'ORO
Il 7 Giugno a San Quirico d'Orcia

pubblicato il 06/06/2016 15:42:02 nella sezione "Enogastonomia"
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia


All'interno del prestigioso palazzo Chigi di San Quirico d'Orcia, immerso nelle dolci colline della Val d'Orcia, l'ONAV delegazione di Siena:

Vi invita a conoscere due magnifiche espressioni dei vini della Gallura.
Degustazione guidata da Alessandra Ruggi e Andrea Frassineti
Con la gradita presenza di:
Roberto Gariup direttore dell'azienda Masone Mannu
Marianna Mura enologa e titolare dell'azienda Mura

Finger food nel corso della serata

Soci e amici ONAV in regola con il rinnovo della tessera 2016 € 35,00
Enoappassionati non soci € 45,00




Leggi per intero >

A TUSCANIA CON BONARIA MANCA

pubblicato il 24/05/2016 23:25:18 nella sezione "Eventi e feste"
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
di Pietro Clemente

Tuscania (VT) 21 Maggio 2016, con Bonaria Manca

Siamo a Tuscania, in provincia di Viterbo, arrivati in auto al mattino, il paese è immerso nel sole ed è stupendo con le sue mura e le sue torri. Al Teatro Rivellino sta arrivando Bonaria Manca in auto. E’ la sua giornata oggi, noi veniamo da Siena, altri da vari luoghi d’Italia, una studiosa viene da Parigi. Ci sono i circoli dei sardi. Cosa deve succedere? Si tratta della presentazione di un sito internet dedicato all’arte di Bonaria realizzato dalla Fasi e in specie dal circolo di Civitavecchia con il contributo della Regione sarda. Ettore Serra ne è stato protagonista. Ma è l’occasione per festeggiare Bonaria e sono venuti qui anche il sindaco e gruppi di canto e ballo di Orune (NU) il suo paese natale.

Bonaria scende dalla macchina al braccio di Maria Rita e di Maurizio Fiasco, fondatori della Associazione per Bonaria Manca, a lei dedicata. E’ fragile ma determinata , ha scelto il mantello di lana di pecora fatto con le sue mani e si cinge la testa con un foulard di lana. Le sono tutti intorno, risuonano nell’aria toponimi orunesi, soprannomi e patronimici di chi vuol farsi riconoscere da lei salutandola. Quando entra nel grande spazio del teatro tutti la applaudiamo.

Sul palco è Ettore Serra a fare gli onori di casa, la onorano con targhe e doni i sindaci di Tuscania, dove risiede ormai da 70 anni e di Orune che non la dimentica, la saluta il sindaco di Cellere paese confinante e un consigliere regionale di Tuscania, la presidente della Fasi che rappresenta gli immigrati sardi in Italia. Dalla prima fila Bonaria ringrazia e saluta tutti, anche la sua voce è flebile ma pian piano conquista potenza e si lascia andare a un canto di ringraziamento, dedicato ai sindaci, alla giornata, una poesia cantata e in parte improvvisata, come spesso ama fare anche con gli ospiti nella sua Casa d’Artista.

Ora tocca a noi, gli studiosi che parlano di lei. Brevemente in due sessioni parliamo della storia della sua arte, di come questa le abbia permesso di raccontare la sua memoria traumatica col colore e la forma, di come sia andata via da Orune tanti anni fa non solo per cercare il benessere ma anche per le vicende di una antica faida locale. Si parla dello spirito fiero che anima la sua pittura, della forza dei colori e delle forme che sembrano dare vita congiunta a suoni, visioni, odori. Del suo amore per gli animali e la natura che si intrecciano con il senso del sacro antico, tra fonti nuragiche e luoghi etruschi, delle divinità che crea, dell’arte francescana e narrativa, del perché ora non dipinge più.

E quindi Angela Sanna, anche lei orunese, del Circolo dei sardi di Siena, che ha coordinato il sito, lo presenta al pubblico, a noi venuti per onorare Bonaria. E’ una festa comune intorno a lei di sardi e di laziali, di romani e di emigrati sardi. Poi, nel pomeriggio, il tempo degli ospiti è dedicato a Tuscania, di cui Bonaria è cittadina, luogo di accoglienza e di nuove radici ibridate. Un paese di intensa bellezza e di storia ricca, etrusca e medievale, con alle spalle un drammatico terremoto. Solo al mattino dopo, la piazza all’aperto con le antiche torri nell’orizzonte si riempie di sonorità barbaricine, di costumi multicolori, sono gli orunesi che festeggiano a modo loro Bonaria, riportandola alla memoria del paese, dove tanti giovani vivono ancora la tradizioni.

Sono giovani che cantano a tenore e che ballano per Bonaria e per onorare l’incontro tra Tuscania ed Orune. Più tardi una cerimonia religiosa accoglie Bonaria e i gruppi di canto e di ballo. E’ domenica. Una domenica di incontro, di arte e di memoria.

Foto di Giorgio Zintu ( Bonaria con il sindaco di Orune e di Tuscania )

Leggi per intero >

MAGIA E POESIA DEL VINO
Concorso di pittura estemporanea

pubblicato il 24/05/2016 23:10:12
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea

“L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA”
Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.

pubblicato il 11/05/2016 10:32:30
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.

SIGNIFICATO DEI MESI IN SARDO
Aprile, secondo antichi dizionari

pubblicato il 28/04/2016 18:07:27
SIGNIFICATO DEI MESI IN SARDOAprile secondo antichi dizionari

LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE L'ISOLA DI BUDELLI
Su Nuraghe incontra Max Zegna

pubblicato il 28/04/2016 17:32:22
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna

YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARA
Una giornata di cultura e rilassamento

pubblicato il 28/04/2016 16:27:07
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento

GLI SCIALLI DI ORUNE
Sos isciallos de Orune

pubblicato il 18/04/2016 23:12:12
GLI SCIALLI DI ORUNESos isciallos de Orune

"EL VAGÒN" E "PER ANNA" VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO "VISIONI SARDE"

pubblicato il 29/02/2016 20:19:07
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE

SCORCI DI SARDEGNA
La mostra fotografica di Fabio Corona dal 27 Febbraio al 20 Marzo

pubblicato il 25/02/2016 16:11:49
SCORCI DI SARDEGNALa mostra fotografica di Fabio Corona dal 27 Febbraio al 20 Marzo

TURISTA PENTITA RESTITUISCE LA SABBIA ROSA ALL'ISOLA DI BUDELLI

pubblicato il 25/02/2016 15:34:37
TURISTA PENTITA RESTITUISCE LA SABBIA ROSA ALLISOLA DI BUDELLI

SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDE
Sono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI

pubblicato il 02/02/2016 21:03:39
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI

CASA LUSSU DIVENTA IL CENTRO DELL'ARTIGIANATO DEL TAPPETO
Tommaso e Barbara dalla città ad Armungia per un bel progetto di sviluppo locale.

pubblicato il 08/01/2016 19:02:48
CASA LUSSU DIVENTA IL CENTRO DELLARTIGIANATO DEL TAPPETOTommaso e Barbara dalla città ad Armungia per un bel progetto di sviluppo locale.

CAGLIARI SUONA
Rassegna di musica da camera
dal 27 al 30 dicembre 2015

pubblicato il 24/12/2015 18:15:39
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015

Bona Pasca 'e Nadale

pubblicato il 24/12/2015 17:25:47
Bona Pasca e Nadale

LA MONTAGNA PRODUCE
Desulo apre le sue porte per la sua XXV edizione

pubblicato il 27/10/2015 19:28:35
LA MONTAGNA PRODUCEDesulo apre le sue porte per la sua  XXV edizione

PAUL KLEE ED I MONDI ANIMATI
Al museo MAN di Nuoro dal 30 Ottobre al 14 Febbraio 2016

pubblicato il 27/10/2015 18:39:25
PAUL KLEE ED I MONDI ANIMATIAl museo MAN di Nuoro dal 30 Ottobre al 14 Febbraio 2016

ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA

pubblicato il 27/10/2015 17:17:10
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA

AUTUNNO IN BARBAGIA, "DOMOS ANTIGAS 2015
Appuntamento del 11.10.2015 a Meana Sardo

pubblicato il 07/10/2015 17:37:45
AUTUNNO IN BARBAGIA DOMOS ANTIGAS 2015Appuntamento del 11.10.2015 a Meana Sardo

TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015
Un fitto programma dall'8 al 10 Ottobre a Cagliari.

pubblicato il 07/10/2015 16:57:52
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.

IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA

pubblicato il 06/08/2015 15:34:49
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA

TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVO
Continuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda

pubblicato il 27/07/2015 10:00:11
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda

PASCOLO 2.0, PECORE COL CHIP E OVILE COMPUTERIZZATO PER IL PASTORE PIU' HI TECH D'ITALIA
In Maremma si fondono tradizione e innovazione

pubblicato il 15/07/2015 14:33:38
PASCOLO 2.0 PECORE COL CHIP E OVILE COMPUTERIZZATO PER IL PASTORE PIU HI TECH DITALIA In Maremma si fondono tradizione e innovazione

IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE

pubblicato il 12/07/2015 16:22:58
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE

BENTORNATI A CASA
Nurnet e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.

pubblicato il 03/07/2015 09:44:17
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.

RISTORANTE, LOUNGE BAR AND DELI
Un mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge

pubblicato il 02/07/2015 11:45:58
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge

IL PARCO A MILANO PER EXPO2015

pubblicato il 29/05/2015 11:12:33
IL PARCO A MILANO PER EXPO2015

CULINGIONIS DE MENDULA

pubblicato il 28/05/2015 14:01:19
CULINGIONIS DE MENDULA
Clicca sui numeri per scorrere le news
1 - 2 - 3 - 4 - 5
Offerte Sardinia In scopri la sardegna in vacanza
Cerca negli articoli

ULTIME NEWS PER CATEGORIA
News e curiosità
SANTANDRIA E IL MESE DI NOVEMBRESignificato dei mesi in sardo secondo antichi dizionari
A NULVI UN FANTASY PER LA SARDEGNALultimo libro dello scrittore Aldo Sechi
SIGNIFICATO DEI MESI IN SARDOAprile secondo antichi dizionari
GLI SCIALLI DI ORUNESos isciallos de Orune
TURISTA PENTITA RESTITUISCE LA SABBIA ROSA ALLISOLA DI BUDELLI
Sport e natura
TREKKING NEL CUORE DELLA SARDEGNASei giorni immersi nella natura del Supramonte
YOGA AL TRAMONTO SULLA GRANDE GIARAUna giornata di cultura e rilassamento
ESTRAZIONE DELLE ESSENZE: ACQUA AROMATICA DI INULA
SCUOLA DI VELA SECONDO IL METODO VELAMARE
AUTUNNO ED INVERNO IN SARDEGNA
Luoghi religiosi e musei
IL SANTUARIO DI NOSTRA SIGNORA DI GONARE
Chiesa di SantElia
Il museo del bisso
Il museo del vino a Berchidda
La via dei Santuari
Enogastonomia
BIRRE ARTIGIANALI DELLA SARDEGNAPresentata la guida sabato 26 Novembre
LA GALLURA DAI VINI DOROIl 7 Giugno a San Quirico dOrcia
TASTE OF EXCELLENCE ACCENDE LA MARINA DI PORTO CERVOContinuano le degustazioni gratuite e le cene stellate nel cuore della Costa Smeralda
CULINGIONIS DE MENDULA
I CONCERTI APERITIVO DI (TO) BE IN JAZZXIV edizione Echoes of an Era
Circoli Fasi
QUARTA EDIZIONE DI VISIONI SARDEIl bando di concorso per corti e documentari sardi.
L’ARTE DI BONARIA MANCA DAI NURAGHE ALLA TERRA ETRUSCA Il 21 e il 22 Maggio a Tuscania.
LA CAMPAGNA DI CROWFUNDING PER SALVARE LISOLA DI BUDELLISu Nuraghe incontra Max Zegna
EL VAGN E PER ANNA VINCONO I PRIMI PREMI DEL CONCORSO VISIONI SARDE
SVELATI I FINALISTI DI VISIONI SARDESono nove e saranno distribuiti nel Continente a cura della FASI
Spiagge
SPIAGGIA DI MANGIABARCHE
IS PRANEDDAS
SPIAGGIA DI TUEREDDA
SPIAGGIA DI CALA BANANA
SPIAGGIA MARI PINTAU
Eventi e feste
PRIMAVERA NEL MARGHINE A BORTIGALIDue giornate ricche di tradizioni cultura delizie gastronomiche e... primati!
A TUSCANIA CON BONARIA MANCA
CAGLIARI SUONARassegna di musica da cameradal 27 al 30 dicembre 2015
LA MONTAGNA PRODUCEDesulo apre le sue porte per la sua  XXV edizione
AUTUNNO IN BARBAGIA DOMOS ANTIGAS 2015Appuntamento del 11.10.2015 a Meana Sardo
Arte e artigianato
LASSA SAS BRULLAS DI LORENZO VACCA Il 5 Agosto a Lodine
MAGIA E POESIA DEL VINOConcorso di pittura estemporanea
SCORCI DI SARDEGNALa mostra fotografica di Fabio Corona dal 27 Febbraio al 20 Marzo
CASA LUSSU DIVENTA IL CENTRO DELLARTIGIANATO DEL TAPPETOTommaso e Barbara dalla città ad Armungia per un bel progetto di sviluppo locale.
PAUL KLEE ED I MONDI ANIMATIAl museo MAN di Nuoro dal 30 Ottobre al 14 Febbraio 2016
Mangiare
RISTORANTE LOUNGE BAR AND DELIUn mix di eccellenze targate Sardegna per l’Aqua Lounge
SA MANDRA AGRITURISMO
Ristorante trattoria Balcana
Seadas e ravioli sardi di patate formaggio e menta in Indonesia
Il ristorantino di Bosa VerdeFiume
Dormire
OLIVASTRI E LENTISCHI MILLENARIPer una vacanza in pieno relax sul lago di Liscia.
IL MIGLIOR RESORT MEDITERRANEO 2014Chia Laguna Hotel premiato al World Travel Awards
HOTEL RIVIERA
LA NOSTRA TERRASardigna
Settimana del Baratto 18-24 Novembre 2013. Ecco tutti i B&B aderenti in Sardegna
Archeologia
BENTORNATI A CASANurnet  e il gruppo Archeologia della Sardegna acquistano quattro bronzetti alla vergognosa asta di Londra.
A MONTE PRAMA UN ALTRO GIGANTEStraordinario: stavolta è intero
GIGANTI DI PRAMA TRA TOMBAROLI E NUOVE STATUE
ALLA SCOPERTA DELLA GIARA ARCHEOLOGICA
GIGANTI DI MONTE PRAMA SUL WEBInvasori digitali lanciano levento
Storie e leggende
PERCHE I SARDI BEVONO COSI TANTA BIRRA?
SU TIRAZZU
Sas dies imprestadas ed i giorni della merla
La breve emigrazione della mia famiglia. Stralci di ricordi
Rivivere la storia
Musica e poesia
TUTTO PRONTO PER IL PREMIO ANDREA PARODI 2015Un fitto programma dall8 al 10 Ottobre a Cagliari.
AL VIA IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso italiano di World Music
FABRIZIO DE ANDR CANZONI NASCOSTE STORIE SEGRETE.Il libro di Walter Pistarini
SCADE IL 31 LUGLIO IL BANDO DEL PREMIO ANDREA PARODILunico concorso Italiano di World Music
TRACCE DI TE VIAGGIO NELLA MUSICA DI FRANCESCO RENGAIl legame del cantautore alla Sardegna nel ricordo della madre.
Luoghi da vedere
UN VIAGGIO A TINNURAConosciuto come il paese dellarte
LA MINIERA DI MONTE VECCHIO
PERCHE’ VISITARE PATTADA?
LISOLA DI MAL DI VENTRE
SARDEGNA IN CAMPEGGIOSegreti per un viaggio a 5 Stelle
Sub e nautica
IL CAPODOGLIO ALBINO NEL CANYON DI CAPRERA
IMMERSIONE NELLA GROTTA DI NEREO
LA NAVE DELLISOLA DEI CAVOLI
DUE FOTO DEL MARE SARDO VINCONO PREMIO INTERNAZIONALE
Il Relitto del Clan Ogilvie